Domande Frequenti sui ciucci

Ultimo aggiornamento: 01.03.24

 

Come togliere il ciuccio?

Togliere il ciuccio a un bambino non è per nulla facile e molti genitori spesso non sanno da che parte iniziare.

Per evitare traumi è fondamentale cominciare gradualmente, limitandone l’utilizzo a determinati momenti della giornata, per esempio solo per la nanna.

Ovviamente, bisognerà preparare il bimbo con un po’ di anticipo, incoraggiandolo e complimentandoci con lui quando non lo usa.

Gratificarlo e premiarlo con dei regalini se riesce a rinunciarci, trovare con lui un posto sicuro dove lasciarlo quando non lo utilizza, fargli fare cose da “grandi” e convincerlo a regalarlo a un bimbo più piccolo o appena nato possono aiutarlo ad abbandonarlo in fretta e senza piagnistei.

 

Quando togliere il ciuccio?

Dal momento che la suzione prolungata dopo i quattro anni di età espone i bambini a un maggiore rischio di otiti e malocclusioni dentali, la maggior parte dei pedagogisti e degli esperti consiglia di togliere il ciuccio entro i tre anni.

 

Come sterilizzare il ciuccio?

Ci sono due metodi per sterilizzare correttamente un ciuccio:

la sterilizzazione a freddo, che prevede l’uso di apposite soluzioni chimiche disinfettanti in cui immergerlo per un tempo variabile a seconda del prodotto scelto, e la sterilizzazione a caldo.

Quest’ultima può avvenire mediante bollitura, immergendo il ciuccio in acqua bollente per cinque minuti circa; in microonde, utilizzando dei contenitori appositi (spesso forniti in dotazione al prodotto) e seguendo le istruzioni riportate sulla confezione.

Oppure tramite uno sterilizzatore domestico, un pratico apparecchio che permette di disinfettare e sterilizzare tutti gli oggetti con cui il piccolo può entrare in contatto.

Dopo quanto tempo bisogna sostituire il ciuccio?

In genere si consiglia di sostituire il ciuccio ogni due mesi per motivi igienici, ma se il bimbo si trova nella fase della dentizione è opportuno controllarlo sempre prima di darglielo e sostituirlo con uno nuovo non appena inizia a mostrare segni di usura, fori o lacerazioni.

 

È possibile che il bambino ingoi il ciuccio?

No. Tutti i succhietti autorizzati all’immissione in commercio vengono realizzati in collaborazione con esperti in ambito medico e pediatrico, nel rispetto degli standard di sicurezza internazionali e delle dimensioni minime previste per questi tipi di prodotti.

Pertanto, non è possibile che neonati e bambini li ingoino.

Raramente può accadere che il piccolo si infili tutto il ciuccio in bocca e, se ciò accade, basterà rimuoverlo con delicatezza afferrandolo dal bottone.

 

Se il bambino è nato prematuro può usare il ciuccio?

Assolutamente sì, a patto però che inizi a usarlo dopo le quattro settimane di vita.

Nei lattanti che vengono alimentati mediante sondino naso-gastrico perché non sono ancora in grado di attaccarsi al seno, il ciuccio favorisce l’alimentazione autonoma e può essere utilizzato come analgesico durante la terapia intensiva.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI