Le 8 Migliori Vaschette da Bagno del 2019

Ultimo aggiornamento: 16.10.19

 

Vaschetta da Bagno – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

La vaschetta da bagno offre il pretesto per realizzare una tra le attività più divertenti e fotografate di tutta l’infanzia. Fare il bagno è il pretesto per giocare con l’acqua e fare tante scoperte e per la mamma può diventare un momento di spensierato godimento della bellezza del proprio pargolo. Quel che conta è farlo in sicurezza, cioè avendo a portata di mano tutto quello che può servire per rendere questo momento davvero piacevole senza i rischi che comporta il contatto con l’acqua. Quindi la scelta della giusta vaschetta va fatta con attenzione facendo una comparazione tra i modelli in vendita e i vantaggi che ognuno comporta. Potrebbe richiedere davvero tanto tempo e acquistare un prodotto che poi non viene utilizzato a dovere si traduce in uno spreco di denaro. Il miglior investimento è optare per la vaschetta che meglio risponda alle proprie necessità. Proprio come fanno le offerte che abbiamo selezionato per voi a continuazione. Foppapedretti Soffietto è interessante sotto tanti punti di vista: si propone di accompagnare a lungo il bagnetto del bimbo e se si piega scompare quasi del tutto. Jilong – Tiny Tods si può gonfiare e usare come vasca per il bagnetto o come piscinetta per affrontare il caldo estivo.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 Migliori Vaschette da Bagno – Classifica 2019

 

Questo post vuole proporvi alcuni suggerimenti utili per decidere quale vaschetta da bagno comprare, quindi di seguito vi presentiamo la classifica dei modelli più apprezzati dagli utenti.

 

 

Vaschetta da bagno Foppapedretti

 

1. Foppapedretti Soffietto Vaschetta Bagnetto per Bimbo

 

Tra le vaschette da bagno, uno dei modelli venduti online che maggiore successo riscuote online è questa di Foppapedretti. Ha una sua base che la solleva leggermente da terra e in questo modo rende più facile far scorrere via l’acqua alla fine del bagno. Ma il vantaggio più grande che offre è la possibilità di essere ripiegata su sé stessa una volta terminata la sua funzione quotidiana.

In questo modo l’ingombro è minimo ed è possibile tirarla fuori dalla vasca da bagno e liberare spazio nei bagni più piccoli. Necessita di un riduttore se la si vuole usare sin dalla nascita e si tratta di un piccolo investimento che conviene fare, dal momento che la vasca regge fino ai 15 chili circa del bambino.

Quindi è perfetta per essere usata a lungo e per rendere l’operazione il più possibile semplice e intuitiva. Infatti è dotata anche di tappo termosensibile che indica la temperatura reale dell’acqua cambiando colore.

 

Pro

Ingombro minimo: Non stupisce trovare questo modello tra i più venduti perché è progettato con attenzione per rispondere alle necessità di chi ha poco spazio e deve ricompattare completamente la vasca dopo ogni uso.

Fino ai 15 kg: Ha una buona portata, infatti può ospitare il bambino per almeno tre anni o fino a quando pesa 15 chili, insieme al peso dell’acqua.

Colori vivaci: È disponibile verde o arancione, con dettagli bianchi. Il che la rende molto allegra e piacevole da vedere anche quando è chiusa e appesa a un gancio dentro la doccia o al muro in bagno.

 

Contro

Serve il riduttore: Se si decide di usarla sin dai primi giorni di vita del piccolo è necessario dotarsi di un elemento contenitivo per limitarne i movimenti. Se questo non rappresenta un problema ecco di seguito dove acquistare la vasca.

Acquista su Amazon.it (€39,9)

 

 

 

Vaschetta da bagno gonfiabile

 

2. Jilong Tiny Tods Bagnetto Gonfiabile

 

Prezzi bassi e alta qualità contraddistinguono questo modello che fa bene il proprio dovere proprio per fare il bagno a un neonato. È una vasca gonfiabile ed è dotata di elementi contenitivi che servono a limitare i movimenti e il rischio di uno scivolone mentre il piccolo è a mollo.

Il cuscino che si gonfia insieme alla vasca aiuta a sorreggere la schiena del bebè e anche a limitarne i movimenti verso il basso grazie a un elemento spartigambe.

Le misure sono generose, quindi la vasca si presta a essere usata a lungo e in maniera soddisfacente. Ma il suo impiego ideale è fino al compimento di un anno di vita del piccolo. Dopo avrà bisogno di maggiore libertà di movimento.

Si presta bene a essere usata come piscinetta e portarla all’esterno della casa per far stare il piccolo al fresco durante le belle giornate estive.

 

Pro

Funzionale: Oltre a essere il modello più economico di questa classifica è anche il più adatto a contenere il corpo del piccolo quando è ancora troppo presto perché regga da solo il peso della propria schiena e il collo.

Con indicatore di temperatura: Un elemento chiaramente identificabile dà l’informazione necessaria per determinare se è il momento di entrare in acqua. La scritta HOT si colora di rosso se è ancora presto per tuffarsi.

Materiale di qualità: Il PVC usato per questa vasca è privo di ftalati, quindi sicuro da usare direttamente a contatto con la pelle dei più piccini.

 

Contro

Non accompagna a lungo i bagnetti del bimbo: Sarà necessario acquistare presto un nuovo supporto per fare il bagno. I riduttori si rivelano presto troppo limitanti e la piscina rischia di rompersi se non si fa attenzione esponendola a un peso eccessivo, compresa l’acqua.

Acquista su Amazon.it (€15,71)

 

 

 

Vaschetta da bagno per doccia

 

3. Friedola 12067 Baby Watch, Bacinella per Bagnetto

 

Pareri positivi per questa soluzione economica ma anche molto efficace per far fare il bagnetto ai più piccoli. Non ci sono molti fronzoli, la piscinetta gonfiabile ha una dimensione piuttosto generosa e si presta ad accogliere anche due bimbi alla volta, gemelli o fratelli di età molto ravvicinate.

Meglio se usata dentro un piatto doccia di dimensioni leggermente più grandi della media, questa vasca si presta a dare grandi soddisfazioni.

È molto semplice, non ha nessun elemento che ne limiti l’accesso e per questo è bene usarla quando i piccoli riescono a reggersi bene seduti e possono divertirsi di più tra spruzzi e giochi d’acqua. Ha il tappo per lo scolo in posizione laterale, quindi è possibile sfruttare la naturale leggera pendenza del piatto doccia per facilitare lo scolo dell’acqua.

Anche il pavimento della vaschetta si gonfia, rendendo il fondo più comodo e sicuro, perché limita il rischio che vi si possa scivolare.

 

Pro

Materiale di buona qualità: Al momento di stabilire i parametri che servono a capire come scegliere una buona vaschetta da bagno, la sicurezza è al primo posto. In questo caso la gomma usata è molto spessa e le giunture aderenti e resistenti.

Fondo gonfiabile e ruvido: Si gonfia anche la base della piscina e quindi ammortizza eventuali scivoloni che sulle superfici completamente lisce e piatte sono più probabili.

Dimensioni generose: Le misure sono particolarmente importanti e anche in altezza la piscina non delude e consente di far giocare i più piccoli come fossero in una vera piscina.

 

Contro

Non adatta a tutti i piatti doccia: Viste le dimensioni notevoli, non tutti i bagni possono ospitare questa vasca nel box doccia.  

Acquista su Amazon.it (€21,55)

 

 

 

Vaschetta da bagno pieghevole

 

4. Okbaby 38956840 Onda Slim Vaschetta Pieghevole

 

Tra le migliori vaschette da bagno del 2019 troviamo anche questa comoda soluzione pieghevole proposta da OKBaby. Una soluzione ideale in caso di bagni piccoli in cui ogni centimetro deve essere sfruttato al meglio.

A differenza di altri modelli pieghevoli, qui c’è spazio anche per il riduttore che frena la caduta del piccolo verso il basso. Quindi si può usare già durante i primissimi bagnetti perché offre un sostegno interessante.

Lo spazio a disposizione può essere usato da un lato o dall’altro dello spartigambe per offrire maggiore libertà di movimento man mano che il piccolo cresce. Le dimensioni però non sono eccessive e presto il supporto dovrà cedere il passo a qualcosa di più comodo.

È disponibile in vari colori e per questo è facile trovare la soluzione più adatta anche dal punto di vista estetico.

 

Pro

Dotato di spartigambe: La presenza del perno centrale permette al bimbo di reggersi con sicurezza in posizione seduta mentre gioca in acqua. Uno scivolone improvviso fa prendere un bello spavento all’adulto come al bebè.

Pieghevole e molto compatta: Quando si richiude diventa davvero molto piccola e l’ingombro della vasca è irrisorio.

Disponibile in tanti colori: La scelta non si riduce a pochi modelli, si va dai toni più vivaci a quelli neutri per accontentare i gusti di tutti.

 

Contro

Dimensioni ridotte: Le dimensioni complessive della vasca non ne consentono l’uso dopo l’anno di vita del piccolo.

Acquista su Amazon.it (€33,19)

 

 

 

Vaschetta da bagno grande

 

5. OKT Kids Vasca da Bagno per Bambino XXL

 

Forse non la miglior vaschetta da bagno ma di certo un modello da prendere in considerazione viste le dimensioni notevoli. È decisamente una vasca grande e si presta a essere usata a lungo se ci si dota di riduttore per i primi mesi.

Ha le scanalature utili per appoggiare flaconi di sapone, creme o giocattolini da avere a portata di mano durante il bagnetto. Una soluzione pensata per essere usata a lungo e offrire al piccolo la possibilità di divertirsi giocando in acqua e restando ben immerso. Quindi è perfetta per non prendere freddo nemmeno quando le sedute di gioco acquatico si protraggono a lungo.

È realizzata in polipropilene, una plastica resistente e robusta che non si deforma nemmeno se sottoposta a stress intenso. La soluzione perfetta per fare il bagno a più di un bimbo piccolo alla volta, visto che è lunga un metro ed è piuttosto alta.

 

Pro

Molto grande: Forse la più grande in commercio attualmente e da usare per ridurre le dimensioni di una vasca da bagno, oppure da usare in giardino per far giocare i piccoli con l’acqua senza i rischi legati alle soluzioni gonfiabili.

Materiale robusto: La plastica usata è il polipropilene, un polimero molto resistente ma leggero e indeformabile.

Dotata di bordi sagomati: Ai lati sono presenti le scanalature dove conservare i flaconi di creme, bagnoschiuma e shampoo.

 

Contro

Manca il foro del tappo: Per svuotarla è necessario ribaltare la vasca perché non è presente il foro di scarico. Potrebbe essere piuttosto pesante.

Acquista su Amazon.it (€22,99)

 

 

 

Vaschetta da bagno Jané gonfiabile

 

6. Jane Vaschetta Gonfiabile per Piatto Doccia e Riduttore per Vasca

 

La vaschetta da bagno Jané è un vero sollazzo perché permette a due bambini di età ravvicinate di stare insieme a mollo. Anche quando non si ha a disposizione più di un piatto doccia. Si gonfia e così può raggiungere una comoda altezza delle sponde, quindi la capienza è maggiore. Qui i piccoli riescono a stare seduti e giocare in acqua.

L’uso che se ne consiglia va da zero a 5 anni. Non tutti gli utenti sono d’accordo rispetto a questa indicazione. Infatti, man mano che i bambini crescono aumenta anche la portata dei loro movimenti e potrebbero far uscire tanta acqua dalla vasca.

Le dimensioni della vasca esternamente sono di un quadrato di 70 cm di lato. All’interno lo spazio si riduce di una decina di centimetri. Queste indicazioni di massima sono indispensabili per determinare se si tratta di una soluzione compatibile con il piatto doccia.

La presenza del tappo in posizione laterale rende più facile sfilarlo quando è ora di svuotare la vasca dopo il bagnetto.

 

Pro

Gonfiabile e con pompa inclusa: Le sponde sono alte, e in questo modo la piscinetta può contenere tanta acqua da mantenersi solida e stabile anche quando il piccolo si aggrappa ai bordi della vasca per alzarsi in piedi.

Adatta anche a due bambini alla volta: Nel complesso è grande abbastanza da far sedere due bimbi di età ravvicinate oppure due gemelli, purché d’età compresa fino a 5 anni.

Con tappo laterale: Una soluzione comoda per svuotare la vasca e implementata nei modelli più recenti di questo modello.

 

Contro

Dimensioni non standard: Il piatto doccia di solito è di 60x60cm, quindi questa vasca potrebbe non riuscire a entrare a dovere.

Acquista su Amazon.it (€45)

 

 

 

Vaschetta da bagno Stokke

 

7. Stokke Flexi Bath

 

La vaschetta da bagno Stokke si caratterizza per la sua particolare forma e praticità d’uso. Infatti, pur nella sua estrema semplicità è ergonomica e consente al piccolo di assumere la posizione corretta anche quando ancora non padroneggia benissimo l’equilibrio.

Le sponde sono leggermente inclinate e in questo modo migliorano il comfort della seduta seppure in tanto spazio, in proporzione alle dimensioni del piccolo. Se ne consiglia l’uso dalla nascita, magari servendosi di un riduttore per migliorare la seduta, fino ai 4 anni.

La vasca è dotata di tappo sul fondo, indispensabile per poterla svuotare alla fine. È sagomata in maniera speciale per essere poi richiusa completamente quando non serve. Quando si ricompatta occupa così poco spazio da poter entrare dentro lo stesso mobile del bagno, ma a patto di svuotarla e asciugarla perfettamente.

La compattezza e maneggevolezza ne suggeriscono un uso versatile e in grado di rispondere a diverse necessità. Si può utilizzare sul piatto della doccia dove non occuperà troppo spazio nei bagni più piccoli. Oppure si può portare con sé in viaggio, in una seconda casa o in campeggio, per dare ai piccoli la possibilità di giocare con l’acqua o fare il bagnetto.

 

Pro

Pieghevole e compatta: L’aspetto è elegante e gradevole pur nella semplicità delle linee essenziali. Il vero punto forte sta nell’aver evidenziato con colore a contrasto le linee che segue la vaschetta per ripiegarsi e compattarsi al meglio.

Versatile fino ai 4 anni: Si può usare dalla nascita, con un riduttore, e durante gli anni successivi sarà in grado di ospitare bene il piccolo che si fa il bagno.

Ergonomica: Le sponde sono leggermente inclinate e assumono una posizione bombata che permette ai bambini di età diverse di stare seduti comodamente nella vaschetta.

 

Contro

Può sembrare cara: Rispetto ad altre soluzioni, quelle del marchio norvegese hanno un prezzo mediamente più alto. Però è innegabile il valore aggiunto del design allo stesso tempo funzionale ed elegante.

Acquista su Amazon.it (€99,97)

 

 

 

Vaschetta da bagno Chicco

 

8. Chicco Vaschetta Crescita, 0m+

 

È la tipica vaschetta da usare per un anno, o poco meno a seconda delle forme e rotondità del bebè. È presagomata, quindi permette al bebè di assumere una posizione semi-seduta, che assicura migliore stabilità e facilità di tenerlo in posizione anche quando è davvero piccolo e la testa ciondola.

Oltre allo schienale che sostiene il peso dal sederino alle spalle nella posizione ottimale, è presente anche il fermo che sorregge le gambe e scongiura il rischio che possa scivolare in avanti. Una posizione comoda e sicura è il prerequisito per rendere il bagnetto un momento di svago e divertimento. Infatti, non si rischia di trasmettere insicurezza al neonato perché si percepisce instabile la sua posizione in acqua.

Malgrado il design molto essenziale, la vaschetta da bagno Chicco è dotata di due scomparti per mettere i flaconi di bagnoschiuma e altro che può servire avere a portata di mano mentre si fa il bagnetto. È solida e robusta, quindi è facile da spostare dove e come serve dopo l’uso per ottenere la migliore gestione dello spazio in bagno.

 

Pro

Con sedile preformato: Anche se non ha il fondo antiscivolo, la forma della seduta è pensata per tenere il piccolo con la testa sollevata mentre il corpo è inclinato. Non c’è da preoccuparsi che possa scivolare.

Reggigambe: Per migliorare la tenuta della posizione è presente anche un elemento divisorio che sostiene e separa le gambette scongiurando il rischio che il piccolo possa scivolare verso il basso.

Solida e compatta: Il materiale impiegato è resistente e indeformabile anche se la vaschetta rimane molto leggera. Le misure sono proporzionali per non occupare troppo spazio ma dare modo al pupo di divertirsi a mollo.

 

Contro

Non compatibile con tutti i fasciatoi: Non è facile trovare un supporto per questa vasca, perché le dimensioni non sono quelle del vano per la vasca dei comuni fasciatoi, né si adatta a entrare in una doccia comune.

Acquista su Amazon.it (€21,13)  

 

 

 

Come scegliere una buona vaschetta da bagno

 

Ci sono alcuni aspetti da valutare quando si tratta di acquistare la vasca per il bagnetto del pupo. Spesso l’ingombro è l’elemento da tenere in maggiore considerazione. Potrebbe non essere facile muoversi con agio dentro la stanza e poter fare il bagno con serenità. Tra soluzioni integrate nel fasciatoio, altre che si posizionano su un cavalletto e la lunga lista di soluzioni adattabili alla vasca o al piatto doccia, le possibilità d’acquisto si moltiplicano e possono rendere la scelta più complessa.

 

 

Inoltre, è bene ricordare che esistono le soluzioni presagomate con la forma della seduta per il bebè sotto i sei mesi, per poi passare alle vaschette piatte all’interno ma più capienti man mano che il piccolo cresce.

Quel che conta tenere a mente è che, specie durante i primi bagnetti, è consigliabile avere tutto a portata di mano, facile da raggiungere nel momento stesso in cui serve. In questo modo non si cede alla leggerezza di lasciare il piccolo incustodito, nemmeno per un istante.

 

La differenza tra prima e dopo i 6 mesi

Come per la gran parte degli accessori per i bebè, anche le vasche sono progettate in modo diverso se destinate a bebè al di sopra o al di sotto dei sei mesi. Lo spartiacque è il momento in cui il piccolo è in grado di padroneggiare il proprio equilibrio. Quindi è capace di reggere il peso della propria testa, tenere dritta la schiena e mantenere una posizione seduta corretta.

Prima sono la forma e il design dei supporti a sorreggere il corpo del bebè per evitare che possa sbilanciarsi e scivolare. Questo vale a maggior ragione nella vasca del bagnetto.

Le migliori vasche per i primi bagnetti sono quelle che offrono una seduta sicura e comoda, perfettamente ergonomica e rispettosa delle forme del bebè. Quindi ha un disegno arrotondato che segue la forma a C della schiena, sorregge le gambe sollevandole leggermente e bloccandole con uno spartigambe e di conseguenza consente di limitare i movimenti involontari che farebbero scivolare il piccolo in acqua. L’improvvisa instabilità finisce con innervosire e spaventare mamma e bebè che poi non riescono a godere del momento del bagnetto con la dovuta serenità.

 

Come gestire il bagnetto per i gemelli

Le routine con i gemelli sono decisamente più impegnative rispetto al fatto di dedicarsi a un solo bebè alla volta. Per questo è importante organizzare gli spazi e i momenti della giornata in modo da non sprecare energie e evitare di raddoppiare tutto il lavoro. Abituati a condividere lo spazio già da dentro la pancia della mamma, i gemelli potrebbero desiderare di fare il bagnetto insieme già dai primissimi giorni di vita. 

Se ci ha fatto tenerezza il video virale che girava fino a pochi anni fa coi due gemelli abbracciati insieme sotto il getto delicato dell’acqua nel lavandino, è bene fare anche i conti con la praticità. Solo per poco tempo i bimbi rimangono così piccoli da poter essere sorretti con una sola mano.

Presto diventeranno grandi e sarà necessario maggiore sforzo per tenerli ben fermi dentro la vasca, oltre al fatto che la mano libera serve per completare la pulizia del piccolo. Specie per le prime settimane è indispensabile tenere con una mano le spalle del piccolo per evitare che scivoli. Poco a poco assumerà maggiore controllo dell’equilibrio e non sarà necessario altro sostegno oltre quello della seduta.

In sintesi, specie durante i primissimi mesi, il bagnetto non si fa a entrambi i bimbi nello stesso tempo. A meno di non essere in due a occuparsene. Il momento dei giochi d’acqua insieme arriverà presto sapendo aspettare.

I vantaggi della vaschetta gonfiabile

Si tratta di vere e proprie piscinette in miniatura, sono realizzate in PVC resistente e si gonfiano facilmente con la pompetta elettrica. Assumono forme diverse, quindi la capacità complessiva cambia così come varia il numero di bambini che possono fare il bagnetto contemporaneamente. Si può puntare alle soluzioni in cui si gonfia anche il riduttore per contenere i movimenti, o le classiche dalla forma a tinozza che garantiscono grande divertimento ai più grandicelli.

Dopo l’uso si possono tenere gonfie o sgonfiarle a seconda della propria convenienza. Quel che conta è sapere che possono tornare in forma in pochi passaggi. Inoltre sono l’ideale per essere portate anche all’esterno. Sul terrazzo, in giardino, sulla spiaggia, ovunque serva ricorrere all’intrattenimento dei giochi con l’acqua.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come riparare la vaschetta da bagno?

Potrebbe non essere così facile riparare una vasca per il bagnetto, infatti il materiale usato di solito non è il più robusto e resistente agli interventi tradizionali. Se di certo sono tante le soluzioni per le vasche in vetroresina, risulta più complicato riparare un foro su una parete di PVC, il materiale usato di solito per queste vaschette. Spesso si prende in considerazione anche il fatto che presto questi oggetti cadranno in disuso perché non in grado di contenere il corpo del bebè a lungo.

Nel caso delle vaschette gonfiabili, invece, è più semplice attuare le stesse soluzioni che si usano per riparare le piscinette e altri oggetti simili. Quindi è più facile trovare kit per riparare le perdite, toppe e altri collanti per chiudere il forellino.

 

Come scegliere il modello per vasca da bagno?

Si può usare la stessa vasca da bagno per contenere la vaschetta più piccola. Il vantaggio è tutto nella maggiore praticità quando è il momento di riempirla e svuotarla. Alcuni modelli sono disegnati appositamente per entrare dentro la vasca, infatti devono avere una base stabile che consenta di stare dritti e poggiare alla perfezione. Inoltre devono avere la dimensione adatta a essere contenute nella vasca che di solito è stretta. 

Quindi i modelli che vanno bene per il piatto doccia potrebbero non essere adatti alla vasca da bagno e viceversa. Inoltre, si consiglia di usare una vaschetta da mettere nella vasca perché così non si disperde l’acqua ed è possibile immergere il corpo del bebè quasi completamente. In una vasca per adulti, invece, si dovrebbe usare molta più acqua per coprire bene il corpo, rischiando che possa scivolare e andare sott’acqua.

 

Come scegliere il supporto per la vaschetta da bagno?

Le vaschette possono essere montate anche su supporto, una soluzione pratica e comoda che consente di portare il bebè all’altezza dell’adulto. Non serve stare seduti a terra con la schiena in tensione come avviene facendo il bagnetto usando il piatto doccia.

Questa rappresenta la soluzione più comoda per lavare un bimbo piccolo plausibilmente dai sei mesi fino al primo anno di vita. 

Supporti e vaschette compatibili sono molto facili da trovare, di solito sono in vendita accoppiati per marchio, o semplicemente perché vengono realizzati rispettando degli standard produttivi. Ma è importante considerare che questa compatibilità non è la regola e può capitare che i due pezzi non siano perfettamente compatibili come si vorrebbe. Non c’è da preoccuparsi se le due parti non si combinano al millimetro, però, perché il peso dell’acqua è sufficiente a stabilizzare il supporto.

 

Come funziona la doppia seduta?

Alcune vaschette sono studiate per essere usate dalle prime settimane fino alla fine del primo anno. Quel che cambia non è la forma della vasca ma l’orientamento del bebè che può essere fatto sedere sul riduttore con sistema di contenimento per la schiena e le gambe, per poi trovare posto sul lato opposto dove può reggersi comodamente solo sullo schienale con l’inclinazione minore ma pur sempre confortevole.

 

 

 

Come utilizzare una vaschetta da bagno

 

Tolte le precauzioni da impiegare per evitare che il bebè possa scivolare sott’acqua, è possibile usare la vaschetta anche per ottenere altri vantaggi. Dall’ottimizzazione dello spazio in bagno, fino alla possibilità di usare il bagnetto anche per svolgere altre funzioni utili, ci sono tante attività da associare al questo momento della giornata.

 

 

La vaschetta con bilancia

Si tratta di una soluzione ottimale per chi vuole controllare l’andamento della crescita e non ha a disposizione tanto spazio in casa anche per altri accessori ingombranti come la bilancia. Molto ricercata dai neogenitori del XXI secolo, questo tipo di soluzione piace perché associa al classico supporto per il bagno anche altre funzioni utili, digitalizzandole.

Quindi è possibile verificare il peso del bambino man mano che passano le settimane. Ovviamente, un modello così hi-tech è anche in grado di misurare la temperatura dell’acqua e mostrarla sul display, perfetto per gli amanti della tecnologia e che adorano l’idea di usarla anche per la cura del proprio bebè.

 

I vantaggi della vaschetta da bagno pieghevole

Non tutti i bagni sono di dimensioni tali da contenere tutti i gadget che servono per l’igiene del bebè. Tra fasciatoio e vaschetta, l’ingombro in questa stanza si può fare davvero importante.

Se è necessario scegliere tra l’uno o l’altra è bene sapere che molti fasciatoi hanno inclusa la vaschetta che si usa per i primi 5 o 6 mesi del bebè. Poi, si può optare per le vasche che possono ripiegarsi completamente ed essere riposte dietro il vano della porta, appese al muro o persino riposte dentro il mobile del bagno. Sono soluzioni ottimali e decisamente comode per ridurre l’ingombro complessivo dei gadget, ma senza privare il bebè della possibilità di fare il bagnetto.

 

 

La soluzione universale adattabile al piatto doccia

Il piatto doccia può avere misure diverse, ma di solito è grande abbastanza per contenere la vaschetta al suo interno per fare il bagnetto al bebè. Quel che piace di più è la possibilità di riempire e svuotare la vasca con facilità e gesti semplici. Inoltre, qui la vasca non ha un ingombro eccessivo e dato il suo peso piuma è facile da appendere alla parete con un gancio anche se non è pieghevole.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...