Le 8 migliori pancere post parto del 2021

Ultimo aggiornamento: 07.12.21

 

Pancera post parto – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

 La pancera post parto è uno strumento utile per allentare le tensioni dovute ai grandi cambiamenti che affronta il corpo femminile. Perfetta per dare un senso di sollievo, non è una soluzione definitiva ma si combina con l’attività motoria per un recupero graduale e delicato. Può occorrere anche un anno prima di tornare alla forma precedente, per questo è bene essere indulgenti con se stesse e approfittare di questa occasione per prendersi cura di sé e del proprio corpo. Scegliere il modello adatto non sempre è facile, bisogna aver chiaro il motivo per cui si sceglie una fascia contenitiva e per quanto tempo al giorno indossarla. Si può dunque ricorrere alla pancera per sentirsi a proprio agio in vestiti più eleganti, oppure per aiutare la schiena a ritrovare il naturale baricentro. In questo articolo vi proponiamo alcuni tra i modelli più apprezzati dalle acquirenti, di certo troverete quello più adatto alle vostre necessità. KeaBabies 3 in 1 è composta da tre elementi che permettono una regolazione mirata su diversi punti. Chicco Guaina post parto regolabile è pensata per offrire un buon contenimento, è regolabile e realizzata in tessuto morbido ed elasticizzato.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 migliori pancere post parto – Classifica 2021

 

Preziosa dopo un cesareo o dopo una gravidanza gemellare, la fascia elastica può essere di grande aiuto a tutte le donne, qui vi suggeriamo quale acquistare tra i modelli più apprezzati dell’anno. A voi la scelta di quale sia la miglior pancera post parto che risponde alle vostre specifiche necessità.

 

 

1. KeaBabies 3 in 1 Supporto per la pancia post-partum

 

Tra le migliori pancere post parto del 2021, fa bella figura questo modello composto da tre pezzi da aggiustare intorno alla vita e il busto per offrire un sostegno adeguato. Si presta a essere utilizzata durante la gravidanza e l’epoca successiva per rendere meno arduo il recupero. Ha anche un bell’effetto modellante, per modellare la forma del ventre sotto un vestito speciale più attillato.

Si compone di tre elementi per offrire un supporto specifico a ogni parte del busto. Una cintura in vita regge l’area della pelvi, contenendo il pancione durante le ultime settimane di gravidanza. Il supporto più alto contiene tutto il busto per limitare il prolasso interno degli organi e facilitare il recupero degli addominali. Infine, un’altra fascia più stretta si fissa sopra l’ombelico per aiutare la schiena a mantenere una postura eretta e non dolore, specie quando ci si curva per allattare il bebè.

Le misure sono due, una per taglie standard e un’altra per le donne più formose. In questo modo non si rischia di sbagliare misura, ma si adatta al corpo con gli strap per la regolazione idonea.

 

Pro

Tre elementi: Lavorano ognuno su una parte distinta del busto per modellarlo e sorreggerlo. Si possono usare insieme o separatamente in base alla specifica necessità durante la giornata.

Materiali di qualità: Il tessuto elastico che è impiegato per realizzare i tre supporti si apprezza per la particolare fermezza unita a una buona flessibilità che ne consente l’adattamento su misura.

Per qualsiasi fisico: Le tre cinture possono essere indossate da chiunque perché possono essere regolate con facilità in maniera autonoma, non importa l’altezza del busto.

 

Contro

Ingombrante: L’effetto delle tre cinture da combinare insieme potrebbe risultare sgradevole limitando i movimenti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Chicco Guaina Post Parto Regolabile

 

Non sempre è facile stabilire quale pancera post parto comprare per il recupero dal taglio del cesareo. Ideale per offrire un contenimento nelle settimane successive la rimarginazione della ferita, contiene senza stringere troppo e offre un sostegno delicato.

Si fa apprezzare per la possibilità di regolare la pressione sullo stomaco definendo sui fianchi il contenimento ideale. È dotata di bande laterali con chiusura in velcro per regolare con facilità il sostegno da offrire su tutta la circonferenza del bacino e del busto.

Buona la vestibilità, è una mutanda alta, che arriva fin sotto il costato per non stringere né segnare alcun punto in corrispondenza dello stomaco. Sul girocoscia appare comoda e con una vestibilità piacevole. Poco sgambate, le mutande aderiscono bene sul sedere per evitare che il tessuto si sposti dalla sua posizione ottimale facilitando il movimento in ogni circostanza. Per una migliore resa nel tempo è sconsigliato il lavaggio a macchina, se si preferisce usare la lavatrice allora è bene seguire un programma per delicati evitando la centrifuga troppo violenta e le temperature elevate.

 

Pro

Contenitiva: La funzione della fascia è di contenere nella loro posizione ottimale gli addominali che hanno perso tono dopo lo sforzo della gravidanza.

Buona vestibilità: La fascia si regola sui fianchi grazie alla striscia di velcro ampia, l’altezza notevole fin sotto il costato e la sgambatura molto bassa fanno aderire il tessuto al corpo senza doverlo continuamente aggiustare.

Tessuto morbido: La particolarità di questa pancera è di avvolgere senza comprimere, quindi si fa apprezzare per la morbidezza della stoffa elastica con cui è realizzata.

 

Contro

Non per la schiena: Non è pensata per correggere la postura della schiena e quindi alleviare il dolore a carico di questa parte del corpo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Sofit Fascia post parto cintura

 

Il tipo di disturbo che si accusa una volta finita la gravidanza è una buona guida nello stabilire come scegliere una buona pancera post parto. In questo caso è adatta a sorreggere il busto, perché aiuta a mantenere la corretta postura della schiena evitando così che si soffra di dolori a carico della fascia lombare. Dopo il disallineamento della colonna per colpa della modifica del baricentro, quando il peso della pancia scompare quasi del tutto la schiena rimane un po’ sofferente. 

Con questo corsetto dotato di stecchette, si aiuta la colonna a mantenersi eretta e con la giusta curvatura. Un supporto utile anche per prendere in braccio il bebè senza farsi male. È una pancera per post parto naturale, infatti si sconsiglia l’utilizzo di questo tipo di supporto che appoggerebbe direttamente sulla cicatrice del cesareo. Il tessuto è ben traspirante e dotato di forellini per favorire un buon passaggio dell’aria attraverso. Un supporto comodo e facile da indossare in circostanze diverse.

 

Pro

Tessuto traspirante: Il passaggio dell’aria è facilitato dalla presenza di tanti piccoli fori sulla fascia, così l’aria passa e il sudore non ristagna.

Adatto alla schiena: Il design della fascia è pensato per sorreggere e sostenere la schiena in maniera semplice ma efficace.

Elastico: L’effetto che si ottiene è di un buon contenimento della schiena per mantenere la corretta postura e allineare la curva naturale della colonna.

 

Contro

Non adatta dopo il cesareo: La fascia non si presta a essere usata dopo aver subito l’intervento, perché si poggerebbe proprio in corrispondenza della ferita.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Babygo Pancera fascia post parto

 

Tra le offerte che vediamo in questa classifica, il modello Babygo è tra i preferiti di molte mamme. La ragione è semplice. Si tratta di un modello facile da adattare e ben contenitivo grazie alla presenza delle stecche estraibili e che assicurano maggiore tensione e supporto.

Aiuta a modellare il girovita e rende la schiena ben eretta per favorire l’assunzione della postura corretta. La banda centrale che si avvita sopra quella più alta, permette di contenere e comprimere la muscolatura ancora provata dal post parto.

Si regola facilmente alla misura ideale perché è dotata di una fascia di velcro ampia e facile da adattare alla circonferenza della vita. Una volta indosso, si regola con facilità e si adatta alle misure della mamma. Gli inserti in rete mesh aiutano il passaggio dell’aria attraverso la fascia così non risulta troppo calda. Buona anche la tenuta del tessuto elasticizzato che non tende a perdere la tensione ideale per svolgere il proprio dovere.

 

Pro

Contenitiva: La funzione di questa pancera è di contenere gli addominali che ancora non hanno ripreso il tono necessario a garantire la giusta postura eretta.

Tessuto elasticizzato: La tensione del materiale con cui è realizzato l’accessorio è ideale, serve per contenere e reggere bene il busto favorendo l’assunzione di una postura corretta.

Con stecche: All’interno del corpetto sono inserite delle stecche metalliche che possono essere tolte o cambiate per offrire un sostegno man mano meno rigido e così favorire la ripresa del tono della muscolatura.

 

Contro

Non è modellante: Lo scopo di questa fascia è di contenere il busto e consentire una postura eretta, non è un accessorio per scolpire il girovita. Al contrario, tende a fare qualche salsicciotto lungo i bordi, sotto e sopra.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Chicco Fascia di sostegno

 

In comparazione con gli altri modelli proposti da Chicco, questa si caratterizza per l’azione mirata nella zona della pelvi. Adatta come pancera post parto cesareo, offre il vantaggio di un contenimento graduale e delicato. Non veste sempre uguale, è proposta in tre taglie per trovare quella che meglio si adatta alle forme della donna che deve indossarla. In questo modo l’aderenza è ben ponderata e rispetta il più possibile le forme della mamma.

Tra i modelli venduti online, questo è uno tra i pochi che si usa bene sotto le gonne. Si appoggia sui fianchi e qui comprime l’area del basso ventre contenendo la zona in cui è stato effettuato il taglio del cesareo. Si apprezza anche la funzione di contenimento sulla vescica per prevenire o limitare gli episodi di incontinenza legati al prolasso dell’area.

Realizzata con tessuto morbido e traspirante, è elasticizzata e piace perché non ha bisogno di troppi aggiustamenti per essere indossata.

 

Pro

Per il cesareo: La forma della fascia consente l’utilizzo anche nel caso di aver subito l’intervento durante il parto.

Mirata: L’azione della pancera è graduale e delicata e focalizzata in modo particolare sulla zona pelvica. 

Incontinenza: La funzione di contenimento sulla vescica ha come piacevole conseguenza la limitazione degli eventuali episodi di incontinenza. 

 

Contro

Solo con la gonna: Indossare questa guaina con i pantaloni può voler dire ritrovarsi continuamente ad aggiustarla e rimetterla in ordine abbassandola dalla vita.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Ponmoo Fascia post parto recupero 2 in 1

 

Adatta a sostenere l’intera area, interessa pancia, vita e pelvi per un sostegno graduale ma efficace. L’articolo è tra i più venduti di quest’anno per via del buon rapporto tra prezzo e qualità dei materiali. È efficace e molto semplice da utilizzare. Come altri modelli combina l’azione di due fasce contenitive, la differenza è che i vari pezzi sono cuciti insieme per evitare di dover aggiustarli separatamente. 

Il risultato è una maggiore stabilità anche quando si indossano per periodi prolungati. Inoltre, le due fasce sagomano e sostengono ancora meglio addominali e pelvi permettendo una buona regolazione della tensione.

Si posiziona sotto il costato, e non intralcia il respiro perché non ostacola il movimento del diaframma. In questo modo la sua compressione non risulta sgradevole mentre l’effetto, anche estetico, è garantito. Si lava, meglio se a mano e a basse temperature, con poco detergente neutro per evitare di danneggiare l’elastico che mantiene ben teso il tessuto. Qui vi suggeriamo dove acquistare al miglior prezzo la pancera, si tratta di un vero affare.

 

Pro

Doppio contenimento: Non solo la pancera che stringe tutto il busto, anche le due fasce più strette cucite insieme sul retro contribuiscono a mantenere ben ferma la posizione del sostegno.

Non ferma il respiro: Il guaio dei corsetti che aiutano a modellare il vitino da vespa è che lasciano senza fiato. L’altezza di questo modello è pensata per reggere il busto ma senza schiacciare il diaframma.

Con aste metalliche: In diversi punti della fascia sono presenti i sostegni metallici che servono a reggere ben dritta la postura della schiena alleviando eventuali dolori alla spina dorsale.

 

Contro

Calda: La fascia durante l’estate risulta troppo appiccicosa e fa sudare malgrado il tessuto sia traspirante. Meglio orientarsi su altri articoli se il post parto coincide con la bella stagione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Farmacell Shape 605 Pancera modellante invisibile   

 

I prezzi bassi e la buona qualità dei materiali rendono questa pancera una delle scelte più apprezzate dell’anno per chi cerca un sostegno delicato. Il suo scopo è quello di uniformare le curve, rendendole meno sgradevoli sotto i vestiti attillati, quindi niente salsicciotti che spuntano da sotto le magliette più aderenti.

Ha un design particolare, potrebbe non piacere a tutte. Infatti non si tratta di una mutanda con vita molto alta, ma di una fascia che modella pancia e fianchi e che si indossa fin quasi al costato. Potrebbe spostarsi se ci si muove molto.

Del resto, però, tra gli articoli della sua categoria è forse il più economico. È realizzato in microfibra, senza cuciture e con un sostegno progressivo che tende a uniformarsi sotto gli abiti. Perfetto da indossare sotto vestiti attillati, aiuta anche a far sparire le imperfezioni dovute alla biancheria sul sedere o sulla coscia. Aiuta a sentirsi più a proprio agio nei vestiti, non ha un vero e proprio effetto contenitivo. Il suo scopo è di migliorare la vestibilità dei capi più sexy e attillati.

 

Pro

Modella le forme: Si indossa sui fianchi e arriva fin sotto il costato, in questo modo appiattisce la pancia e delinea il girovita migliorando la vestibilità dei capi più aderenti.

Senza cuciture: Una volta indossata, la pancera scompare del tutto e si adatta bene alle forme del corpo anche grazie all’assenza di cuciture.

Tessuto leggero: Molto delicato al tatto e piacevole sulla pelle, non fa sudare né ci si ricorda di averlo indosso anche dopo molto tempo.

 

Contro

Non contenitiva: Lo scopo di questo indumento è di uniformare le curve, dando tono dove quello muscolare è un po’ assente e armonizzando la linea dei fianchi e la vita.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Lovable The Celebrity Secrets Guaina a vita alta

 

Sì, anche le dive di Hollywood hanno i loro segreti, spesso meno costosi dell’intervento per mano del chirurgo estetico. Spesso pizzicate dai paparazzi, le più belle del cinema usano le guaine contenitive per ammorbidire le curve e uniformare la linea di fianchi e vita.

È proprio di questo che si occupa la guaina Lovable, un sostegno su tutto il busto che aiuta a delineare la silhouette del girovita. Non ha azione sui glutei pur essendo un modello da indossare come una mutanda a vita molto alta. Si limita a contenere la pancetta e affusolare la linea dei fianchi fino al costato. L’altezza è quella ideale, infatti il tessuto non si arrotola nella parte superiore come succede ai modelli di dimensioni non adeguate. Il nuovo modello del noto marchio di lingerie ha ottenuto pareri positivi e conquista per la buona vestibilità e la capacità di contenere bene le parti meno toniche del busto.

 

Pro

Tessuto elasticizzato: Realizzata con un tessuto tecnico, offre una buona aderenza che uniforma bene il busto grazie alla delicata compressione.

Non si arrotola: L’altezza della mutanda è tale da vestire bene e senza farsi notare, in più non tende ad attorcigliarsi sotto il costato.

Lavabile: Si può mettere in lavatrice senza temere che l’elastico perderà la necessaria tensione per far bene il proprio dovere. A patto di lavare a temperature basse.

 

Contro

Mancano i bottoncini: Non è come un body che si può aprire anche da sotto, quindi quando occorre andare in bagno bisogna abbassarla completamente e poi riaggiustarla sul busto per indossarla correttamente sotto i vestiti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere una buona pancera post parto

 

La pancera post parto ha il preciso compito di aiutare il corpo a riprendere la sua forma dopo essere stato messo alla prova dalla gravidanza. Specie chi ha subito l’intervento con un cesareo potrebbe avere maggiore difficoltà a far tornare tutto come prima.

Una buona abitudine, da seguire sempre e non solo durante o subito dopo il puerperio, è fare attività fisica e cercare di tonificare i muscoli con un po’ di movimento. Non sempre le nostre vite ci consentono di essere meno sedentari di quanto vorremmo, a volte bisogna venire a patti con esigenze concrete e difficoltà che si possono superare in modi diversi.

Un po’ di fantasia, tanta determinazione e una vita piena permettono di tornare presto alla forma precedente il parto, e di sfoggiare di nuovo quel bel vestitino senza sentirsi a disagio con il proprio corpo.

Come veste una buona pancera

Le pancere non sono tutte uguali, alcune hanno una forma specifica, servono a reggere anche il busto e reggono bene la colonna aiutando gli organi interni a riprendere il proprio posto. Nel caso di particolare cedevolezza dei tessuti, si può rischiare un prolasso e di certo questa non è un’opzione piacevole da prendere in considerazione.

In base all’intento che si vuole perseguire con la pancera e al tipo di sostegno ricercato è possibile scegliere un modello preciso. Ce ne sono a strappo, si tratta di modelli che hanno delle bande elastiche regolabili su misura che servono a tenere al proprio posto le varie parti del busto. La pelvi, la vita e il tronco, sono sorretti in modo distinto con pressione progressiva e regolabile. 

I modelli a mutanda o a fascia, hanno spesso una funzione estetica. Si tratta di guaine elastiche che si indossano stando coricati in modo da facilitare la vestizione, ma soprattutto il corretto posizionamento degli organi in prossimità della colonna vertebrale. Questi prodotti possono avere una funzione contenitiva, oppure meramente estetica liberando dagli inestetismi dei salsicciotti sui fianchi provocati da una perdita di tono muscolare e qualche chilo in più.

 

A cosa serve la pancera dopo il parto

Lo scopo di questo accessorio è di aiutare il recupero postnatale. La madre ha subito una profonda trasformazione fisica durante questo lungo periodo. Molti degli organi hanno cambiato la loro posizione all’interno del ventre, anche la muscolatura e l’apparato tendineo che aveva il compito di sorreggere vescica, utero e altri organi, adesso si trova poco tonico e ha bisogno di recuperare pian piano.

L’aiuto della pancera è indispensabile subito dopo il cesareo, serve ad alleggerire il carico degli organi interni sugli addominali in cui è presente una ferita ancora aperta. Man mano che la cicatrice si chiude, si potrà abbandonare il supporto per dare tempo e modo ai muscoli di recuperare e tonificarsi.

Chi ha avuto un parto naturale potrebbe soffrire di diastasi addominale, una circostanza piuttosto comune ma che comporta un intervento attento da parte di medici specialisti. Anche in questo caso, aiutare i muscoli per un determinato periodo a sostenere il peso degli organi interni è di grande aiuto.

Chi ha affrontato la gravidanza senza godere di una buona forma fisica, oppure ha dovuto adattarsi a prove più faticose e che hanno lasciato il fisico spossato, potrebbe trovare sollievo in questo strumento. Specie quando riesce a sorreggere anche la schiena e il busto nella posizione eretta, più consona al recupero in generale.

Per quanto tempo tenere la pancera

Dopo il cesareo è opportuno seguire le indicazioni del medico che valuta caso per caso come procede il recupero. È bene ricordare che in ogni caso, la pancera accompagnerà la neomamma per un periodo di tempo limitato. Non è il caso di affidare a questo indumento il compito di risolvere ogni inestetismo. Infatti, al contrario di quanto possa sembrare, la pancera di per sé non aiuta il recupero muscolare ma serve solo a dare il tempo al corpo di recuperare le energie perse, per poi fare da sé.

Se si esagera e si tiene per troppo tempo la pancera, gli addominali tenderanno a rilassarsi e a smettere di fare il loro lavoro al meglio. La perdita di tono muscolare è tra le prime controindicazioni all’uso eccessivo di questo prezioso alleato in determinati momenti della giornata o per un periodo di tempo dopo il parto.

 

 

 

Come utilizzare una pancera post parto

 

Ci sono alcune cose da valutare quando si tratta di indossare la pancera. La prima da tenere a mente è che bisogna imparare ad accettare il proprio corpo, così com’è e anche se deformato rispetto al ricordo del pre-parto. La seconda: deve essere sempre uno strumento per migliorarsi e non per stare a disagio con se stesse. Quindi va bene usarla solo se ci si sente protette e al riparo da errori posturali, prolassi interni, più in ordine nei propri indumenti. Ma non deve essere una punizione da infliggersi per pretendere di incarnare un ideale di bellezza non ragionevole.

Indossare correttamente la pancera

Per mettere bene la pancera ci si dovrebbe mettere in posizione supina, cioè con la pancia in su. In questo modo si sfrutta la forza di gravità per rimettere al proprio posto gli organi interni, aiutarli a ritrovare il corretto assetto nei pressi della colonna vertebrale a cui fanno riferimento. Al contrario, indossando la pancera mentre si è in piedi, oltre a essere più scomodo e fastidioso, si tende a schiacciarli verso il basso provocando le condizioni per quel prolasso che si vorrebbe evitare. Stando supine anche la pancia si schiaccia e quindi è più facile farsi largo e aggiustare a modo la pancera che di solito è realizzata con un tessuto molto elastico e avvolgente.

 

Quando non usare la pancera

Bisogna tenere a mente che la pancera è uno strumento utile per tornare come prima, ma non è la soluzione. Serve grande rispetto per il proprio corpo per poter ottenere buoni risultati e soprattutto bisogna saperne rispettare i tempi.

Alcune credono che tenendo la guaina a lungo riusciranno prima a dimagrire. Purtroppo non è vero, e il risultato che si ottiene è l’opposto. Esagerando con il contenimento strutturato, i muscoli smettono di lavorare e si atrofizzano. Risultato? La pancia sempre più gonfia e gravi problemi di ritenzione e contenimento. Per questo motivo è assolutamente sconsigliato dormire con la pancera post parto o impiegarla per periodi prolungati di tempo durante la giornata.

Come scegliere la taglia della guaina post parto

Quando si considera la possibilità di ricorrere a questo supporto per ottenere un valido aiuto, si deve tenere a mente che la scelta della giusta taglia può fare la differenza. Il contenimento deve essere adeguato, non troppo stretto né troppo lasco. Quindi è bene considerare le indicazioni fornite dal produttore e armarsi di metro. Bisognerà misurare la circonferenza reale della vita perché potrebbe essere molto diversa da quella che si aveva prima del parto.

 

 

 

Domande frequenti

 

Per quanto tempo si indossa la pancera?

Per non rischiare di utilizzare la pancera oltre il tempo necessario, è bene abbinarne l’uso a un’attività fisica moderata. Anche le passeggiate al parco con il bebè fanno bene e man mano si potrà valutare in autonomia se poter rinunciare al supporto e fare affidamento solo sui propri muscoli.

 

Dove comprare la pancera post parto?

La maggior parte dei negozi di sanitari e di articoli per la primissima infanzia sono ben forniti e offrono il vantaggio di far provare prima l’indumento per scoprire se può andare bene. Ma non sempre è possibile. Oppure basta cliccare sul collegamento a uno degli articoli proposti in questa recensione!

 

Come mettere la pancera post parto?

Per essere certi di indossare bene la fascia e verificare che sia della misura giusta è bene stendersi supine e alzare gradualmente la guaina, quando è intera, oppure regolare la tensione delle bande elastiche in modo da contenere senza stringere troppo.

 

Si può dormire con la pancera post parto?

Assolutamente no. I muscoli hanno bisogno di lavorare, la pelle di respirare e bisogna poter dormire bene ogni volta che se ne presenta l’occasione.

 

La pancera post parto è utile?

In alcuni casi è indispensabile, specie per chi ha un problema di diastasi addominale o ha subito un intervento impegnativo.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI