Le migliori carrozzine

 

Carrozzine – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Le carrozzine sono strumenti utili per rendere più spedita e semplice la mobilità con un neonato. Sono perfette per affrontare i piccoli spostamenti quotidiani e, se sono ben progettate, possono affrontare anche i mezzi pubblici e gli ostacoli delle strade di città. Per scegliere il modello adatto bisogna avere chiare le proprie esigenze e lo stile di vita della propria famiglia. E forse questo non sempre è possibile dal momento che chi si trova a fare il genitore per la prima volta deve fronteggiare numerose incognite. Nella selezione che vi proponiamo di seguito potete trovare diversi accessori che possono dare risposte a esigenze specifiche, se pensate di potervi identificare in una di queste potete risparmiare tempo e investire al meglio il vostro denaro nella giusta scelta. I modelli che preferiamo in assoluto sono i primi due che guidano la nostra classifica. Inglesina – Classica
ha dalla sua un piacevole aspetto vintage che si sposa però con qualità di materiali e facilità di conduzione tipiche dei giorni nostri. Kinderkraft Moov – Passeggino è disegnato per dare la giusta risposta a chi deve fornire un supporto al piccolo per tanti anni, ottimizzando la spesa.

 

Opinioni sulle migliori carrozzine

 

Segue adesso una rassegna curata dalla nostra redazione delle carrozzine più interessanti attualmente in commercio. Una buona soluzione per facilitare la scelta e offrire soluzioni non convenzionali ma molto interessanti che consentono di risparmiare molto rispetto alla spesa media per questi accessori.

 

Prodotti raccomandati

 

Carrozzina inglesina

 

Inglesina – Classica

 

Inglesina propone la più classica delle carrozzine. Nonostante il prezzo sia davvero importante e la sua funzione sia destinata a esaurirsi nel giro di pochi mesi, sono tanti gli utenti che continuano a preferire questo modello. Infatti rappresenta un campione di vendite per questo marchio che punta a un settore di mercato di fascia medio/alta. Infatti non è di certo il modello più economico di questa classifica.

Nonostante l’aspetto démodé della carrozzina le caratteristiche di maneggevolezza e fluidità della conduzione sono al passo coi tempi. La struttura è caratterizzata da ruote molto grandi e in grado di muoversi delicatamente, specie se si decide di usare la carrozzina per facilitare l’arrivo del sonno quando è ora di fare la nanna. Si muovono con fluidità specie sul pavimento di casa e la carrozzina si presta a rendere il momento del riposo comodo e accogliente.

Si copre completamente e la capote reclinabile consente di proteggere il piccolo dall’esposizione diretta ai raggi solari, mentre la copertina protegge il resto del corpo dal freddo.

 

Pro

Vince per eleganza: È la carrozzina per antonomasia, e ha un inequivocabile stile rétro che fa pensare agli anni ‘50. Si distingue tra le altre per il suo stile ineccepibile.

Facile da guidare e stabile: Si guida con destrezza perché è dotata di ruote grandi e maniglia facile da afferrare. Si controlla con precisione e la carrozzina scorre agile su strada come in casa.

Curatissima in ogni dettaglio: Inglesina punta a conquistare un pubblico esigente e disposto a sborsare cifre importanti. Non stupisce che imbottiture, tessuti e coperture siano realizzati con grande cura.

 

Contro

Estremamente cara: Non deve stupire che il prezzo di questo oggetto sia ben al di sopra della media per quanto riguarda le carrozzine.

 

 

 

 

Carrozzina neonato

 

Kinderkraft Moov – passeggino

 

Un neonato deve avere a disposizione tutto quello che gli serve per garantirgli spostamenti piacevoli e in perfetta sicurezza. Poi, l’aspetto estetico e la cura per i dettagli sono coccole che si riserva la mamma al momento di preferire un modello o l’altro.

In questo caso abbiamo una soluzione proposta a un prezzo molto competitivo, dotata di tutti gli elementi utili per portare a spasso il piccolo sin dai primi giorni di vita e per i prossimi anni a venire.

I tre elementi che si danno il cambio sono strutturati per accogliere il piccolo durante le diverse fasi della sua crescita. Ma il vero punto forte è tutto nella struttura, molto ben strutturata e disegnata per garantire la massima comodità al piccolo.

Difficilmente si trovano basi con ruote così grandi e facili da dirigere per aggirare gli ostacoli, in più è dotata di ammortizzatori per rendere la passeggiata piacevole anche su terreni accidentati. La struttura è leggera e anche gli elementi montati sopra non alterano la maneggevolezza della carrozzina che si presta bene a superare ostacoli di diversa natura, come testimoniano i pareri di tanti utenti soddisfatti.

 

Pro

Molto economico: Una delle caratteristiche che colpiscono favorevolmente è tutta nel prezzo davvero competitivo. Non si rimpiangono i modelli più cari perché la qualità complessiva è molto alta.

Ben fatto e versatile: Il trio è composto dai pezzi canonici compresa la struttura portante, ma quel che piace di più è che ogni pezzo accoglie comodamente il piccolo.

Ricca dotazione di accessori: Telo parapioggia, copertura per le gambe e imbottiture comode caratterizzano questa soluzione ricca di pregi.

 

Contro

Colori poco vivaci: Se proprio si deve trovare una nota stonata, è nella gamma di colori un po’ monotona.

 

 

 

 

Carrozzina Chicco Trio

 

Chicco – Passeggini Sistema modulare Trio Sprint

 

Il trio proposto da Chicco è pratico, economico e pensato per dare la risposta giusta alle esigenze basilari del piccolo dai primi giorni di vita. Si può usare per portare il piccolo a casa dall’ospedale o la clinica dove è nato. I tre elementi intercambiabili danno una risposta specifica alle diverse esigenze in base all’età del piccolo.

La carrozzina è perfettamente orizzontale ma è anche dotata di schienalino interno che consente una minima regolazione dell’inclinazione per facilitare la respirazione se il piccolo è raffreddato. Si può regolare dall’esterno e con una mano sola, quindi è perfetto per aiutare il bimbo ad assumere la posizione corretta se si è addormentato e non si vuole di certo svegliarlo.

Il seggiolino è dotato di spallacci e spartigambe imbottiti che permettono di accogliere il piccolo appena è in grado di reggere il peso della propria schiena. Quindi dai sei mesi in poi subentra questo nuovo elemento a dare maggiore sprono e voglia alle passeggiate in giro per il mondo.

 

Pro

Ideale per gli spostamenti brevi: Il trio che Chicco propone in fascia di prezzo bassa è perfetto per supportare gli spostamenti più brevi e su percorsi non accidentati. L’ideale per la seconda casa in cui il piccolo passa del tempo durante il giorno.

Economico e versatile: Si presta a essere usato in diversi contesti ma soprattutto si fa apprezzare per il suo prezzo contenuto e molto accessibile.

Trio ricco di accessori: Insieme alla struttura, sono compresi i tre elementi intercambiabili per ospitare il piccolo nelle diverse fasi della sua crescita.

 

Contro

Non il più comodo per i bambini: In alcuni momenti il supporto non sarà perfettamente adatto a ospitare il piccolo comodamente.

 

 

 

 

Carrozzina Peg Perego

 

Peg Perego – Navetta Pop Up

 

Peg Perego propone una navetta per gemelli dalle dimensioni piuttosto compatte ma comunque confortevole e adatta allo scopo.

Si chiama Pop Up perché si può piegare su se stessa, schiacciandosi, e così ridurre notevolmente il suo ingombro complessivo. Basta una mano per compattarla ma il sistema di blocco in entrambe le posizioni, aperta o chiusa, è facile da impostare e solido.

Comoda la maniglia integrata foderata in finta pelle che la rende piacevole al tatto e molto utile perché consente di spostare la navetta dove serve e con facilità.

Il colore neutro si adatta bene a essere usato per maschietti e femminucce, quindi si presta bene a completare l’arredo della cameretta se si vuole usare la culla nella stanza durante le prime settimane di vita. Un altro aspetto convincente è rappresentato dalla scelta di curare con precisione i dettagli e non lasciare nulla al caso affinché la struttura risulti leggera e maneggevole.

 

Pro

Pop up: Il bello di questa navicella è che si può compattare su se stessa quando non serve, basta una mano e l’ingombro complessivo si riduce drasticamente.

Curata nei dettagli: Particolari come la maniglia foderata in similpelle, gli inserti di tessuto di colore contrastante la rendono particolarmente elegante nella sua estrema semplicità.

Compatibile con i telai della stessa marca: Si combina perfettamente con il telaio proposto dalla ditta, in particolare con il modello Book.

 

Contro

Poco imbottita: Per renderla leggera e facile da compattare si è rinunciato all’imbottitura per questa culla che ha bisogno di un materassino da acquistare a parte e di eventuali protezioni laterali per renderla più morbida.

 

 

 

 

Altri prodotti

 

Knorrtoys.com – Coco

 

L’arrivo di un fratellino o di una sorellina può creare qualche disarmonia. Per questo insieme alla carrozzina per il nuovo arrivato è bene pensare anche a quella per le bambole da dare al primogenito. Servirà al maggiore per interiorizzare e comprendere meglio quello che succede di nuovo in casa. Imitando i gesti dei genitori i piccolissimi possono comprenderli meglio e interiorizzarli. È un ottimo sistema per dare il giusto spazio ai piccoli per elaborare il fatto di non essere più gli unici piccoli in casa da accudire e coccolare.

Poi questa carrozzina per le bambole è progettata proprio con grande cura e attenzione. Imita alla perfezione anche i dettagli più insignificanti, ma solo in apparenza. Così sarà possibile imitare la mamma in ogni suo gesto e riproporre in versione gioco quello che avviene in casa.

Un gioco senza tempo e dal valore indiscutibile che figura tra i più venduti di quest’anno e permette ai piccolini e alle piccoline di apprendere gesti di cura e di amorevolezza verso i più piccoli.

 

Pro

Ben fatta in ogni dettaglio: Riproduce una vera carrozzina proprio come quelle che usano i genitori. Ma in più ha anche il pezzo per trasformarsi in passeggino e offrire sempre nuovi spunti per il gioco.

Pezzi facili da fissare alla struttura: Ognuna delle parti ha un incastro semplice che consente anche alle bimbe di essere fissate alla base con le rotelle.

Pieghevole al bisogno: Anche il sistema che consente alla struttura di essere smontato e richiuso è molto semplice e intuitivo.

 

Contro

Un po’ piccola: La carrozzina è più adatta alle bambine di 5 anni al massimo, meno per quelle più grandi che potrebbero trovarla sproporzionata rispetto alla loro altezza.

 

 

 

 

Besrey – 2 in 1

 

Tra le offerte da non lasciarsi scappare troviamo anche questo interessante set composto da due pezzi, struttura e elemento che all’occorrenza fa da carrozzina o passeggino, per accompagnare le passeggiate all’aperto. In comparazione con i soliti trio, qui manca qui l’elemento da montare all’auto, il seggiolino del gruppo 0. Ma è l’occasione adatta per chi ha deciso di acquistare a parte l’elemento per l’auto e non ha bisogno di trovarlo incluso dentro il set del passeggino. Piace agli utenti abituati ad acquistare oggetti venduti online perché molto economico ma nel complesso è ben fatto e maneggevole.

Infatti risponde al meglio alle esigenze di chi non sa dove acquistare un buon modello ma a prezzi bassi. La struttura è solida e progettata per muoversi agile anche in presenza di ostacoli lungo il cammino. I pezzi si possono scollegare dalla base con facilità anche se non è il modello in assoluto più semplice da gestire con una sola mano.

 

Pro

Un unico elemento fa da carrozzina o da passeggino: L’innovazione più interessante è tutta nella presenza di una sola seduta che funziona in orizzontale o inclinato a seconda delle esigenze del piccolo.

Si chiude con facilità in ogni configurazione: Che si usi come passeggino o come carrozzina, è semplice configurarlo in modo da essere richiuso in pochi passaggi.

Salvaspazio: Questo ingegnoso accorgimento consente di ottimizzare lo spazio in casa perché non è indispensabile prevedere un posto per riporre gli elementi che non servono.

 

Contro

Manca l’elemento per l’automobile: Chi compra un trio, di solito cerca anche il modello da usare in auto per il trasporto in sicurezza del bebè, che qui non è presente.

 

 

 

 

Lenzuola per carrozzina

 

Italbaby – Set 3 Lenzuoline per Carrozzina

 

Le lenzuola per carrozzina non sono tutte uguali, spesso le dimensioni devono essere verificate attentamente per essere certi che coprano al meglio il proprio materasso. In questo caso il pezzo di sotto è di 35 x 75 cm, una dimensione usata comunemente nelle carrozzine e nelle navicelle dei trio.

La soluzione perfetta per completare la biancheria necessaria al neonato perché include, oltre al pezzo di sotto con gli angoli, anche il lenzuolino piuttosto ampio e avvolgente e la federa di un cuscino.

Il tessuto è interamente cotone, morbido e piacevole al tatto anche dopo numerosi lavaggi. Si può usare sin da subito visto che i colori sono molto tenui e non infastidiscono il bebè.

 

 

 

 

TI TIN – Lenzuola Culla

 

Ecco un bel lenzuolino per carrozzina che si presta a essere usato quando il materassino è leggermente più grande, infatti qui le dimensioni sono di 50 x 80 cm per il lenzuolino di sotto.

Una misura facilmente spendibile perché si adatta alla maggior parte delle culle per neonati. Il set è proposto a un buon prezzo perché include i tre pezzi, lenzuolo di sotto con angoli elasticizzato, lenzuolo di sopra e federa del cuscino.

Il tessuto utilizzato in questo caso è popeline di cotone, un tipo di lavorazione che rende il tessuto molto morbido e leggero, che migliora lavaggio dopo lavaggio.

 

 

 

 

Come scegliere una buona carrozzina

 

La carrozzina deve servire in primo luogo a dare un supporto stabile e sicuro ai piccoli durante i loro primi spostamenti a passeggio con mamma e papà. Deve poter accogliere i piccoli in base alle loro capacità di vivere e affrontare gli stimoli che provengono dal mondo esterno. Vediamo cosa non deve mancare in un buon modello.

 

 

Assicurare diverse posizioni in base all’età del piccolo

Tra le migliori carrozzine del 2019 non possono di certo mancare i modelli in grado di assicurare un giaciglio sicuro e confortevole ai piccoli a seconda della loro età. I neonati, per esempio, devono stare completamente supini e non è consigliabile che stiano in posizione seduta o reclinata.

La ragione è semplice, la loro schiena e il collo non sono in grado di reggersi e quindi per poter essere trasportati devono contare su un supporto stabile e omogeneo su tutta la colonna.

Col passare delle settimane e dei mesi il collo si rinforza fino a riuscire a reggere il proprio peso, questo è il momento in cui il passeggino deve poter ospitare il piccolo in posizione seduta o reclinata per permettergli di osservare il mondo all’esterno o la mamma con uno sfondo nuovo rispetto a quello domestico.

 

La struttura deve essere leggera e maneggevole

Quando vi chiedete quale carrozzina comprare, dovreste anche a fare delle prove. La maneggevolezza e la facilità con cui si possono condurre le quattro o otto rotelle determina la possibilità di condurla attraverso scale e i percorsi a zig zag tra le macchine parcheggiate selvaggiamente.

Del resto è importante considerare che il peso del passeggino si deve sommare a quello del piccolo e degli oggetti che si trasportano nel vano apposito che si trova alla base della carrozzina.

Aspetti come questi sono determinanti se si percorrono lunghi tratti a piedi e si usa il vano per trasportare la spesa e altri oggetti utili per svolgere le attività di ogni giorno insieme al piccolo.

 

 

L’agilità dei movimenti è essenziale

Alcuni modelli sono pensati per seguire la crescita del piccolo a lungo, ma possono essere scomodi durante alcune fasi del loro sviluppo. In altri casi è possibile scegliere dei modelli pensati per rispondere a esigenze specifiche di un preciso momento della vita dei piccoli o della giornata.

Spesso le carrozzine sono un elemento di set più completi o in grado di rispondere a esigenze diverse con il passare del tempo. È importante anche assicurarsi che sia semplice scollegare i pezzi con una sola mano e quando si tratta di decidere come scegliere una buona carrozzina, questo aspetto diventa cruciale.

Per esempio, deve essere semplice sganciare l’elemento che contiene il piccolo con delicatezza per evitare di svegliarlo. Spesso si usano supporti fissi in casa per evitare di sporcare il pavimento con le ruote sporche della struttura portante. La miglior carrozzina è quella che consente di eseguire questa operazione con estrema delicatezza e semplicità.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come si prepara la carrozzina per il neonato?

Esistono tanti tipi di carrozzine, ognuna rispecchia le aspettative della mamma e le sue abitudini ereditate da quelle della famiglia di origine. C’è chi si tramanda la carrozzina in vimini che ha usato quando era in fasce, e c’è chi preferisce adoperare soluzioni più versatili e pratiche.

Quel che conta è che la carrozzina per ospitare il riposo del neonato sia ben ventilata e che le imbottiture per proteggerlo da eventuali urti siano anche ben traspiranti per scongiurare rischi non necessari. Il consiglio che si dà alle neomamme e neopapà è di assicurarsi che il piccolo non possa restare con il nasino intrappolato tra cuscini e giocattoli dentro la culla che potrebbero ostacolare la respirazione.

 

Quando passare dalla carrozzina al passeggino?

Per il trasporto del piccolo durante le passeggiate all’aperto è necessario usare il più possibile la carrozzina fino ai sei mesi.

Questo accorgimento è importante per garantire un buon supporto alla schiena che in questo momento è in piena evoluzione. Sta passando dalla forma tipica a C, la cifosi del neonato, che gli ha permesso di stare comodo nella pancia di mamma, a una forma più eretta che permette alla colonna di reggere il collo e la testa. Quindi è bene non sovraccaricare questa parte del corpo facendolo stare seduto a lungo e aspettare il momento in cui si sentirà pronto per mettersi a sedere.

 

Quanto misura una copertina per carrozzina?

Le carrozzine spesso sono fornite di materassino di piccole dimensioni che serve ad accogliere il corpicino del piccolo con dolcezza e senza lasciarlo affossare. Le misure del materasso non variano molto, si tratta di piccole differenze di pochi centimetri a seconda che si voglia dotare della giusta biancheria la carrozzina del trio oppure quella fissa da tenere nella cameretta del bebè.

Nel secondo caso è possibile che il materassino sia leggermente più grande rispetto a quello della navicella del trio. Basterà verificare attentamente le misure indicate per il materasso scelto in base al tipo di culla che si possiede e il gioco è fatto.

Scegliere lenzuola con angoli è consigliabile perché è più semplice avvolgere il materassino ed essere certi che il tessuto vi aderisca bene. Infatti le lenzuola che devono solo essere piegate sotto possono spostarsi e fare grinze che segnano la pelle delicatissima del bambino.

 

Fino a quanti mesi si usa la carrozzina?

La carrozzina si può usare indistintamente fino a che il piccolo riesce a entrarci dentro. Se per comodità si preferisce lasciarlo dormire qui anche dopo i sei mesi, è opportuno verificare che il peso crescente non lo faccia affondare troppo nel materasso. Infatti continua a essere importante garantire un supporto stabile, ma non troppo rigido, per garantire la corretta postura al bambino.

 

 

 

Come utilizzare la carrozzina

 

Per sfruttare al meglio le potenzialità della carrozzina è bene sapere che può svolgere alcuni compiti che possono semplificare la vita di ogni giorno. Non tutti sanno come fissare carrozzina in auto, per esempio. O addirittura non sanno che sia possibile farlo. Conoscere i segreti e le possibilità d’uso degli oggetti destinati alla prima infanzia è importante per sveltire alcuni procedimenti e operazioni quotidiane di una certa rilevanza.

 

 

Come lavare la carrozzina

Prima di proporla al piccolo come giaciglio comodo dove dormire durante il giorno e la notte, è importante accertarsi che la carrozzina sia ben pulita.

Nuova di fabbrica potrebbe avere depositi di polvere e altro materiale non proprio consono ad ospitare il primissimo sonno del piccolo. Per questo motivo è bene dedicare qualche attenzione ai primi lavaggi della carrozzina.

Di solito è possibile sfoderare con facilità tutte le parti tessili, bottoni, clip e ganci fissano le imbottiture per permettere la facile manutenzione. Date uno sguardo anche alle indicazioni di lavaggio e considerate la possibilità di lavare a mano o in lavatrice i tessuti prima dell’arrivo del bebè.

 

Come sfoderare carrozzina

Inglesina per esempio offre semplici indicazioni, molto intuitive, per smontare tutte le parti di tessuto, che possono essere messe a bagno o lavate a macchina con un ciclo gentile. Anche capire come montare la carrozzina Inglesina non è complicato, basta seguire il procedimento a ritroso e trovare i ganci e i bottoni che tengono ferme le imbottiture.

La faccenda si complica quando le imbottiture laterali sono fissate alla struttura del letto, in quel caso è sconsigliabile l’acquisto della culla. Ci si potrebbe trovare in seria difficoltà se serve pulire a fondo le parti di tessuto e quelle dell’imbottitura. Capita più spesso di quanto si immagini che rigurgiti, pipì e altri liquidi macchino i tessuti. Meglio sapere di poter correre presto ai ripari e di poter agire comodamente smontando l’intera culla.

 

 

Come si chiude una carrozzina

A volte può essere utile chiudere la carrozzina perché occupi poco spazio in casa dopo il suo uso. Dopo il telaio, la culla rappresenta la componente più ingombrante del trio e spesso non è facile decidere cosa farne o dove metterla se non si può contare su grandi spazi per il suo stoccaggio.

Se si immagina di vendere o regalare il trio sarà utile aspettare di poter dare via anche la struttura portante oltre agli altri elementi come l’ovetto e il passeggino.

Nel frattempo è utile poter contare su modelli in grado di piegarsi su se stessi diminuendo l’ingombro complessivo. Si tratta di soluzioni rare ma non impossibili da trovare al giusto prezzo e con una buona fattura. Basta cercare con attenzione se sono queste le esigenze principali cui bisogna dare risposta per ottimizzare l’ingombro degli oggetti presenti in casa. Del resto la carrozzina si usa solo per pochi mesi, già superato il sesto il suo uso diventa molto sporadico fino ad azzerarsi del tutto in breve tempo.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 voti, media: 3.67 su 5)
Loading...