I 13 Migliori Passeggini del 2023

Ultimo aggiornamento: 27.01.23

 

Passeggino – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni 

 

Scegliere il passeggino non è mai facile. Si tratta di un elemento che difficilmente riesce a soddisfare le esigenze di tutti alla stessa maniera.

Il nostro suggerimento va a questi due articoli: il Safety 1St Urby è un modello leggero e ultra compatto progettato per semplificare al massimo la vita di mamma e papà grazie al sistema di chiusura rapido che permette di trasportarlo in totale comodità, mentre Hauck/ Shopper SLX Trio Set si rivolge a quanti vogliono un trio che sia affidabile ma allo stesso tempo anche non eccessivamente costoso.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I 13 Migliori Passeggini – Classifica 2023

 

Un buon passeggino deve essere in grado di semplificare gli spostamenti da casa verso le mete di ogni giorno. Per far bene il suo dovere deve rispondere a requisiti specifici.

Passiamo ora in rassegna i migliori passeggini del 2023 siamo certi che tra questi si trova quello che potrà ispirarvi in vista di un prossimo acquisto.

 

 

Passeggino leggero

 

1. Safety 1St Passeggino Leggero Urby

 

Tra i numerosi passeggini venduti online e nei negozi specializzati dove acquistare prodotti per l’infanzia a prezzi bassi, abbiamo deciso di assegnare il primo posto della nostra classifica al Safety 1St Urby per l’eccellente qualità costruttiva e la notevole praticità di trasporto.

Facilmente ripiegabile su se stesso grazie all’intuitivo sistema di chiusura a ombrello che ne riduce al minimo l’ingombro, si presta a incontrare i favori di chi ha la necessità di portarlo con sé in viaggio e ovunque sia necessario.

Non occupa troppo spazio nel bagagliaio dell’auto o a bordo dei mezzi di trasporto come pullman, treni e aerei, inoltre pesa meno di 5 chilogrammi.

Ma non è finita qui, perché nella confezione di vendita sono inclusi diversi accessori: ampia capottina facilmente removibile, cestello, parapioggia e coprigambe.

La seduta imbottita e lo schienale reclinabile in cinque diverse posizioni seguono le fasi di crescita del bimbo fin dai primi mesi di vita, permettendogli di assumere una posizione comoda per guardarsi attorno o schiacciare un pisolino comodamente sdraiato.

 

Pro

Leggero e compatto: La caratteristica che ha maggiormente colpito tanto noi quanto gli utenti è la praticità di trasporto del passeggino, una caratteristica che si pone al servizio di quanti cercano un modello funzionale e facile da riporre anche in caso di viaggi in aereo.

Regolabile: Schienale e poggiapiedi si possono regolare in base alle esigenze per migliorare il comfort complessivo della seduta, mentre la capottina reclinabile assicura protezione dagli agenti atmosferici e dai raggi UV.

Sicurezza: L’imbracatura a cinque punti integrata impedisce al bimbo di scivolare o cadere durante le passeggiate, senza però limitarne la libertà di movimento.

 

Contro

Guida: Al vantaggio della leggerezza si contrappone una minore praticità di guida, visto che sulle superfici più dure e irregolari le ruote tendono a incepparsi rendendo, di conseguenza, anche più difficile ruotare il passeggino.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Kinderkraft Passeggino Buggy Ultraleggero

 

Un altro passeggino leggero da prendere in considerazione è questo proposto da Kindkraft, un marchio che si fa apprezzare per i prezzi contenuti e la buona qualità dei propri articoli.

In questo caso si fa apprezzare soprattutto per la sua forma snella e agile che consente al piccolo di guardarsi intorno e di sentirsi libero nei movimenti.

Piace parecchio il maniglione che consente al pupo di aggrapparsi e osservare il mondo fuori mentre si va a passeggio.

È disegnato per ricompattarsi completamente e occupare poco spazio, tanto da poter essere portato a tracolla o come fosse uno zaino.

L’apertura e la chiusura sono il punto forte di questo passeggino che risponde bene ai comandi anche con una sola mano. Una buona soluzione per chi deve spesso spostarsi in auto e deve essere agile e veloce nei movimenti.

Buona la possibilità di regolare la posizione dello schienale che si reclina in maniera fluida e senza scatti, così da non disturbare il bambino se ha appena preso sonno.

 

Pro

Facile da aprire e chiudere: Questo è di certo il punto forte del passeggino che si rimette in posizione o si chiude con un semplice gesto della mano e un movimento fluido e dinamico.

Buona dotazione di accessori: Comprende il parapioggia, il cestino sotto il sedile e le protezioni per i piedi, infine è incluso anche il portabicchiere per tenere a portata di mano biberon e altro senza rischiare che si versi.

Ruote agili e veloci: Le rotelle sono ben fatte, sono in gomma e la loro qualità soddisfa al meglio le aspettative.

 

Contro

Poco funzionale la cappottina: Copre poco perché piuttosto piccola e in più è anche poco stabile e tende a muoversi durante la passeggiata.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Passeggino trio

 

3. Hauck/ Shopper SLX Trio Set/ Trio Passeggino 3 in 1

 

Questo trio fa bene il proprio lavoro, è pensato per offrire tutto quello che serve al neonato durante i primi spostamenti a piedi o in auto. E al miglior prezzo.

Si tratta di una soluzione ricca di accessori e pensata per soddisfare chi ha bisogno di un trio d’appoggio o da sfruttare in una seconda casa senza spendere cifre importanti.

L’ovetto incluso per il trasporto in auto è omologato fino ai 13 chili del piccolo, quindi si può usare a lungo o fino a quando la postura del piccolo lo consenta senza affossare troppo dentro il piccolo supporto.

La navicella grande è perfetta per mantenere la schiena del neonato completamente dritta e quindi senza inclinazioni che potrebbero affaticare la colonna vertebrale.

Nella versione passeggino piace perché la seduta è comoda e si può usare a lungo, almeno fino ai 25 chili di peso del piccolo. Quindi può accompagnare gli spostamenti a piedi per tanto tempo.

 

Pro

Leggero ma economico: Costa poco per essere un passeggino trio e il suo peso è molto contenuto così da poter essere usato in viaggio, perché comodo da portare in auto o imbarcare in stiva.

Buona la qualità dei materiali: I tessuti sono testati dal produttore anche al di fuori di quanto impone la normativa per la sicurezza dei materiali. La struttura è solida anche se leggera.

Fino a 25 chili di peso: A differenza di molti passeggini che è consigliabile utilizzare solo fino a che il bimbo raggiunge i 15 chili, qui ci si può spingere oltre ancora per qualche anno.

 

Contro

Ruote poco stabili: Le ruote non sono facili da governare e il passeggino può essere difficile da condurre lungo percorsi non perfettamente pianeggianti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Passeggino Chicco

 

4. Chicco Passeggino London Up

 

Quasi imbattibile, il London Up rimane uno dei modelli preferiti di sempre tra i passeggini Chicco. La ragione sta nel prezzo contenuto e nella buona qualità dei materiali usati per la sua realizzazione.

Ha una struttura molto compatta e facile da gestire tra gli ostacoli di città. Si destreggia bene su ogni percorso anche grazie alla presenza delle quattro coppie di rotelle.

In questo modo non rischia di restare incastrato sui marciapiedi lastricati del centro storico.

Lo schienale si reclina con facilità con una sola mano, così da non disturbare il sonno del piccolo se si è addormentato. Si può regolare su quattro posizioni, per trovare quella ottimale in base all’esigenza del momento.

Un po’ spartano per quanto riguarda la struttura, ha comunque una dotazione minima di accessori che ne migliorano le possibilità d’uso.

La cappotta si può regolare in modo da coprire di più o di meno la testa del bimbo, riparandola dal sole. In dotazione è presente anche la mantellina parapioggia integrale per non trovarsi impreparati con qualsiasi tempo.

Anche se non è molto spazioso, è presente un cesto portaoggetti sotto la seduta.

 

Pro

Conveniente: Parliamo di un prodotto che si fa apprezzare non solo per il prezzo low cost ma anche per l’elevata qualità dei materiali utilizzati per la sua realizzazione.

Comodo: La struttura è studiata per ottimizzare l’utilizzo in città e ovunque ci sia bisogno di agilità per muoversi tra spazi stretti e ostacoli.

Regolabile: Tra le varie possibilità offerte c’è quella per gestire al meglio la cappotta così da riparare la testa del bimbo dai raggi solari.  

 

Contro

Chiusura a ombrello: Questo meccanismo rende poco pratico il passeggino quando è chiuso perché non resta in piedi e ha un ingombro tale da non entrare nel portabagagli di tutte le utilitarie.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Chicco Simplicity Plus Top Passeggino

 

Il modello Simplicity è molto essenziale ma ha tutte le carte in regola per essere usato come passeggino di città.

Il suo punto di forza sta tutto nella presenza delle quattro coppie di ruote che gli permettono di muoversi con agilità anche su percorsi accidentati, come il pavé del centro storico. 

Le ruote sono piroettanti e si possono bloccare sia frontalmente che sul retro, in modo da decidere per la marcia solo dritta o per tenere fermo il passeggino sul posto.

Si chiude con una sola mano grazie a un sistema di sblocco molto intuitivo e rapido, comodo quando si ha in braccio il piccolo e ci si deve liberare dell’ingombro del passeggino.

Una volta chiuso risulta piuttosto compatto, pur non essendo il più piccolo in circolazione. Si afferra dal manico al centro e si porta come fosse una valigia.

Se invece non deve essere trasportato, rimane in piedi da sé senza dare noia. Alla base è presente un cestello piuttosto capiente, che all’occorrenza può essere rimosso per fare spazio ad altro, oppure per avere accesso al contenuto.

 

Pro

Linee essenziali: Il modello si contraddistingue per la sua struttura semplice e lineare pur non essendo il solito passeggino compatto da città.

Con ruote piroettanti: Sono quattro coppie di rotelle che consentono di farsi strada anche su terreni difficili, con buche o irregolarità sul selciato. Le frontali sono anche piroettanti per cambiare velocemente direzione di marcia.

Sta in piedi: Quando si chiude non serve metterlo per terra, infatti si regge dritto in posizione ben stabile. Occupa poco spazio e si può mettere anche nel portabagagli di una piccola utilitaria.

 

Contro

Poco pratica la chiusura: Da un modello che si chiama Simplicity ci si aspetterebbe maggiore praticità al momento di aprirlo o chiuderlo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Passeggino Inglesina

 

6. Inglesina Sketch Passeggino Leggero

 

Questo passeggino Inglesina si presta a sostituire il trio da quando il bambino raggiunge i sei mesi d’età per offrire un supporto più leggero e maneggevole.

Si apre con facilità e altrettanto velocemente si richiude per occupare poco spazio, inoltre è anche pensato per stare in piedi da solo, il che rappresenta una bella comodità, soprattutto se lo spazio in casa scarseggia.

Ha lo schienale reclinabile in tre posizioni e così segue le necessità del bimbo offrendo una postazione per osservarsi attorno o per schiacciare un pisolino comodamente.

Attenzione però perché rialzare lo schienale, in modo particolare quando il bambino si trova all’interno, non è così agevole e richiede una certa forza.

Anche il poggiapiedi si può reclinare o sollevare per aumentare il comfort complessivo della seduta.

La capote parasole si può regolare per proteggere il viso del bimbo e ha un tessuto con trattamento contro i raggi UV e fattore di protezione upf 50+.

Il cestino, collocato nella parte inferiore, è molto ampio e profondo rispetto alla media e in questo modo permette di caricare tutto quello che serve.

 

Pro

Facile da aprire e chiudere: Il meccanismo per bloccare e sbloccare la struttura è intuitivo e consente di semplificare le operazioni che si possono fare anche con una sola mano.

Seduta comoda: Lo schienale si può regolare per adattarsi alla necessità del momento, anche la pedana dove poggiano le gambe può essere reclinata in orizzontale o verticale al bisogno.

Protezione frontale: La capote è dotata di frontalino estraibile per garantire una migliore schermatura dei raggi UV anche grazie al fattore di protezione 50+.

 

Contro

Schienale: Quando è completamente reclinato, nel caso il bambino sia all’interno, non è leggerissimo da sollevare e obbliga a un certo sforzo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Passeggino gemellare

 

7. Besrey Passeggino Gemellare Doppio

 

Un buon passeggino gemellare deve essere progettato per garantire comodità a entrambi i fratelli, in questo caso anche la seduta posteriore dà spazio per le gambette.

La struttura del passeggino è a treno e per questo uno dei due dovrà rassegnarsi a una visuale un po’ limitata, ma la presenza di un apposito vano per appoggiare i piedi lo rende comodo e comunque una buona soluzione per rendere gli spostamenti più confortevoli.

I pareri degli utenti confermano la buona qualità della struttura in sé.

Solida, robusta, ben piazzata a terra, si destreggia al meglio tra gli ostacoli anche per via dell’ingombro minimo pari a un classico passeggino con una sola seduta.

Entrambi gli schienali sono reclinabili e non essendo affiancati l’uno all’altro, le sedute sono ampie e comode.

Si piega con facilità e si può nascondere dietro una porta perché poi l’ingombro è molto ridotto.

 

Pro

Di dimensioni compatte: Quando si chiude occupa poco spazio e si ricompatta del tutto in modo da trovare subito posto nel baule dell’auto. Oppure per trovare posto in casa quando non serve.

Prezzo interessante: I passeggini gemellari di solito hanno un costo maggiore, mentre questo si fa apprezzare soprattutto per il buon rapporto qualità/prezzo.

Facile da aprire e chiudere: Bastano pochi movimenti per richiudere la struttura, basta premere un pulsante e il gioco è (quasi) fatto.

 

Contro

Seduta posteriore stretta: È un limite che accomuna molti passeggini doppi a treno, e questo non è escluso. Il piccolo che si trova dietro ha poco spazio per muoversi e potrebbe dar fastidio a quello che siede avanti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Passeggino Peg Perego

 

8. Peg Perego IP02300079CH41TX41 Passeggino Compatto

 

La presenza delle tre ruote rende questo passeggino Peg Perego adatto a cavarsela sui percorsi più difficili destreggiandosi tra gli ostacoli.

Le ruote sono realizzate in modo da essere parecchio solide e resistenti, quindi adatte ad accompagnare anche le gite all’aperto in mezzo a sentieri e natura.

Affronta bene sentieri difficili come quelli acciottolati dei centri storici dove altrimenti si balla un po’, ma se la cava bene anche su sabbia, prato o sterrato.

È un trio, quindi comprende anche la culla e il seggiolino auto da usare dalla nascita e per i primi mesi di vita del bambino.

Peg Perego colpisce nel segno anche perché la qualità dei materiali è molto buona e i gadget inclusi sono di alta qualità.

Per esempio, la cappottina si può usare per proteggere dal sole o per avvolgere completamente il passeggino con una retina che consente comunque il perfetto passaggio dell’aria. Il tessuto ha un fattore di protezione contro i raggi UV di 50+.

 

Pro

Su tre ruote: In questo modo la stabilità del passeggino non viene compromessa ma migliora la capacità di affrontare i terreni più difficili senza che le ruote si inceppino.

Buoni i materiali: La qualità dei materiali impiegati per la realizzazione del passeggino non si discute, sono robusti e resistenti, tanto per quanto riguarda la struttura che i tessuti impiegati per i diversi elementi.

Dotazione ricca: Si tratta di un trio, quindi comprende tutti gli elementi per trasportare i neonati sin dai primi giorni di vita, in strada come in macchina. Sono inclusi anche parapioggia ed elemento per proteggere le gambe.

 

Contro

Poco pratica la regolazione dello schienale: Quando il bimbo si poggia con il suo peso non è facilissimo inclinare lo schienale del sedile senza dar fastidio al piccolino.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Passeggino CAM

 

9. CAM Il Mondo del Bambino art.822/24 Passeggino Portofino

 

CAM propone diversi modelli che meritano di essere presi in considerazione, questo è uno tra quelli che va studiato attentamente in vista di un possibile acquisto.

Coniuga una grande attenzione per la sicurezza del bambino, impiegando tecnologie sicure ed efficaci che migliorano anche la possibilità d’uso del modello. In più il prezzo cui è proposto è molto competitivo.

In particolare questo passeggino CAM ci piace per il suo design essenziale ed elegante, dotato di tanti elementi distintivi che non passano inosservati.

I materiali sono scelti con cura e non sono utilizzate sostanze che possano lasciare residui chimici potenzialmente dannosi per il piccolo.

È piuttosto compatto, sia da aperto sia da chiuso ma non limita la comodità della seduta che invece è piuttosto ampia e accogliente.

Il telaio è in alluminio e il passeggino risulta mediamente piuttosto leggero. Quindi non è il meno pesante in assoluto, ma garantisce buone prestazioni in questo senso.

Da chiuso occupa poco spazio e si tiene in piedi anche grazie allo speciale design curvo che ne bilancia il peso in modo che non si ribalti.

 

Pro

Ruote ammortizzate: Quindi assorbe parte del tremolio tipico quando si affrontano percorsi un po’ accidentati o i tipici acciottolati delle strade del centro storico.  

Piuttosto leggero: Il peso non è minimo, esistono migliori performance per lo stesso prezzo, ma tutto sommato non è male.

Design gradevole: Ha un aspetto piacevole e in grado di attirare gli sguardi perché molto sobrio ed elegante.

 

Contro

Maniglione difficile da regolare in altezza: Il maniglione unico è facile da manovrare e consente di guidare il passeggino con una sola mano, peccato sia macchinoso fissarlo all’altezza preferita.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Passeggino Yoyo

 

10. Babyzen YOYO 2 Telaio Passeggino

 

Yoyo è un modello che piace perché è perfetto per vivere la città con praticità estrema e slancio, è studiato proprio per accontentare chi cerca un passeggino ultra compatto.

Si ripiega completamente e quindi può anche essere portato a tracolla, un aspetto che si fa apprezzare soprattutto quando i bimbi sono più grandi e si stancano di stare sempre seduti durante il tragitto.

In questo modo è più semplice salire e scendere dai mezzi pubblici tenendo per mano il bimbo che cammina da sé senza avere l’intralcio del passeggino.

Per facilitarne il trasporto in spalla è compresa anche la borsa che lo contiene. Si porta a tracolla anche perché pesa poco, al massimo 6,6 chili.

È così piccolo che la maggior parte delle compagnie aeree lo accettano come bagaglio a mano.

Yoyo è anche comodo per il piccolo nonostante la seduta sia piuttosto spartana ed essenziale.

La presenza delle sospensioni nelle quattro ruote lo rende perfetto per affrontare qualsiasi percorso senza traballare e dar fastidio al piccolo.

 

Pro

Pieghevole e facile da portare in spalla: Si ripiega completamente su se stesso per essere trasportato come fosse uno zaino, è anche compresa la sacca apposita per il trasporto.

Ammette diverse configurazioni: A parte possono essere aggiunti gli elementi che lo rendono adatto al trasporto di neonati, o si può aggiungere la pedana per ospitare anche il secondo figlio in piedi vicino al maniglione.

Accessori inclusi: Cappottina e parapioggia sono inclusi per migliorare la capacità di affrontare le giornate in cui il clima non è dei migliori.

 

Contro

Omologato fino a 18 chili: Quindi non è il massimo se si punta a un passeggino da usare anche in là negli anni per offrire una postazione per il riposo ai bimbi più grandi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Passeggino Foppapedretti

 

11. Foppapedretti Hurra Passeggino, Arancione

 

Foppapedretti firma un passeggino semplice ed economico, pensato per essere usato durante gli spostamenti quotidiani e semplificarli al massimo.

Si usa da quando il piccolo riesce a stare seduto, malgrado sia presente il riduttore per favorire una posizione comoda dei bimbi più piccoli e di corporatura più minuta.

Accompagna la crescita del piccolo fino ai tre anni circa, quindi fino al raggiungimento dei 15 chili. Lo schienale si può regolare in cinque posizioni per consentire di trovare la posizione ottimale e comoda per la veglia o per il riposo del piccolo.

Le ruote sono piroettanti e quindi aiutano parecchio nella guida del passeggino con una sola mano e con una certa destrezza.

Tra i gadget che fa piacere trovare c’è la capottina reclinabile che si può orientare per proteggere il piccolo dal sole diretto.

Da qui penzola un giochino che si può anche staccare per permettere di avere con sé qualcosa con cui il piccolo si possa intrattenere. La tasca sottostante è capiente e consente di trasportare tante cose.

 

Pro

Forma snella: Piuttosto essenziale d’aspetto e nella seduta, piace perché si chiude e apre con molta facilità e occupa poco spazio.

Cesto portaoggetti capiente: Alla base della seduta si trova il cesto per trasportare oggetti, il necessario per il piccolo e molto altro. Fa bene il proprio dovere.

Buon prezzo: È venduto a un prezzo molto competitivo e svolge bene il proprio dovere di passeggino da usare da quando il bimbo ha sei mesi e sa reggersi bene seduto.

 

Contro

Non si può raddrizzare lo schienale: Che rimane sempre un po’ inclinato, così la visuale del mondo esterno è un po’ limitata.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Passeggino Stokke

 

12. Stokke Xplory X – Passeggino Multifunzionale

 

Il lusso fatto passeggino, è uno dei prodotti dal design più convincente attualmente in circolazione. Riesce a risolvere con successo l’annosa questione del compattamento con una sola mano.

Si apre e chiude con movimenti semplici e grazie al peso contenuto l’operazione fila liscia che è un piacere.

Ha una speciale struttura che resiste alle vibrazioni e che ammortizza le imperfezioni della strada, in questo modo è facile affrontare strade di città con ostacoli e irregolarità.

La seduta si può regolare in altezza, inoltre vanta un supporto per la testa e un poggiapiedi a sua volta regolabile

La struttura è universale e può ospitare anche altri elementi, come la culla tradizionale, per essere usata più a lungo possibile e ammortizzare il costo notevole.

È confortevole e accogliente, il manico è in similpelle e tessuto idrorepellente, la capote estensibile è dotata di protezione UPF 50+.

 

Pro

Leggero: E anche facile da aprire e chiudere con una sola mano per essere subito pronto quando serve. È molto compatto e da chiuso occupa pochissimo spazio.

Seduta intercambiabile: La struttura può ospitare anche la culla, oppure si può usare per montare la seduta del passeggino fronte mamma o fronte strada.

Antivibrazione: L’andatura è regolare e piacevole perché le ruote sono ammortizzate e studiate per resistere alle vibrazioni prodotte dall’irregolarità del terreno.

 

Contro

Costoso: Questo passeggino non è di certo apprezzato per via del suo prezzo, decisamente sopra la media.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Altri prodotti

 

13. Knorrtoys.com 90778 Coco, Passeggino Trio per Bambole

 

Anche per le bambole è importante fare attenzione ai particolari. Questo passeggino infatti imita alla perfezione la navetta e la seduta dei modelli reali.

È anche foderato con una stoffa allegra e delicata che lo rende un oggetto molto piacevole da vedere e con cui giocare.

Ricorda in tutto e per tutto il modello vero, dunque. E lo fa per permettere ai bambini di imitare le azioni che vedono fare ai grandi, sia quando le cure sono rivolte a loro stessi sia quando sono indirizzate ai fratellini più piccoli.

L’attenzione per i particolari e la grande veridicità delle componenti spinge a considerare di tenere d’occhio le offerte per regalarlo ai fratelli e le sorelle maggiori per dar modo di vivere sulla propria pelle l’esperienza della cura dei più piccoli.

Del resto, in comparazione con in modelli veri questo ha solo le dimensioni leggermente più compatte e per il resto imita alla perfezione tutto quello che ci si aspetta da un buon passeggino.

 

Pro

Dettagli curatissimi: Rivestimenti in tessuto, sistemi di fissaggio degli elementi contenitivi, e un sistema di chiusura semplice e intuitivo rendono il passeggino perfetto per il gioco libero dei più piccini.

Passeggino e culla: Si può decidere se ancorare alla struttura la culla o il passeggino per cambiare tipo di gioco a seconda del desiderio del momento.

Come quelli veri: La copertina della culla, il sistema di bloccaggio delle bambole nel passeggino e il contenitore per gli oggetti sotto la seduta rendono il passeggino perfetto per imitare le azioni degli adulti.

 

Contro

Dimensioni molto ridotte: Le misure del passeggino possono non essere ottimali se chi gioca è più grande di 5 anni.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Pedana per passeggino

 

Lascal 2950 il Buggy Board Mini 3d

 

D’uso molto intuitivo e perfetta per completare la dotazione del passeggino per ospitare anche il fratellino maggiore. Questa pedana è universale e facile da collegare alla maggior parte dei passeggini regolando la lunghezza e l’altezza.

Gli elementi per farlo sono posti in bella vista sulla stessa struttura dell’accessorio, così basta allentare le grosse viti per ottenere la misura adatta al passeggino.

È progettata per aderire con un sistema a incastro ai tubi verticali delle normali strutture di passeggino. Si può scegliere tra l’aggancio compatibile con i tubi a sezione quadrata o circolare.

I materiali sono solidi e robusti e promettono di reggere senza intoppi un carico di 20 chili. Le ruote sono abbastanza larghe da sopportare anche le imperfezioni della strada senza traballare eccessivamente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Borsa per passeggino

 

LCP Kids Borsa Cambio Neonato con Ganci Universali per Passeggino

 

La borsa deve essere comoda e capiente, e così promette di essere questo bel modello dal colore neutro e facile da abbinare a diverse strutture portanti.

All’interno è facile organizzare il contenuto perché ci sono tante tasche, divisori e scomparti che permettono di identificare in fretta quello che serve e mettere via panni sporchi senza bagnare quelli puliti.

Offre anche un pratico ripiano impermeabile da usare come fasciatoio d’emergenza da usare quando non si è in casa. Il tessuto è completamente impermeabile e per questo resiste a macchie e al rischio che si possa versare il contenuto di biberon e pappe.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior passeggino?

 

Leggero o più strutturato, pensato per veloci spostamenti o per ospitare il piccolo passeggero più a lungo.

Sul mercato la quantità di passeggini e la ricchezza di modelli è davvero elevata, dunque meglio non farsi cogliere impreparati e approfondire la conoscenza delle varie offerte, cosa possibile proseguendo la lettura di questo articolo.

Comodità della seduta

Il miglior passeggino, senza dubbio è quello in grado di offrire una seduta comoda per il piccolo. Quindi che riesce a sostenerne il peso quando ancora è molto piccolo e non sa stare seduto.

Ma anche quello in grado di favorirne i movimenti quando inizia a crescere e acquisisce autonomia nei movimenti.

Sono tutti aspetti che vanno valutati di volta in volta e che cambiano a seconda del supporto scelto. Spesso un buon riduttore riesce a migliorare la comodità della seduta.

Ma è anche bene assicurarsi che lo schienale sia reclinabile, del tutto o quasi, e che il suo movimento non sia percepibile dal piccolo che sta prendendo sonno.

 

Maneggevolezza e versatilità

Al momento di scegliere quale passeggino comprare, è anche importante tenere conto della praticità per mamma e papà.

Quindi un buon modello è quello che si apre e chiude con pochi movimenti e che non richiede di armeggiare troppo. I migliori sono quelli che si aprono e chiudono con una sola mano, magari premendo un bottone.

Terribili quelli che necessitano anche dei piedi per ricompattarsi e seguire tutti gli spostamenti in auto o sui mezzi pubblici.

Quando la struttura si ripiega su se stessa, poi, deve occupare poco spazio e riuscire a entrare nel vano del portabagagli o nascondersi dietro una porta per non rubare posto negli appartamenti più piccoli.

Attenzione per i materiali e accessori di pregio

Un altro aspetto che ci aiuta a capire come scegliere un buon passeggino è tutto nei dettagli. I tessuti dei passeggini saranno a stretto contatto con la pelle delicata dei piccolissimi.

Quindi è importante che i tessuti siano anallergici e che siano sfoderabili. La possibilità di lavare con facilità i rivestimenti in tessuto rende agevole la manutenzione dei supporti per gli spostamenti.

Man mano che i piccoli crescono, resti di cibo e altro possono sporcare facilmente il passeggino, meglio contare su superfici lavabili anche in lavatrice.

 

 

Le fasi dello sviluppo del bebè sono scandite da progressi facili da riconoscere, come la capacità di reggersi seduto senza cadere di lato verso i sei mesi

 

L’uso del passeggino, che impone al bebè di assumere una posizione seduta o semiseduta, deve essere riservato esclusivamente alla fase in cui riesce a reggersi ritto sulla schiena.

Infatti, la curva fisiologica che gli ha permesso di stare comodo dentro l’utero della madre non gli permette di reggere il peso di testa, schiena e spalle.

Man mano che il piccolo cresce, cambia la forma delle anche insieme alla schiena. Il bimbo si prepara per sviluppare la muscolatura che gli permetterà di reggersi in posizione eretta.

La conquista dell’equilibrio sarà un processo lungo e articolato che deve essere rispettato anche grazie ai mezzi scelti per il suo trasporto.

Quindi il passeggino potrà essere usato al meglio solo quando il piccolo sarà in grado di reggersi da sé in equilibrio con la schiena dritta.

 

La fisionomia del bebè cambia in maniera costante

A partire dai primi giorni dopo il parto la fisionomia del bebè subisce cambiamenti radicali e molto veloci.

Il primo anno di vita è caratterizzato da cambiamenti molto radicali e con la maggiore velocità rispetto a qualsiasi altra epoca segnata dallo sviluppo. Persino più veloce che durante l’adolescenza.

I mutamenti che riguardano la fisionomia del bebè durante i primi mesi di vita gli consentiranno di prendere via via sempre maggiore dimestichezza con il proprio corpo, la muscolatura e il tipo di movimenti di cui sarà capace.

I muscoli del neonato sono ancora deboli e non sono in grado di reggere il peso della testa o né della schiena. Per questo durante i primissimi giorni di vita si raccomanda di reggere la testa con la mano quando si prende in braccio il piccolo.

I muscoli del collo e delle spalle si rafforzano con il passare del tempo e tardano di solito sei mesi prima di poter essere in grado di reggere la posizione seduta.

In una prima fase si raccomanda di tenere il piccolo solo supino e quindi completamente sdraiato.

La ragione sta nel fatto che la schiena non ha ancora la forma che assumerà durante la crescita ed è segnata dalla tipica cifosi a C che gli ha permesso di stare raggomitolato dentro l’utero materno.

Rischi legati alla posizione seduta in fase prematura

Questa posizione resta utile al piccolo per proteggere gli organi interni dell’addome che sono ancora delicati e sensibilissimi.

Mettere il piccolo in un passeggino (ecco i migliori modelli) in questo momento significa esporlo a rischi notevoli e immotivati.

La pressione sulla colonna vertebrale sarebbe maggiore alla base e per questo potrebbe comprometterne lo sviluppo.

Anche i genitali possono essere compromessi perché la cintura che si usa per limitarne i movimenti potrebbe comprimerli eccessivamente, dato che il piccolo non può opporre resistenza contro la forza di gravità.

Per questo si raccomanda di usare sempre supporti che consentano al piccolo di mantenere la posizione corretta.

Da sdraiato il bebè non deve sprofondare troppo in materassi troppo morbidi, ma nemmeno deve essere costretto su superfici troppo rigide.

Questo proprio per via della delicatissima struttura delle colonne vertebrali e di tutta la colonna molto fragili in questo periodo.

 

La capacità di allenare il corpo a reggersi dritto

È importante assecondare le esigenze del bebè e osservarlo con attenzione per valutare tutti i suoi progressi.

Cambiamenti sostanziali avvengono da un momento all’altro ed è importante essere pronti e ricettivi per lasciare il piccolo libero di esplorare le sue mutevoli capacità di movimento e autocontrollo.

Si tratta di un esercizio di fiducia reciproco, dove l’adulto si rende responsabile di tutelare la sicurezza del bebè che sperimenta le sue crescenti potenzialità senza limitarne la fiducia in se stesso.

In maniera molto spontanea e senza bisogno di essere incitato, il piccolo attua una serie di passaggi propedeutici per riuscire a sviluppare i muscoli che servono per stare ritto.

Quindi si noterà che il piccolo tende a mantenere il collo teso verso l’alto, e ancora prima il bebè impara a rigirarsi sul fianco per mettersi a pancia in giù.

Sono gesti dettati dall’istinto che il piccolo segue per rispondere al proprio istinto vitale che gli permettono di crescere seguendo tappe facilmente identificabili.

 

Assecondare lo sviluppo del bebè

È importante evitare di intervenire quando il piccolo cerca di sviluppare i propri movimenti e il coordinamento muscolare in modi che sembrano inconsueti.

Quello che deve garantire l’adulto è un ambiente il più possibile libero da pericoli.

Per esempio è fondamentale incoraggiare il movimento libero su superfici sicure, quindi sicuramente sul pavimento. Magari dotato di un comodo tappeto o coperte per evitare che il bimbo sbatta la testa con violenza sulla superficie rigida.

I movimenti liberi su letto e fasciatoio, invece possono essere particolarmente rischiosi ed espongono il genitore a preoccupazioni che è meglio evitare.

Uno dei movimenti specifici di questa fase è il tentativo di sollevare il collo facendo leva sulle braccia. Il piccolo si trova a pancia in giù e improvvisamente si sforza di sollevare la testa per puntare lo sguardo verso l’alto.

Cercare di limitare questo movimento perché preoccupati dall’eccessivo sforzo potrebbe essere controproducente.

Invece, si raccomanda di incoraggiare questa postura, magari disponendo oggetti sospesi che il piccolo possa vedere spingendosi sulle braccia.

Osservare il bebè per scoprire i suoi progressi

Quando si notano questi tentativi spontanei di miglioramento delle proprie prestazioni, dei muscoli e del coordinamento dei movimenti è bene prestare anche attenzione alle fasi con cui il piccolo sviluppa questi talenti.

Solo l’osservazione attenta e senza intervento, se non per garantire l’incolumità, permettono di comprendere se è arrivato il momento di stare seduti in sicurezza sul passeggino.

L’uso di cinture e di riduttori dovrebbe essere un elemento di protezione in più e non uno stratagemma per cercare di usare in anticipo questo strumento per il trasporto del bebè.

Prima di quanto si pensi, il piccolo sarà in grado di reggersi con sicurezza in posizione seduta e con la schiena dritta. Non resta che avere pazienza e aspettare che il piccolo raggiunga questa naturale tappa dello sviluppo intorno ai sei mesi di vita.

 

 

 

Per una corretta igiene è importante rimuovere il rivestimento e rimetterlo esattamente com’era prima

 

Ha il nome di un anello di diamanti e anche il suo prezzo è tra i più importanti rispetto ad altri passeggini in circolazione attualmente. Si presenta molto bene ed è uno tra i più apprezzati in quanto a solidità della struttura e facilità d’uso.

In effetti gli ingegneri che hanno portato a termine il progetto Inglesina Trilogy hanno fatto un buon lavoro anche se in alcuni passaggi può sembrare fin troppo certosino.

È facile perdersi tra i ganci, laccetti e cinture di sicurezza doppie che servono ad ancorare al meglio il pupo al suo supporto.

Ma c’è da dire che, con un po’ di pazienza e di dedizione, non è difficile sciogliere il rebus.

Tutto sta nel comprendere il meccanismo alla base del sistema di fissaggio e della sequenza di azioni da compiere per assicurare perfetta stabilità al passeggino.

 

Tanti accessori studiati per offrire il massimo comfort e protezione

Il Trilogy offre una serie di vantaggi non di poco conto. È facile avvolgere bene il piccolo nella copertina che protegge le gambe, la cappotte si reclina in modo da garantire massima protezione e lo schienale si inclina quasi del tutto per far riposare il bimbo.

Il tutto condito dalla scelta di ottimi materiali per assicurare facilità di igiene e pulizia e anche una sensazione gradevole al tatto. Insomma, un buon mix di praticità e comodità che fa contenti tutti.

Tutti i pezzi, dal riduttore per cominciare a usare il passeggino da subito, al parapioggia, hanno degli specifici alloggiamenti che permettono di trovare la migliore configurazinone e la perfetta stabilità.

Quindi si fissano con ganci, bottoni e alamari per poter aderire a ogni parte della struttura e non volare via durante le passeggiate all’aria aperta.

Si tratta di un trio completo e studiato per offrire una base sicura e accogliente al piccolo durante le diverse tappe dello sviluppo.

Non stupisce che sia assicurata grande attenzione ai particolari e a ogni dettaglio, tangibili ed evidenti anche a uno sguardo superficiale.

Ogni pezzo del trio si può sfoderare completamente

Le tre componenti del Trilogy sono pensate per essere usate a proprio piacimento e senza limitazioni. Quindi non ci sono parti di tessuto fissate alla struttura in maniera inamovibile.

Del resto è importante poter contare su un supporto sempre igienicamente perfetto.

Il Trilogy promette di accompagnare il piccolo fino ai suoi 20 chili, quindi molto a lungo e fino a che la sua altezza gli consentirà di approfittare di un passaggio su quattro ruote.

Nell’ovetto è presente in dotazione il riduttore per rendere il viaggio in auto più comodo e confortevole sin dai primissimi giorni di vita.

Il cuscino sagomato su misura del seggiolino auto è indispensabile durante le prime settimane e per qualche mese fino a quando le sue forme assumono maggiore definizione e il corpo riesce a opporre resistenza ai sobbalzi e ai cambi di direzione dell’auto.

Questo elemento si rimuove facilmente facendo scorrere le cinture incorporate attraverso i fori del riduttore. Lo stesso vale anche per la fodera dell’ovetto che rimane al di sotto.

Se serve pulirla a fondo è possibile rimuovere le cinture dal retro per far passare comodamente la fodera sottostante.

 

La navetta si sfodera in poche mosse

La navetta, o culla, è dotata di materassino che serve per offrire una base completamente orizzontale per il riposo del piccolo senza sovraffaticare la schiena.

Il materassino qui è reclinabile quindi sono presenti gli incavi per le cinture di sicurezza se si preferisce usarle.

Basta sfilare quello che non serve per poter tirare via il materassino e quindi è possibile sfilare anche l’imbottitura che si trova sui lati.

Un gesto semplice che non richiede di eseguire complicati passaggi o ritrovare il giusto incastro quando è ora di rimettere tutto al suo posto.

Un sistema di elastici aiuta a tenere al proprio posto i rivestimenti, tanto del materasso come dell’imbottitura laterale.

Quel che conta è assicurare al piccolo una minima protezione in caso dovesse rigirarsi di lato e andare a sbattere contro i bordi della culla.

 

Trilogy, sfoderare, passeggino
Non è difficile sfoderare il Trilogy: ecco come fare

 

Il rivestimento del passeggino richiede un po’ di attenzione in più

La migliore soluzione è far pratica prima di ritrovarsi con l’urgenza di rimettere in sesto il passeggino che si è appena sporcato e che continua a essere indispensabile nelle routine quotidiane.

Il passeggino del Trilogy si può montare fronte strada o fronte mamma a seconda delle preferenze del momento e si può anche richiudere in entrambe le configurazioni.

Questo elemento è d’aiuto quando si deve essere subito pronti a ripartire rassicurando il piccolo oppure offrendogli gli stimoli giusti da osservare durante la passeggiata.

Questo dettaglio è d’aiuto perché rende semplice gestire la fodera in modo da rimuoverla e rimetterla al suo posto anche quando il passeggino è nella sua postazione sulla struttura.

Per sfilare la fodera non è indispensabile tirare via le cinture del passeggino, infatti basta sfilare l’imbottitura attraverso i fori in dotazione perché le cinture non hanno punti in cui non sono aperte.

Si può scegliere anche se montare o no il maniglione frontale e la capotte e in questo modo sono ancora meno gli ostacoli che rallentano le operazioni.

 

Il lavaggio a macchina è il migliore, ma attenzione!

Lavare in lavatrice i tessuti del Trilogy è possibile ma è necessaria qualche precauzione, si tratta di pezzi che richiedono una certa cura per tornare come nuovi.

Tutti i tessuti del trio possono essere lavati con il ciclo gentile e a basse temperature. Spesso la lavatrice è più efficace e delicata del lavaggio a mano, specie nei modelli di ultima generazione.

Però è bene ricordare che le imbottiture presenti nei rivestimenti possono soffrire lavaggi troppo frequenti e continui sfregamenti.

È sempre opportuno valutare la possibilità di lavare direttamente sul posto le macchie più grosse. Questi tessuti sono anche leggermente impermeabili anche se non esclusivamente di plastica.

Così riescono a reggere bene le azioni decise per rimuovere le macchie proprio quando compaiono.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI