Cos’è la gravidanza isterica e da cosa deriva

Ultimo aggiornamento: 26.10.21

 

Si definisce così quel particolare fenomeno che interessa una piccola fetta della popolazione femminile che vive su di sé i sintomi della gravidanza, quando invece non c’è

 

La gravidanza isterica, nota anche con il nome di pseudociesi è un evento poco noto e sul quale ruota un certo alone di pregiudizio. Le donne che lo vivono, spesso manifestano un disagio psicologico di natura profonda e spesso non da trascurare. Il desiderio della maternità è infatti oggetto di stravolgimenti profondi nella psiche femminile. Esistono ancora pregiudizi sul ruolo della donna e il parametro del suo successo personale si misura con la capacità di procreare.

Spesso sottoposte a pressioni che superano le capacità personali, isolate e non supportate a sufficienza, le donne possono somatizzare il disagio in questo modo eclatante. Del resto, questo avviene anche ad altre specie di mammiferi e potrebbe essere un messaggio che il corpo trasmette e che è il caso di approfondire e comprendere a fondo.

 

Cosa vuol dire credere di essere incinta

La gravidanza è associata a un periodo di grandi trasformazioni sotto il piano fisico e psichico, guidato dallo stravolgimento ormonale che la caratterizza. Tante donne riportando la loro esperienza durante la gravidanza parlano di percezione aumentata della propria consapevolezza. Una descrizione che il più delle volte è incomprensibile per chi non ha vissuto questa esperienza in maniera diretta. Da qui lo sviluppo di paura incontrollata nei confronti dell’incertezza e della imprevedibilità della manifestazione dei segnali della gravidanza.

La gravidanza isterica è l’autoconvinzione che nel proprio corpo stia avvenendo qualcosa di incontrollabile e imperscrutabile. Si associano una serie di fenomeni ricorrenti quando si parla di questo particolare evento.

La mancanza di mestruazioni è il primo elemento, la convinzione può durare fino alla ricomparsa del ciclo. Può persino ripresentarsi ogni mese nelle donne che manifestano uno spiccato desiderio di avere un bambino. Può riguardare anche quelle donne che invece vivono un conflitto interiore, in cui il desiderio di maternità è in contrasto con la loro condizione di vita attuale.

 

I sintomi della gravidanza isterica

Ci vuole poco per svelare la verità e scoprire se i sintomi riportati siano reali o fittizi. Basta eseguire un rapido test sulle urine o effettuare un’ecografia per accertare tale eventualità.

Eppure possono esserci casi in cui si arriva a somatizzare la propria convinzione tanto da percepire sensazioni nette e, in apparenza, inconfutabili. La percezione dei movimenti del feto, l’ingrossamento del seno, l’aumento di peso, il rigonfiamento della pancia. Sono tutte testimonianze riportate da chi dichiara di avere patito questo disturbo. Al contrario di quanto possa succedere a chi ha dubbi in seguito a un rapporto non protetto, chi immagina di sentire la gravidanza di fatto vive un disturbo.

In particolare, nel Manuale Diagnostico e statistico dei disturbi mentali, che è il punto di riferimento in ambito psichiatrico, questo viene definito come disturbo somatoforme. La mente riesce a influenzare la produzione di ormoni coinvolti nella regolazione del ciclo mestruale. Di fatto fino a convincere il corpo che ci sia una gravidanza in corso. Non si tratta di essere incinta senza sintomi, ma al contrario di manifestarne una ricca gamma.

Alcune manifestazioni possono interessare l’intero processo che regola il ciclo, intervenendo sulle relazioni tra ipofisi, ipotalamo e ovaio di fatto provocando una produzione di ormoni maggiore. Questi a loro volta sono i responsabili delle mutazioni fisiche che avvengono nel corpo, manifestandosi con la produzione di latte, o una sostanza simile, il rigonfiamento dell’addome o l’inturgidimento dei seni.

Le relazioni con la depressione

Si considera che la gravidanza isterica sia la manifestazione di un disagio mentale che potrebbe essere causato da uno stato depressivo. La sua portata non è nota, di certo non tutte le donne affette da depressione sviluppano questo tipo di reazione psicosomatica. Ma è noto che nelle donne in cui questi due aspetti si associano, le reazioni possono essere particolarmente impattanti a livello fisico, interessando i recettori della serotonina e in generale i neurotrasmettitori che inviano messaggi al cervello per la decodifica delle condizioni di funzionamento dell’organismo.

 

Un fenomeno in calo

La letteratura tende a sottostimarne l’impatto sulla popolazione femminile nelle regioni di maggiore benessere. Se ne rileva una maggiore incidenza nelle aree rurali contraddistinte da una minore occupazione lavorativa della donna e la maggiore tendenza a identificare il loro ruolo con il concepimento e la maternità.

Il dato che salta all’occhio negli studi condotti dai medici nel XVIII e XIX secolo è che il fenomeno riguardasse in buona percentuale le donne che avevano già avuto un bambino. Stupisce una donna in grado di distinguere come riconoscere una pancia da gravidanza potesse tuttavia essere così vulnerabile alla suggestione.

Col passare del tempo e con l’introduzione di nuove regole sociali, il ruolo della donna non è più identificato con la sola capacità procreativa. Anche per questa ragione si tratta di una circostanza in calo e con un’incidenza talmente bassa da non essere rilevata nelle statistiche mediche con precisione.

 

I cambiamenti fisiologici: la menopausa

Un altro caso in cui si può manifestare questo disagio è a ridosso della fine del ciclo riproduttivo. Durante la premenopausa è ancora possibile restare incinta. Di certo non rappresenta la condizione ottimale per la donna che ha già raggiunto e superato l’età della maturità e si appresta a terminare il proprio periodo di fertilità.

In questo caso è la paura di una gravidanza in menopausa a determinare lo stadio di disequilibrio che porta a credere quello che non c’è. Sembra difficile immaginarne la gravità, specie oggi che tutte sanno come capire di essere incinta e c’è libero accesso agli strumenti utili per rilevarlo senza dubbi o a capire come riconoscere la pancia bassa in gravidanza.

Eppure la problematica non riguarda solo la donna, in natura può coinvolgere anche altri mammiferi. In particolare, la gravidanza isterica nel cane ha sintomi simili. Anche qui si manifestano fenomeni di natura comportamentale e fisica. Un po’ come farebbe una donna spingendosi fino a comprare un lettino per neonati così, anche il cane tende a costruirsi una sorta di nido. Raccoglie coperte, appronta un giaciglio per accogliere il cucciolo e arriva ad adottare dei peluche accudendoli come fossero suoi figli.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI