Il miglior monitor fetale

Ultimo aggiornamento: 12.09.19

 

Monitor fetali – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Questi piccoli dispositivi non sono invasivi ma consentono ai genitori comprensibilmente nervosi di tranquillizzarsi ascoltando il battito del piccolo tra una visita e l’altra. Sono pensati per uso domestico, quindi sono generalmente molto facili da usare, anche se spesso non contengono le istruzioni in italiano. Con un po’ di pratica, si avrà la gioia di ascoltare a casa quello che combina dentro il pancione e il suo cuoricino. Due sono i dispositivi che consigliamo di tenere in particolare considerazione: uno è il modello LOVOE – Rilevatore ultrasuoni è dotato di tecnologia affidabile e sicura che consente il rilevamento del battito ovunque ci si trovi, l’altro è AngelSound – Heart Monitor Baby Monitor, un cardiofrequenzimetro dall’aspetto gradevole e dotato di cuffie per immergersi nell’ascolto beato del battito della vita che cresce dentro di sé.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior monitor fetale

 

Quando si è in dolce attesa, poter ascoltare il battito del feto è un’emozione che si può provare anche a casa, grazie al monitor fetale. Questo apparecchio consente di tranquillizzare quelle mamme un po’ più ansiose, tenendo tutto sotto controllo comodamente senza dover aspettare la visita dal ginecologo.

La nostra guida è stata ideata per aiutarti a scegliere il prodotto più valido tra quelli presenti sul mercato. Dai un’occhiata ai nostri suggerimenti, si tratta di apparecchi che ci hanno colpito per l’ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

Guida all’acquisto

 

Come funziona

Il monitor fetale utilizza l’effetto Doppler per creare delle onde di frequenza a ultrasuoni, la cui eco rimbalza sugli organi interni del corpo in modo da consentire l’auscultazione di suoni ancora più profondi.

Utilizzarlo per ascoltare il battito cardiaco del feto richiede un po’ di pratica per poterlo distinguere da altri movimenti all’interno del pancione, come i calci del piccolo o il sangue che scorre. Il periodo di rilevamento può partire dalla dodicesima settimana, quando è necessario avere la vescica piena per effettuare un controllo accurato.

Il Doppler deve essere mosso con lentezza e, dopo ogni spostamento, è necessario fermarsi qualche secondo per avere un buon segnale di riflesso. La migliore marca consente di collegare l’apparecchio a un registratore o al PC, tramite un cavetto che veicoli la traccia audio.

 

Individuare i fattori principali

Quando si deve decidere quale monitor fetale acquistare, è opportuno fare una classifica dei fattori che ne indicano la qualità. Confrontare i prezzi può essere un elemento utile, anche se si deve ricordare che, se il modello scelto ha funzioni divertenti e costa poco, probabilmente la selezione non è quella migliore.

Si tratterà invece di un oggetto valido se risponderà ad alcuni criteri: innanzitutto deve essere conforme agli standard di sicurezza europei, per non mettere a rischio né la mamma né il bambino. La presenza di una garanzia assicura di non essere lasciati soli in caso di problemi e che l’azienda interverrà quando necessario.

Le sonde devono essere in numero tale da consentire il cambio per motivi di igiene e l’indicatore di pila scarica è utile a sapere quando bisogna mettere il dispositivo in carica. Un altro punto di favore è la presenza del gel ultrasonico, che dovrebbe essere incluso nella confezione, consentendo di risparmiare sul suo acquisto.

 

Qualche accortezza in più

Trattandosi di un elemento che non verrà usato che per nove mesi, è bene impostare un budget oltre al quale non spendere, per non ritrovarsi con un oggetto che poi non servirà più. A parte il gusto personale e un buon funzionamento, dal quale non si può prescindere, consultare la recensione che ne fanno altri utenti può indirizzare sul modello con il miglior rapporto qualità/prezzo.

Per prodotti del genere, è opportuno non fermarsi prettamente sul lato estetico, che serve a poco, ma sulla funzionalità: va bene dunque un monitor fetale che ti piaccia ma questo non deve essere il principale criterio di scelta.

Se si hanno dei dubbi, la presenza di un foglietto di istruzioni sarà fondamentale per comprendere meglio tutte le qualità.

 

I migliori monitor fetali del 2019

 

Ecco i cinque modelli che ci hanno più convinto tra le offerte presenti sul web. Se non sapete come scegliere un buon monitor fetale, date un’occhiata alle nostre proposte, perché potreste individuare quello giusto per voi.

 

Prodotti raccomandati

 

LOVOE – Rilevatore ultrasuoni

 

Il dispositivo è pensato per consentire alle donne a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza di monitorare il battito del feto. Si caratterizza per le sue dimensioni molto contenute e la possibilità di essere usato praticamente ovunque perché alimentato da due batterie da 1,5 volt, le classiche stilo.

Il dispositivo risponde alla normativa Europea sulla sicurezza dei dispositivi medici elettronici, la norma IEC 60601 – 1: 2006. La sonda emette un ultrasuono non invasivo per il bebè nella pancia che è in grado di rilevare la frequenza del battito del cuoricino. Lavora con una frequenza nominale di 3.0 MHz che gli consente una rilevazione del dato pressoché esatta, il margine d’errore dichiarato rientra entro un minimo o massimo di due battiti per minuto di sfrido.

Anche il margine di rilevazione del dato è piuttosto ampio, va da 50 a 240 battiti per minuto che vengono visualizzati nel comodo display cui la mamma ha comodo accesso.

 

Pro

Dispositivo a norma: La protezione dal rischio di cortocircuito o altri incidenti è garantita dalla conformità alla normativa europea sulla sicurezza dei dispositivi medici elettronici.

Periodo d’uso: Si può usare già a partire dalla dodicesima settimana, quindi dal terzo mese e sono indicate le posizioni di rilevazione del battito nel manuale allegato.

Buona dotazione: La confezione comprende, oltre alle batterie per il funzionamento del dispositivo, anche il gel, necessario per attivare la sonda che manda gli ultrasuoni che restituiscono la frequenza del battito.

 

Contro

Alimentazione solo a batterie: Se per qualche ragione le pile dovessero scaricarsi all’improvviso non c’è modo di collegare il dispositivo ad altra fonte d’energia.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

AngelSound – Heart Monitor Baby Monitor

 

Il dispositivo è tra i più economici e piace anche perché è facile da usare. È dotato di due ingressi jack, quindi compatibili con la maggior parte dei dispositivi in circolazione. Si possono collegare le cuffie per ascoltare il battito del cuore direttamente come fosse musica in beata estasi. Oppure si può collegare il cavo per registrare i suoni e inviarli ai cari lontani che sanno apprezzare questo speciale dono.

L’apparecchio è comunque dotato di altoparlanti per ascoltare il battito anche senza le cuffie. È alimentato a batterie, quindi si porta con sé facilmente dove serve, a patto di avere sempre una coppia di batterie di scorta sempre sotto mano.

Il display è comodo da leggere e mostra a schermo il valore della frequenza cardiaca rilevata. Quindi è possibile anche seguire direttamente l’evoluzione della crescita del piccolo osservando come cambia il ritmo del cuore. Man mano che cresce, infatti, il cuore si comporterà in modo diverso e sarà un piacere registrare ogni piccola variazione. Varierà anche la posizione per il rilevamento del battito, del resto il piccolo cresce in fretta e lo spazio che occupa nel ventre di mamma si riempie presto.

 

Pro

Aspetto gradevole: Non si tratta del solito sonar che si usa in reparto maternità o dal ginecologo durante i controlli di routine, ma di un oggetto dall’aspetto gradevole che celebra al meglio il suo scopo.

Dotato di doppio ingresso: Uno per le cuffie e un altro per il cavo che consente di registrare il suono della vita che prende forma dentro la sua mamma.

Da usare a partire dalla sedicesima settimana: Si adatta a fornire un dato esatto e una rilevazione efficace a partire dal quarto mese perché emette una frequenza piuttosto debole, sicura per il feto.

 

Contro

Scarna la dotazione di base: Non è inclusa la cuffia né il cavo per registrare il suono del battito, ma neanche il gel per attivare il sonar è in dotazione e va acquistato a parte.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

FindaGift Heart Monitor Baby

 

Un dispositivo piuttosto preciso e in grado di rilevare il dato a partire dalla quattordicesima settimana di vita del bimbo nella pancia di mamma. Si fa apprezzare per le sue dimensioni compatte e la possibilità di essere usato con comodità ovunque. Il cavo della sonda è lungo a sufficienza per dare agio e libertà di movimento mentre si consulta il display.

Infatti, il dispositivo è in grado di rilevare la frequenza ma anche di elaborare le curve dell’andamento del battito per dare una stima efficace della costanza e stabilità delle pulsazioni. Si distingue da altri modelli per via del minimo sfrido nella rilevazione del battito. L’errore si limita a un solo battito, in più o in meno, rispetto alla realtà.

È dotato di altoparlante che consente di sentire in maniera chiara e precisa il battito, mentre a display vengono rilevate le informazioni statistiche utili per essere certi che tutto prosegue al meglio.

 

Pro

Dotato di uscite audio: Si possono collegare le cuffie, un cavo per la registrazione del battito oppure ascoltare il bimbo attraverso l’altoparlante presente sul dispositivo.

Sonda sensibile e margine d’errore minimo: Il macchinario lavora a frequenze basse, tra 2 e 3 MHz, ma la sensibilità della rilevazione è indubbia e l’errore si limita alla rilevazione di appena un battito in più o in meno al minuto.

Facile da usare: Basta usare una piccola dose di gel da applicare sul sonar e la sonda rileva velocemente il suono del battito, sullo schermo compare la rilevazione del numero di battiti per minuto e, se si desidera, la curva dell’andamento del cuore in un determinato arco di tempo.

 

Contro

Non ha pile ricaricabili: A differenza di altri modelli dello stesso produttore, questo funziona con le classiche pile stilo e non è dotato di alimentatore per ricaricare l’apparecchio.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare un monitor fetale

 

Se siete in dolce attesa e desiderate ascoltare il battito del cuore del vostro bimbo, un monitor fetale è la scelta giusta per voi. Fino a qualche tempo fa, era necessario recarsi dal ginecologo per farlo, ma oggi è possibile godere di questa possibilità in qualsiasi istante.

Un apparecchio progettato per rispondere alle esigenze delle mamme più ansiose, per farle stare tranquille e aiutarle nella loro nuova speciale avventura. In questo articolo troverete dei consigli utili su cosa valutare per l’acquisto del monitor fetale adatto a voi.

 

 

Come funziona un monitor fetale?

Un monitor fetale crea delle onde di frequenza a ultrasuoni che consentono di sentire quei suoni che sono generalmente ovattati e nascosti dalla presenza del liquido e della sacca che contiene il feto, oltre alle barriere costituite dalla pancia della mamma.

Dalla dodicesima settimana sarà possibile cominciare ad ascoltare il battito del cuore del bimbo, imparando a distinguerlo dai suoi movimenti o dal sangue che scorre. Il monitor è uno strumento molto sensibile e per utilizzarlo al meglio ci vorrà qualche minuto di pratica.

 

Come si utilizza

Per utilizzare un monitor nel modo giusto è importante eseguire i movimenti corretti e muoversi lentamente, fermandosi dopo ogni spostamento per cercare di rilevare l’attività cardiaca. Prendetevi del tempo e fate tutto con calma, in questo modo potrete familiarizzare con l’apparecchio. I modelli più innovativi consentono di collegare il Doppler al computer o a un registratore.

Il monitor è uno strumento di utilizzo professionale, revisionato per renderlo adatto all’uso domestico, non per questo si tratta di un gioco e quindi vi consigliamo di diffidare dai modelli che costano molto poco e dotati di funzioni che esulano dall’ascolto del battito del neonato.

 

Le caratteristiche più importanti…

Un monitor di buona qualità deve essere conforme agli standard di sicurezza europei, in modo tale da garantire completa sicurezza per il piccolo e la sua mamma. La presenza di una garanzia è sintomo di affidabilità e rassicura l’acquirente in caso di guasto o problemi con il prodotto.

Un monitor di qualità ha inoltre delle sonde da poter cambiare per motivi igienici e un indicatore che segnala quando è il momento di cambiare le pile. Infine, per non farvi mancare nulla non dimenticate il gel ultrasonico, spesso incluso nei migliori prodotti.

 

 

…e quelle da non sottovalutare

Il monitor fetale è un apparecchio con una specifica funzionalità, quindi il lato estetico non può avere la meglio, almeno non questa volta. Se vi piace tanto meglio, ma vi consigliamo di non basare la vostra scelta solo ed esclusivamente sul design.

Considerate ovviamente il vostro budget e le caratteristiche principali del monitor fetale, in questo modo potrete assicurarvi un acquisto di buona qualità.

 

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

 

ANAPULSE Display LCD

 

Le mamme più ansiose e attente sentiranno presto la necessità di controllare il battito del proprio bambino quando ne sentono il bisogno e senza dover aspettare la visita dalla ginecologa. Per questo motivo è opportuno scegliere il miglior monitor fetale tra quelli in commercio, per essere sicuri di rilevare con esattezza tutti i valori che si intendono esaminare.

Anapulse ha ideato un dispositivo che può andare bene anche per un uso professionale, data la qualità della strumentazione. Non avrà necessità di corrente perché funziona tramite due pile stilo, che dureranno abbastanza se si tiene conto di non utilizzarlo troppo spesso, anche per una questione di sicurezza.

Si tratta sempre di onde che vengono rilasciate e alle quali i piccoli non devono essere esposti a lungo.

Il funzionamento è molto semplice, grazie anche alle istruzioni accluse che aiutano ad addentrarsi in un campo non noto a tutti. Il display LCD consente di visualizzare la frequenza cardiaca del feto ed è di facile lettura per la sua retroilluminazione. Anche in presenza di troppa o poca luce non sarà difficile individuare il risultato.

Il gel, indispensabile per far funzionare bene il dispositivo, è incluso nella confezione ma la sua quantità sembra esigua a qualche utente che mette in conto di usarne di più.

La nostra guida per scegliere il miglior monitor fetale include prodotti validi sia per un uso casalingo, sia professionale. È questo il caso del modello di Anapulse, che andiamo a rivedere qui nel dettaglio, esaminandone pro e contro.

 

Pro

Portatile: Chi è alla ricerca della comodità, troverà ideale questo strumento, che non ha bisogno di una presa di corrente per funzionare, ma si serve di due semplici pile stilo. Le mamme più ansiose potranno così utilizzarlo ovunque e senza dover per forza trovare una presa.

Display: Lo schermo è LCD e molto facile da leggere, specialmente per la presenza della retroilluminazione, che aiuta a distinguere i valori anche in condizioni di buio.

Istruzioni: Se non avete mai avuto a che fare con oggetti del genere, la presenza di istruzioni accluse vi aiuterà a comprendere il funzionamento, che risulta molto semplice per tutti.

 

Contro

Gel: Questo elemento, indispensabile per mettere in azione la macchina, anche se incluso non sembra essere sufficiente a chi vuole farne un uso frequente, per cui dovrà comprarne altro a parte.

 

 

UnbornHeart UB001

 

Quando si aspetta un bambino è normale voler condividere con la famiglia tutte le emozioni che si provano. Acquistare un monitor doppler in grado di registrare e inviare i battiti del piccolo a chi si desidera, può essere un modo in più per rendere partecipi gli altri della propria felicità.

Dalla comparazione tra i vari modelli venduti online, è emerso quello di UnbornHeart che è pensato proprio per chi ha particolare dimestichezza con la tecnologia. Il dispositivo è infatti in grado di registrare i battiti e di consentirne l’invio tramite email o SMS, oltre alla condivisione sui principali social come Facebook e Twitter.

Basta scaricare sullo smartphone l’applicazione dedicata, collegare il monitor con il cellulare tramite il cavo incluso nella confezione e ascoltare la frequenza cardiaca del feto. Se si vuole farlo in intimità, è sufficiente utilizzare solo le cuffie per godere di un momento magico a tu per tu con proprio piccolino.

Alcuni utenti ritengono che, nonostante la presenza del libretto di istruzioni, il suo funzionamento non sia dei più semplici, data la non eccessiva potenza del prodotto e la difficoltà a individuare immediatamente il battito. Tuttavia la certificazione CE ne assicura la conformità alla normativa europea e lo rende uno dei migliori monitor fetali del 2019.

Un altro modello che ha conquistato i pareri positivi di molti acquirenti è quello di UnbornHeart. Viste le sue caratteristiche, esaminiamo di nuovo più a fondo i suoi pregi e i suoi difetti, per farvene avere un’idea più completa.

 

Pro

Interattivo: Il principale pregio di questo monitor fetale è la possibilità di registrare i battiti del piccolo e inviarli tramite email o SMS, se non addirittura condividerli sui social. In questo modo potrete rendere partecipi della vostra gioia anche le persone care che vivono particolarmente lontane.

Cuffie: Se desiderate un po’ di intimità con il vostro piccolo, le cuffie in dotazione vi consentiranno di ascoltare in privato il cuore del feto, per un momento riservato e privato.

Certificazioni: La presenza della certificazione CE assicura la conformità del prodotto alla normativa europea, così da non far correre rischi né alla mamma né al piccolo.

 

Contro

Funzionamento: Nonostante la presenza del libretto di istruzioni non appare troppo facile farlo funzionare, specialmente perché pare abbia qualche difficoltà a individuare il battito in breve tempo.

 

 

WINGONEER JT-S06

 

Se non sapete ancora quale monitor fetale comprare, date uno sguardo fino in fondo ai nostri consigli d’acquisto perché potreste individuare quello che fa per voi. Come quello di Wingoneer, che non è tra i più venduti ma ha delle caratteristiche tali da essere candidato a diventare presto il più amato dagli utenti.

Questa strumentazione è di livello alto, per cui il prodotto può essere utilizzato anche come monitor fetale professionale. In effetti il suo uso non risulta molto intuitivo, perché non è sempre facile individuare all’impronta il battito cardiaco, che si confonde con altri suoni interni.

Basta però un po’ di allenamento e si diventerà bravi come un operatore professionista, anche perché l’assenza di istruzioni in italiano non fornisce un aiuto in più. Il monitor è di facile lettura perché retroilluminato e l’altoparlante rende ancora più vivo il battito che sarà anche più semplice da udire.

Le certificazioni presenti sono varie, come la CE, la RoHS e la FDA, che vi assicurano la conformità del prodotto a tutte le norme di sicurezza, per cui potrete usarlo senza alcun timore. Funziona grazie a due batterie stilo incluse nella confezione, mentre il gel non è compreso e deve essere acquistato a parte per consentire un uso corretto dello strumento.

Un altro valido monitor, che si candida a diventare uno dei più venduti online. Se non sapete dove acquistare questo prodotto, vi rimandiamo al nostro link in fondo che vi rimanda al sito più economico. Intanto, riesaminiamo insieme i lati positivi e negativi che lo contraddistinguono.

 

Pro

Professionale: Le prestazioni di questo articolo ne suggeriscono non un mero uso casalingo. Sarà quindi possibile utilizzarlo in uno studio specializzato, con buoni risultati.

Monitor: È LCD e retroilluminato, così da rendere più facile leggere i valori anche in assenza di luce.

Altoparlante: Grazie a questo elemento, il battito sarà più forte e chiaro e non dovrete sforzarvi per percepirlo.

Portatile: Funziona grazie a due batterie stilo, per cui potrete portarlo ovunque con voi e non avrete per forza la necessità di trovare una presa per attivarlo.

Certificazioni: La presenza della CE, la RoHS e la FDA garantiscono la conformità del prodotto a tutte le norme di sicurezza, per cui potrete utilizzarlo senza alcun timore per voi o per il feto.

 

Contro

Funzionamento: Non è molto facile azionarlo e distinguere il battito da altri rumori. Sarà necessario fare un po’ di pratica prima di poterlo maneggiare con disinvoltura.

 

 

Sonoline B

 

È un modello con un ottimo rapporto qualità/prezzo e non a caso è uno dei più apprezzati e venduti sul mercato. Le funzioni che interessano maggiormente i genitori apprensivi sono tutte presenti: sul monitor retroilluminato compare la frequenza cardiaca del frugoletto – visibile in diverse modalità – ed è possibile ascoltare con buona nitidezza tutto quello che combina nel pancione.

Come conferma la maggior parte dei consumatori, il dispositivo è facile da usare, anche se non ci sono le istruzioni in italiano (altro piccolo neo è l’assenza del gel che quasi tutti preferiscono perché più pratico di altri sistemi).

Ci vuole solo un po’ di pratica per capire bene dove posizionare la sonda e per distinguere i suoni, magari aiutandosi con la rotellina laterale che serve per regolare il volume. Le pile sono incluse, mancano invece cuffie e registratore.

Al primo posto della nostra guida per scegliere il miglior monitor fetale troviamo dunque uno dei prodotti di maggior successo sul mercato, il Sonoline B. Ecco un breve quadro riepilogativo dei suoi pro e contro.

 

Pro

Qualità/prezzo: Si tratta di un dispositivo che ha stupito i genitori apprensivi per l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Lo strumento fa quello che ci si aspetta egregiamente e non obbliga a spendere cifre eccessive.

Funzioni: Il Doppler permette di visualizzare sul display retroilluminato la frequenza cardiaca in diverse modalità. È possibile ascoltare i suoni piuttosto rapidamente e regolare il volume.

Facile da usare: Stando ai pareri della maggior parte di genitori, dobbiamo convenire che il monitor fetale è di facile utilizzo, basta solo un po’ di pratica.

 

Contro

Manca qualcosa: Tra le cose che mancano, si sente la mancanza soprattutto del gel. Sarebbero poi state gradite le istruzioni in italiano. Mancano anche cuffie e registratore. Le pile invece sono incluse.

 

 

Momcozy CK-M2QR-K3TD

 

Anche in questo caso ci troviamo di fronte a un dispositivo molto apprezzato da mamme e papà. Qui è incluso anche il gel, quindi si può subito cominciare ad ascoltare i calci, il singhiozzo e soprattutto a controllare il battito del piccolino.

Il dispositivo ha una sonda da 3 MHz che consente di individuare efficacemente la posizione migliore per ascoltare il battito con una precisione di ± 2 bpm. L’altoparlante con riduzione di rumore assicura una buona nitidezza di ascolto, mentre l’uscita jack permette di collegare qualunque tipo di cuffia (non compresa).

Il monitor può essere impostato su tre modalità: manuale, media e tempo reale, mentre il battito può essere visualizzato in due modi, con una curva o in forma digitale.

Ha un grado di impermeabilità IPX4, per cui il dispositivo è protetto dagli spruzzi d’acqua. Facile da usare, anche in questo caso non ha le istruzioni in italiano.

Ecco un altro modello estremamente apprezzato dai genitori. Qui di seguito un breve riepilogo dei principali vantaggi e svantaggi del nuovo monitor fetale commercializzato da Momcozy.

 

Pro

Gel incluso: Della dotazione fa parte il gel, per cui non andrà acquistato a parte. Appena scartato il monitor dalla confezione, sarà subito possibile ascoltare quello che succede nel pancione.

Efficace:  La sonda da 3 MHz permette di individuare piuttosto agevolmente la posizione migliore per ascoltare il battito con un’accuratezza di ± 2 bpm e una nitidezza soddisfacente.

Modalità diverse: Come tutti i migliori modelli, anche questo permette di impostare il monitor in tre modalità diverse e di visualizzare il battito con una curva o in formato digitale.

 

Contro

Istruzioni: Come spesso accade per questi dispositivi, non sono presenti le istruzioni in italiano.

 

 

Sonoline A

 

Qui bisogna prestare attenzione soprattutto al monitor che non è come quello del Sonoline B. Questo modello è infatti pensato per l’auscultazione più che per la visualizzazione e, ciononostante, il prezzo è attualmente superiore.

L’emozione che si prova ascoltando il cuoricino che batte rimane comunque impagabile e infatti i genitori si sono detti per lo più soddisfatti.

Le dimensioni sono le stesse del Sonoline B, per cui il dispositivo si maneggia con facilità e può essere messo in tasca. L’utilizzo è facile perché i tasti sono pochi e piuttosto intuitivi, nonostante l’assenza cronica di istruzioni in italiano, o addirittura di istruzioni tout court.

È possibile collegare le cuffie o altri dispositivi per la registrazione che non sono inclusi, così come il gel che manca anche qui.

Della nostra classifica fa parte un altro Sonoline, questa volta il modello A, più semplice perché pensato solo per l’auscultazione.

 

Pro

Pratico: Anche questo dispositivo, come gli altri, si rivela estremamente pratico da maneggiare e da trasportare.

Facile: È possibile ascoltare il battito del cuoricino e gli altri rumori del frugoletto con grande semplicità perché questo strumento è alla portata di tutti.

 

Contro

Senza monitor: Questo è un modello pensato per l’auscultazione, per cui non permette di visualizzare il battito come il Sonoline B.

Prezzo: Nonostante questa mancanza, il dispositivo costa di più, pur non includendo gel o cuffie, che comunque si possono collegare. Mancano anche le istruzioni in italiano.

 

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...