I migliori passeggini leggeri

 

Passeggino leggero – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Un passeggino leggero è indispensabile quando gli spostamenti sono frequenti e il piccolo comincia a crescere. Ridurre l’impatto del peso del passeggino rende le uscite più agevoli e gradevoli. Un modo perfetto per coinvolgere il piccolo nelle attività di tutti i giorni. Per riuscire a trovare la soluzione adatta alle proprie esigenze dovrebbe essere necessario spulciare i cataloghi delle ditte più famose, confrontare prezzi e fare dei paragoni tra le recensioni delle riviste e le opinioni degli acquirenti. Un lavoro che un neo genitore potrebbe non avere il tempo di condurre fino in fondo. Allora, per consentirvi di risparmiare tempo ma di fare anche un buon investimento, vogliamo suggerirvi alcune proposte interessanti sotto tanti punti di vista. Sono i modelli che più hanno convinto gli altri acquirenti e che si distinguono per il grande successo di vendite. In particolare vogliamo segnalare Chicco – Snappy un modello estremamente leggero, dunque comodo da portare sempre con voi, anche quando bisogna caricarlo in auto e Brevi Mini Large, totalmente reclinabile così da favorire il sonno del bambino mentre siete in giro.

 

Opinioni sui migliori passeggini leggeri

 

Un buon passeggino leggero deve essere realizzato seguendo determinate caratteristiche costruttive.

La scelta dei materiali è essenziale per garantire robustezza e comodità della seduta. Non resta che passare alla scoperta dei migliori passeggini leggeri del 2019. Sono stati scelti tenendo conto delle opinioni favorevoli espresse dagli altri genitori che li hanno scelti e utilizzati per i propri figli.

 

Prodotti raccomandati

 

Passeggino leggero Chicco

 

Chicco – Snappy

 

Chicco propone un modello essenziale anche nel prezzo e non solo nell’aspetto. Si fa apprezzare per la sua capacità di rispondere immediatamente alle esigenze di mobilità dei più piccoli ma senza soffermarsi troppo su dettagli tutto sommato non indispensabili.

È disponibile in varie colorazioni e tutte richiamano l’idea di un prodotto agile e scattante, ideale per gli spostamenti veloci con i più piccoletti. È uno dei più apprezzati tra i modelli venduti online del marchio italiano soprattutto per via della possibilità di trovarlo a prezzi bassi.

È omologato dai sei mesi di vita del piccolo, ma dà il meglio di sé con i bimbi un po’ più grandicelli. Lo schienale si regola su due posizioni base, quella per il riposino e quella eretta. Ma la leggerezza del modello e la facilità con cui si apre e chiude giustificano più che abbondantemente la scelta di questo modello da parte dei genitori.

 

Pro

Leggero e pratico: Una delle soluzioni più snelle e agili proposte da Chicco per portare a spasso i piccoletti. Si usa a partire dal sesto mese e di certo da quando il piccolo è in grado di reggersi bene sulla schiena in posizione seduta.

Tanti colori accattivanti: I tessuti sono proposti in colori pop molto allegri e sportivi, spiccano sui tubolari di metallo neri della struttura. L’aspetto è molto curato e convincente.

Chiusura a ombrello: Una tra le soluzioni più agevoli e comode da maneggiare quando si deve ricompattare il passeggino.

 

Contro

Molto spartano: Non è il modello ideale per fare lunghe passeggiate, specie se il percorso è accidentato. Si presta a essere usato per una seconda casa di villeggiatura o per la casa dei nonni, e comunque solo per spostamenti brevi.

 

 

 

 

Passeggino leggero Brevi

 

Brevi Mini Large

 

Brevi propone in catalogo un modello essenziale pensato per rendere il più possibile semplice e agevoli gli spostamenti con il piccolo. Il peso di questo passeggino è risibile, non raggiunge i 4 chili, ma consente di ospitare il piccolo a partire dai sei mesi. Quindi appena il piccolo è in grado di reggere il peso della propria testa, il passeggino è pronto a ospitarlo.

Si adatta a diventare il nuovo compagno se si pianifica un viaggio in famiglia. La struttura in alluminio ultraleggera è perfetta per essere imbarcata a bordo di un aereo o sui mezzi di trasporto come qualsiasi bagaglio.

Anche il suo ingombro è minimo. Si tratta di un supporto semplice, magari da non destinare agli spostamenti quotidiani ma perfetto per le occasioni speciali in cui è necessario avere un appoggio. Del resto anche i pareri degli utenti lo confermano: non gli manca nulla, dalla pedana poggiapiedi fino alla possibilità di reclinare quasi del tutto lo schienale e favorire la nanna del piccolo. I tessuti sono morbidi e i rivestimenti sfoderabili per poter essere lavati a macchina a 30°.

 

Pro

Struttura snella: Il peso è estremamente ridotto e questo anche grazie alla scelta di materiali leggeri e il design essenziale.

Completamente reclinabile: Lo schienale del passeggino si può reclinare completamente in modo da garantire una posizione comoda e confortevole per il riposo del piccolo quando è fuori casa.

Pedale per chiuderlo facilmente: Posizionato in prossimità delle ruote posteriori, il comando che regola la chiusura e apertura del passeggino è a portata di piede per semplificare l’operazione.

 

Contro

Non adatto a strade accidentate: La struttura è estremamente leggera e di certo non sopporta eccessivi strapazzi su terreni accidentati e non perfettamente lisci.

 

 

 

 

Passeggino leggero Foppapedretti

 

Foppapedretti Più Leggero

 

A firma Foppapedretti troviamo uno dei modelli più adatti a supportare le esigenze di spostamento quotidiano e intensivo con i piccoli. In particolare, questo modello si fa apprezzare per la sua attenzione per i particolari, come la protezione dai raggi solari 50+ per la capottina estensibile che serve a proteggere la testa del piccolo dall’esposizione diretta al sole. Una soluzione che pensa alle esigenze di mobilità in tanti contesti.

Il telaio è realizzato in alluminio e questo conferisce una certa leggerezza e robustezza a tutta la struttura, che si richiude a libro con pochi movimenti. Il passeggino occupa poco spazio una volta chiuso e si regge in piedi da sé.

Un dettaglio che convince tanti perché in comparazione con altri modelli leggeri in commercio, questo garantisce una certa stabilità. La possibilità di trovarlo spesso a un buon prezzo ci ha convinti a includerlo tra le offerte da tenere in considerazione in vista di un prossimo acquisto.

 

Pro

Estremamente leggero: Si tratta di un vero e proprio fenomeno nel suo genere, infatti pesa appena 3,6 chili. Un sogno per le lunghe passeggiate in città alternando mezzi pubblici e spostamenti in auto.

Struttura reclinabile: Non si possono sollevare i piedi, ma lo schienale è ben reclinabile e permette al piccolo di schiacciare un pisolino di tanto in tanto.

Protezione integrale per il bambino: La dotazione è interessante e comprende il comodo e avvolgente copri-gambe e la capote completamente reclinabile e adattabile alle diverse esigenze per proteggere da sole o pioggia.

 

Contro

Poco ammortizzate le ruote: Una struttura leggera non è la più comoda sui terreni accidentati o sul marciapiede poco uniforme. Quindi bisogna considerare che non si adatta a trasportare i piccolissimi.

 

 

 

 

Passeggino leggero Peg Perego

 

Peg Perego Pliko Mini

 

Peg Perego propone un modello leggero e minimale ma reclinabile in tre posizioni e per questo adatto ad accogliere anche i bimbi più piccoli fino a quando saranno un po’ più cresciutelli. Non è perfetto per le lunghe passeggiate ed è possibile che i più piccoli si possano sentire scomodi, così come i bimbi più alti. Ma nel frattempo si adatta a rispondere alle esigenze dei bimbi in piena crescita.

Non stupisce che si tratta di uno dei modelli più venduti di questo marchio di riferimento in Italia. La qualità dei materiali è molto alta e la leggerezza complessiva non delude. Pesa meno di 6 chili e si apre e chiude con movimenti semplici. Si tratta comunque di uno strumento da destinare a spostamenti brevi ed è indicato all’uso sporadico. Se vi riconoscete in questa descrizione, allora vi suggeriamo dove acquistare questo bel modello color denim a un buon prezzo.

 

Pro

Il più compatto da chiuso: Perfetto per accompagnare gli spostamenti in auto, infatti le dimensioni si riducono in maniera sostanziale quando viene richiuso completamente.

Facile da manovrare e richiudere: Se si può chiudere con una sola mano, allora è perfetto per assicurare al piccolo e all’adulto che lo porta in giro il miglior servizio che il passeggino possa garantire.

Reclinabile in tre posizioni: Lo schienale è realizzato in modo da poter seguire le necessità del piccolo e reclinarsi in tre modi specifici, ognuno perfettamente compatibile con il momento della passeggiata.

 

Contro

Dotazione scarna: A differenza di altri passeggini della stessa fascia di prezzo qui non è incluso nessun gadget o accessorio che possa rendere più confortevole la passeggiata.

 

 

 

 

Passeggino leggero Inglesina

 

Inglesina Trip

 

Tanti lo considerano il miglior passeggino leggero proposto da Inglesina in questa fascia di prezzo. A differenza del solito, infatti, questo modello non è proposto a un prezzo inarrivabile. Seppure rimanga più caro rispetto ad articoli simili della concorrenza.

Piace soprattutto perché è ben imbottito e assicura una seduta confortevole e comoda. Si può usare dai sei mesi in poi e lo schienale consente comunque un buon numero di regolazioni. Il piccolo può stare seduto o sdraiato come gli è più comodo.

La pedana che sorregge i piedi si può regolare in modo da accogliere i piedi senza lasciarli penzolare quando lo schienale è reclinato all’indietro. Un dettaglio che migliora la postura del bimbo che può riposare comodamente.

Lo schienale si abbassa in quattro posizioni, mantenendosi leggermente sollevato ma pur sempre in posizione adatta al riposo. La capottina è regolabile e per questo può proteggere al meglio il piccolo dal sole diretto. Il tessuto è pensato per schermare i raggi UV con un fattore di protezione alto, 50+.

 

Pro

Schienale regolabile in quattro posizioni: Si reclina con un movimento fluido che non disturba il piccolo se si è appena addormentato e si può stendere fin quasi in orizzontale.

Capottina con finestrella: Che ha la doppia funzione di facilitare la vista dell’adulto verso il piccolo e permettere il ricambio d’aria all’interno. Inoltre il tessuto scherma il sole e i raggi UV in maniera efficace.

Ruote ammortizzate e peso ridotto: La manovrabilità è buona grazie alla buona fattura delle ruote che si spostano bene anche affrontando scalini e altri ostacoli. Il peso di circa 6,6 chili lo rende molto maneggevole.

 

Contro

Non il più compatto quando è chiuso: Quando si richiude a ombrello rimane molto lungo e per questo potrebbe non entrare facilmente nel bagagliaio di un’utilitaria.

 

 

 

 

Passeggino gemellare leggero  

 

Maclaren – Triumph Passeggino Gemellare

 

Il passeggino gemellare leggero proposto da Maclaren piace parecchio ai genitori di due fratelli della stessa età. Infatti entrambe le sedute offrono le stesse caratteristiche di comfort e massima visibilità del paesaggio intorno.

Pur essendo disegnato con le due sedute affiancate, le dimensioni complessive non sono eccessive e consentono di passare attraverso le porte di dimensioni standard. Perfetto per accompagnare i genitori a fare shopping entrando in negozi del centro.

Buone le prestazioni in fatto di leggerezza. Infatti supera di poco gli 11 chili e si ripiega a ombrello consentendo un facile trasporto anche da chiuso.

Si usa a partire dai sei mesi dei bimbi e regge il loro peso fino a 25 chili ciascuno, quindi si può sfruttare a lungo. Le due sedute si possono inclinare in maniera indipendente l’una dall’altra e questo è un grande vantaggio rispetto ai modelli allineati come il treno dove una delle due sedute non può essere completamente distesa.

 

Pro

Facile da guidare: Si destreggia con agilità anche grazie alle ruote ammortizzate e alla leggerezza complessiva del modello, al netto dei bimbi, che possono montare in groppa fino a quando raggiungono i 25 chili.

Sedute regolabili in maniera indipendente: Si possono stendere completamente o tenere sollevate, anche se non proprio in verticale, ognuna in base al desiderio del piccolo.

Passa dalle porte standard: Le sedute non sono scomode e i bimbi si possono accomodare con agio, eppure il passeggino riesce a passare attraverso le porte di dimensione standard.

 

Contro

Difficile da aprire con una sola mano: Peccato per la pecca che lo rende difficile da chiudere ma soprattutto aprire quando serve.

 

 

 

 

Altri prodotti

 

Kindkraft PILOT

 

Anche se non si può dire che sia il modello più economico in classifica, rimane uno dei preferiti dagli utenti. La ragione sta tutta nella facilità d’uso e il peso estremamente ridotto. Si tratta di un passeggino in grado di accompagnare i piccoli con scioltezza e agilità nelle passeggiate di ogni giorno. È dotato di capote, che si può aprire a piacimento per proteggere il piccolo dai raggi del sole. Una regolazione veloce e fluida dello schienale consente di adattare il passeggino alla posizione perfetta per favorire l’esplorazione o la nanna durante le passeggiate.

Si fa apprezzare soprattutto la facilità con cui è possibile richiudere con pochi gesti il passeggino. È l’unico dotato di tracolla per essere imbracciato con facilità durante gli spostamenti e non costituire un intralcio nemmeno quando si è in giro sui mezzi pubblici.

Una soluzione pratica e comoda sotto tanti punti di vista, compresa la manovrabilità garantita dalle ruote in gomma che seguono tutti i movimenti e su qualsiasi percorso.

 

Pro

Facile da trasportare: Il sistema innovativo di chiusura piace anche perché non solo si compatta in maniera notevole, ma è anche facile da portare a spalla come fosse uno zaino.

Imbottitura interna confortevole: Il piccolo all’interno del passeggino può contare su un comodo cuscino per accoglierlo e offrire stabilità alla seduta.

Buona dotazione di accessori: Insieme al passeggino sono venduti anche il parapioggia e il telo impermeabile per proteggere le gambe. Anche il supporto per reggere il bicchiere o il biberon è in dotazione.

 

Contro

Capottina piccola: Incluso nella struttura c’è anche il telo per proteggere il piccolo dal sole, ma le sue dimensioni sono troppo contenute e quindi non adempie al meglio a questo scopo.

 

 

 

 

Come scegliere un buon passeggino leggero

 

Alla lunga, aggirarsi per le strade della città e caricare e scaricare un passeggino dal bagagliaio dell’auto può rivelarsi una bella faticaccia. A meno che non abbiate optato per un modello leggero che, come si intuisce dal nome, ha proprio nel peso contenuto della struttura uno dei suoi tratti distintivi. Ecco qualche suggerimento su come individuare il modello più adatto alle vostre esigenze.

 

 

Cosa rende leggero il passeggino

Il miglior passeggino leggero non dovrebbe essere troppo spartano, ma essere in grado di accompagnare le uscite di tutti i giorni senza appesantirle per colpa di un accessorio troppo compatto e pesante.

Di solito i modelli migliori sono realizzati in alluminio, un materiale denso e compatto che offre garanzia di robustezza ma che allo stesso tempo è anche estremamente leggero.

Quindi non è il caso di rinunciare a elementi importanti che servono a garantire particolare comodità della seduta per avere un passeggino facile da guidare e spostare dall’auto ai mezzi pubblici.

 

Aspetti che non possono mancare in un buon passeggino

Per decidere quale passeggino leggero comprare è bene considerare che non è possibile scendere a compromessi quando si tratta di garantire comodità al piccolo. La seduta deve essere comoda, spaziosa e permettere al piccolo di muoversi a proprio piacimento.

Anche lo schienale e la copertura che protegge dal sole diretto devono essere regolabili a seconda delle esigenze del momento. Un buon passeggino consente una regolazione semplice e fluida di questi movimenti. Pena, il rischio di svegliare il piccolo che si è appena assopito se i movimenti per reclinare lo schienale sono scattosi e incerti.

 

 

Facile da chiudere e aprire

Quando si tratta di stabilire come scegliere un buon passeggino leggero, si deve prendere in considerazione anche la facilità con cui riporlo dopo l’uso. Oppure averlo subito pronto quando serve.

Un passeggino difficile da aprire e chiudere è praticamente inutile, dal momento che è sempre conveniente avere a disposizione una postazione dove far sedere il piccolo esattamente quando serve. Il rischio è che nel frattempo il piccolo scappi via e si allontani in strada se non si è subito pronti a offrirgli il passaggio sicuro sul suo passeggino.

 

 

 

Domande frequenti

 

Quando passare al passeggino leggero?

Dopo aver acquistato il trio, tanti genitori si rendono conto che la struttura non è più sufficiente a rispondere alle mutate esigenze di spostamento. Insieme al piccolo cresce anche il suo peso e se a questo deve aggiungersi anche quello di una struttura particolarmente massiccia, le uscite a piedi diventano difficoltose. Per questo la scelta del passeggino leggero diventa necessaria quando si percorrono lunghi tratti insieme al piccolo e gli si vuole offrire una postazione per riposarsi quando è stanco di camminare.

Quando deve essere spostato da un punto a un altro deve anche essere leggero e maneggevole, che sia chiuso o a pieno carico non fa differenza. Quindi la scelta di passare al passeggino leggero dipende molto dalle dinamiche della famiglia e dalle loro routine quotidiane.

 

Fino a quanti chili regge un passeggino leggero?

Ogni modello è diverso e se la maggior parte si assesta intorno ai 15 chili, in alcuni casi 18, solo pochi riescono a superare i 25 chili. Quindi è importante scegliere il modello anche in base alle abitudini e alle distanze che si devono percorrere a piedi servendosi di una postazione per favorire riposo o eventuali sonnellini.

Un modello troppo leggero che non riesca a reggere il peso dei bimbi può rivelarsi un cattivo acquisto perché costringe i piccoli a sedere in posizione scomoda. Mentre altri troppo robusti e pesanti possono rivelarsi presto inservibili perché al loro peso si dovrà sommare quello dei bambini e degli oggetti che si devono trasportare per essere pronti a ogni evenienza.

 

Quanti mesi deve avere il neonato per usare il passeggino leggero?

In generale la regola per usare il passeggino è che sia in grado di reggersi ben dritto. Forzare il bambino per lungo tempo in una posizione non fisiologica lo espone a rischi non necessari.

La schiena non è subito matura e forte per reggere il peso del collo e la testa, quindi è importante essere certi che il piccolo sia in grado di star ben seduto prima di proporgli il passeggino dove il sostegno è limitato anche quando è in posizione semisdraiata. Il consiglio sempre valido è quello di osservare attentamente le competenze del piccolo per aspettare il momento giusto per passare ad accessori adatti alla sua età e alle competenze che mutano in fretta.

 

 

 

Come utilizzare il passeggino leggero

 

Il passeggino può essere un valido alleato dei genitori e si presta al meglio ad accompagnare le passeggiate più lunghe e impegnative perché si può trascinare più facilmente anche quando è vuoto.

Il suo maggior vantaggio è di essere presente quando serve senza rappresentare un peso. Quindi è importante scegliere il modello adatto e usarlo a seconda delle proprie routine quotidiane.

 

 

Da quando conviene usare il passeggino leggero

Se ancora non possedete un passeggino leggero e vi chiedete quando usarlo, la risposta dipende in primo luogo dalle caratteristiche. È possibile scegliere di acquistare direttamente questo tipo di supporto per rendere più agevoli le uscite con il piccolo dai sei mesi in poi.

Altre famiglie preferiscono passare al leggero quando il peso del bambino aumenta e si fa via via più importante. Contare su una struttura snella e facile da gestire semplifica le uscite e le rende più piacevoli. Anche se i piccoli dall’anno in poi sono più agili e possono camminare a lungo senza stancarsi troppo, è frequente la scelta di dotarsi di un passeggino che serva da supporto in caso di stanchezza improvvisa.

Infatti il bello del passeggino leggero ben fatto è che di essere in grado di sostenere pesi importanti, a volte anche fino a 25 chili e di non costituire un grosso intralcio quando non è usato.

Se trascorrete molto tempo fuori casa, la differenza tra la scelta di un modello tradizionale e uno leggero dipende anche dal tipo di mezzi usati per spostarsi per percorrere lunghe distanze. Un modello leggero si muove con disinvoltura sui mezzi pubblici oppure entra ed esce con nonchalance dal bagagliaio dell’auto.

 

Chiusura a ombrello, a libro o come uno zaino

Un dispositivo di questo tipo deve essere facile da spostare anche quando il piccolo non sale a bordo. I migliori passeggini si richiudono completamente su se stessi ma riescono a stare in piedi senza cadere oppure occupare troppo spazio.

Quando si sceglie il miglior supporto per gli spostamenti è possibile puntare anche ai modelli che si chiudono completamente, fino a occupare il minor spazio possibile. Si tratta di prodotti di nuova generazione che possono essere portati a tracolla come una borsa. Si fanno apprezzare anche i passeggini dotati di manico su un lato per facilitarne la presa anche se restano particolarmente lunghi e meno maneggevoli.

 

 

Attenzione alle condizioni della strada

Alcuni passeggini leggeri non sono indicati per sopportare troppi strapazzi, le ruote possono non essere in grado di muoversi con agilità sui terreni dissestati.

In base alle vostre abitudini e ai percorsi abituali è possibile scegliere quei modelli con le ruote ammortizzate. Essendo molleggiate si adattano bene a superare ostacoli, salire scalini e muoversi con maggiore destrezza.

Ma la maggiore mobilità delle ruote comporta un esborso maggiore. È possibile a volte rinunciare a questo vantaggio, specie se si fanno sempre percorsi lineari e con pochi ostacoli.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...