Gli 8 migliori pannolini a mutandina del 2021

Ultimo aggiornamento: 16.09.21

 

Pannolino a mutandina – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

I pannolini a mutandina hanno il vantaggio di essere facili da indossare e possono accompagnare il piccolo nella transizione verso il vasino. Una caratteristica importante è quella di avere una minore assorbenza rispetto ai modelli tradizionali. La ragione è che si tratta di uno strumento intermedio, da utilizzare fino all’emancipazione del piccolo. Per essere certi di fare una buona scelta per il piccolo, e anche per il proprio portafogli, è bene valutare con cura le caratteristiche dei vari modelli in commercio. Sono troppi? Nessun problema, la nostra redazione ha selezionato le proposte più interessanti attualmente in commercio. Leggete le nostre recensioni per scoprirne le caratteristiche e valutare se si adattano ai vostri bisogni. In particolare vi suggeriamo di prendere in considerazione le prime due proposte di questa classifica. Huggies Pannolino mutandina taglia 5, un punto di riferimento per i genitori perché riesce a far coincidere una buona qualità complessiva con un prezzo competitivo. Pampers Baby Dry Mutandino maxi taglia 4 è uno dei prodotti di maggior successo, d’altra parte se tanti non li abbandonerebbero nemmeno di fronte a offerte imbattibili della concorrenza, un motivo ci sarà.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori pannolini a mutandina – Classifica 2021

 

Questa classifica è stata stilata pensando al benessere dei bimbi e al portafogli dei genitori. Vi suggeriamo di leggere le recensioni che trovate di seguito, vi permetteranno di identificare facilmente il miglior pannolino a mutandina che meglio si adatta alle vostre necessità.

 

 

1. Huggies Pannolino mutandina taglia 5

 

Tra i migliori pannolini a mutandina del 2021 gli Huggies meritano la vetta del podio. La ragione sta tutta nel buon rapporto tra qualità e prezzo. La buona aderenza e la vestibilità comoda permettono un’efficace assorbenza della pipì e quindi possono essere usati senza temere cambi continui.

Questa linea prevede l’intera gamma di taglie che si possono usare per vestire il piccolo a lungo durante la sua crescita. Infatti sono disponibili quelli per i bebè nati da pochi mesi, a partire dai 6 chili di peso fino alla taglia 6 che veste i bimbi molto grandi, fino a 25 chili di peso. Una soluzione comoda per quei bambini che hanno ancora episodi di enuresi notturna o che hanno evidenti necessità anche dopo aver superato l’età del pannolino.

Il materiale assorbente contenuto in ogni pezzo è in grado di trattenere le perdite liquide e trasferisce poca umidità all’esterno così da non irritare la pelle. Il disegno del tessuto è studiato per incanalare le perdite liquide verso i forellini e così non fuoriuscire all’esterno.

 

Pro

Facile da indossare e togliere: La mutandina si indossa come un comune indumento intimo e poi si toglie con altrettanta semplicità, rompendolo lateralmente.

Fino alla taglia 6: Cioè in grado di vestire i bambini dal peso compreso tra 15 e 25 chili, una soluzione perfetta per i più grandicelli a cui capita ancora di farla nel letto la notte.

Superficie assorbente: Non solo l’imbottitura interna, anche il disegno del tessuto è fatto in modo da sospingere le perdite verso i forellini assorbenti e non l’esterno e i vestitini.

 

Contro

Più adatte allo spannolinamento: Cioè quando si accompagna il piccolo verso l’uso sistematico del vasino e sono meno indicate per l’utilizzo prolungato magari durante la notte.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Pampers Baby Dry Mutandino maxi taglia 4

 

Tanti non sono indecisi riguardo quale pannolino a mutandina comprare, ma cercano solo l’offerta più conveniente per fare scorta del modello preferito. Spesso è questo il caso per gli acquirenti dei modelli Pampers. Noti per la loro particolare assorbenza, questi piacciono ancora di più grazie alla presenza del tessuto che al tatto ricorda il cotone.

Il vantaggio è una speciale morbidezza a diretto contatto con la pelle del bebè e quindi una minore incidenza di irritazioni e arrossamenti. Molto elasticizzato e con la vita molto alta, assicura una buona vestibilità senza stringere troppo la vita ma evitando le fuoriuscite che bagnano i vestiti. La struttura interna è composta da microgranuli che si gonfiano, a detta di alcuni fin troppo, catturando la pipì.

Sono facili da togliere, basta strapparli lateralmente e usare la pratica linguetta adesiva per chiuderli ermeticamente dopo l’uso.

 

Pro

Morbidi come cotone: Non esattamente in tessuto naturale, ma lavorato in modo da risultare soffice al contatto con la pelle limitando le infiammazioni.

Facili da usare: Si infilano con facilità grazie alla speciale banda elastica in vita. Poi si tolgono rompendoli lateralmente.

Con linguetta: Per chiuderli e gettarli via si può usare la striscia adesiva presente in ogni pannolino.

 

Contro

Si gonfiano molto: La presenza dei microgranuli assorbenti li fa gonfiare parecchio e per questo diventano subito molto ingombranti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Eco by Naty Pannolino mutandina taglia 5

 

Quando si tratta stabilire come scegliere un buon pannolino a mutandina, altri parametri oltre a prezzo e assorbenza vanno presi in considerazione. In primo luogo andrebbe considerato il rispetto per l’equilibrio di genitali e pelle del bambino. I Naty sono tra i più facili da trovare in commercio che offrono garanzie tangibili sulla sicurezza d’utilizzo.

È bene considerare che i genitali del bebè stanno a contatto con il pannolino, ininterrottamente, per almeno due anni: almeno 720 giorni consecutivi senza mai toglierlo. Considerando che spesso la data dello spannolinamento viene procrastinata, aumenta in maniera notevole il tempo di permanenza del pannolino a contatto con la parte più delicata del corpo del piccolo.

Vale la pena aspettare le offerte per acquistare questo modello, oggettivamente più caro rispetto ai modelli sintetici. Ma è bene valutare l’opportunità di spendere un po’ di più per assicurare il benessere del bebè.

 

Pro

Solo d’origine vegetale: Non sono impiegate sostanze chimiche per la realizzazione del pannolino, ma solo materie prime certificate e di alta qualità.

Traspirante: È sottile malgrado sia realizzato con materie prime naturali meno assorbenti dei microgranuli presenti nei prodotti sintetici.

Assorbenti: Il pannolino è in grado di trattenere bene l’umidità e nella sua versione a mutandina serve soprattutto per facilitare il passaggio verso il vasino.

 

Contro

Eco ma caro: Il prezzo di questi pannolini è molto più alto rispetto alla media degli usa e getta che si comprano normalmente al supermercato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Pampers Progressi Mutandino maxi taglia 4

 

In comparazione con altri modelli di questa classifica, questi piacciono per via della pratica confezione risparmio. Il pacco contiene 76 pezzi nella taglia 4, cioè quella che veste fino a 15 chili di peso. In base alla taglia, il numero di pannolini è maggiore o minore perché cambia il loro ingombro nella confezione.

I pareri sono quelli entusiastici di sempre, anche se va sottolineata la minore capacità di assorbenza. Di fatto, i pannolini a mutandina non sono pensati per assorbire le deiezioni, ma servono come barriera protettiva se il piccolo non fa in tempo a correre in bagno. Per evitare le fuoriuscite sono presenti le doppie barriere laterali anche se minore è l’assorbenza della fascia centrale.

Del resto, una caratteristica della linea Progressi della Pampers è proprio quella di accompagnare il piccolo nelle diverse fasi della sua crescita. Compreso il momento in cui il piccolo dovrà imparare a fare a meno del pannolino.

 

Pro

Di transizione: La caratteristica di questo modello è di essere pensata per aiutare il piccolo durante il passaggio verso il vasino. Un modo comodo per rendere meno gravoso lo spannolinamento.

Facili da togliere: L’apertura a strappo rende facile sbarazzarsi del pannolino a ogni cambio, restando comodamente in piedi.

Sottili: Sono particolarmente comodi e non ingombrano eccessivamente così da non intralciare i movimenti.

 

Contro

Meno adatto per la notte: La loro assorbenza e l’aderenza al corpo del bebè non è tale da renderli ideali per l’uso notturno.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Amazon Mama Bear Pannolini a mutandina taglia 6

 

Questi modelli sono solo venduti online, infatti si caratterizzano per essere un marchio commercializzato in esclusiva da Amazon. Sono economici, anche se non i meno costosi in circolazione, hanno una buona resa e vestibilità.

Sono pensati per accompagnare il bebè all’uso del vasino perché non brillano per la particolare assorbenza ma sono più indicati per i bambini più grandi. Infatti le taglie partono dalla 8/15 chili fino a quella XXL che veste 18/30 chili. Quindi sono adatti per quei bimbi che hanno oggettive difficoltà nel controllare gli sfinteri.

Si indossano con facilità anche stando in piedi. Altrettanto velocemente si possono togliere quando sono sporchi grazie all’apertura a strappo sul fianco. Sono morbidi al tatto e per questo è minore l’incidenza di arrossamenti e irritazioni per colpa del prolungato contatto con la pelle del bambino.

L’assorbenza è garantita dalla presenza dei microgranuli che si gonfiano a contatto con l’umidità trattenendola. Quindi le mutandine sono particolarmente sottili quando sono asciutte e non limitano i movimenti del piccolo.

 

Pro

Solo online: Questi pannolini sono venduti solo sul web e direttamente dal marchio di proprietà di Amazon.

Sottili: Da asciutto è molto sottile così non intralcia in alcun modo i movimenti del bimbo e il loro ingombro è minimo anche tra i cambi da tenere a portata di mano durante le attività della giornata.

Pratici: Si mettono con semplicità come delle vere e proprie mutandine, poi si tolgono rompendoli di lato.

 

Contro

Elastico in vita: Potrebbe risultare poco aderente e per questo provocare delle perdite specie durante la notte quando il piccolo è steso sul lettino.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Babylino Sensitive Pants Junior taglia 5

 

Tra i modelli più venduti figura, a ben vedere, anche questa proposta in grado di conciliare prezzi molto convenienti a una buona qualità certificata. Sono i primi in Europa ad aver ricevuto la certificazione Oeko-Tex che attesta la completa assenza di sostanze nocive con cui il piccolo potrebbe entrare in contatto. Inoltre, questa proposta figura tra le più economiche della classifica.

Qui di seguito vi suggeriamo dove acquistare questa soluzione che vanta diverse certificazioni a riprova della buona qualità. Le sostanze usate così come il pannolino nel suo insieme ha ricevuto l’approvazione della società Ostetriche e di Dermatologia pediatrica greche. I test di laboratorio sono valsi vari riconoscimenti internazionali al prodotto.

Buona l’assorbenza grazie a un sistema brevettato che consente di limitare l’impiego di sostanze sintetiche a contatto con la pelle del piccolo. Sono piacevoli al tatto perché molto morbidi e con una consistenza simile al cotone.

 

Pro

Oeko-Tex: La certificazione 100 Standard assicura riguardo la completa assenza di sostanze potenzialmente nocive con cui potrebbe entrare in contatto la pelle del bebè.

Grande assorbenza: Impiegano un innovativo sistema per trattenere l’umidità e limitare il rischio che si bagnino i vestiti del piccolo.

Tutte le taglie: Sono presenti in questo formato a mutandina tutte le taglie per vestire i bebè e i più grandetti fino a quando verrà abbandonato il pannolino.

 

Contro

Tanti pannolini: Prima di acquistare un pacco così grande bisogna essere certi che vestano nella maniera ottimale il corpo del bebè, altrimenti si rischia di spendere troppo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Bella Baby Happy Pants misura 5 junior

 

Si caratterizzano per i prezzi bassi e la facilità con cui si indossano e poi levano quando sono sporchi. Assomigliano in tutto e per tutto a delle mutandine, così sono l’ideale per passare alla comune biancheria e abbandonare il pannolino senza stress.

Hanno l’elastico in vita che aiuta le mutandine ad aderire bene intorno al corpo del piccolo, seguendone i movimenti. Buono l’accorgimento di predisporre una banda elastica doppia intorno al girocoscia, così da limitare il più possibile il rischio di fuoriuscite. L’assorbenza è soddisfacente e rinforzata al centro per trattenere la pipì appena fatta evitando che scivoli fuori.

Si levano e mettono con facilità anche se il piccolo preferisce restare in piedi. Hanno il classico sistema di apertura a strappo dalla cucitura che si trova sul fianco in posizione laterale. Risultano abbastanza delicati sulla pelle e sono dermatologicamente testati come ci si aspetta da prodotti che devono andare a diretto contatto con i genitali dei bambini.

 

Pro

Economici: Sono forse quelli proposti al prezzo più conveniente in questa classifica e per questo sono molto apprezzati dai genitori.

Buona vestibilità: Oltre all’elastico in vita alto e ben aderente, è presente la doppia fascia elastica intorno alle cosce che trattiene bene eventuali perdite.

Unisex: Assorbono bene sia le perdite dei maschietti sia quelle delle femminucce.

 

Contro

Puzzano un po’: Dopo essere stati bagnati di pipì possono emanare un odore pungente e sgradevole.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Lictin Mutandine di apprendimento 4 pezzi

 

Questo set risulta di gran lunga il più economico di questa classifica. Con una spesa minima è possibile acquistare delle vere e proprie mutandine che si possono lavare e riutilizzare fin quando si vuole. È un modo nuovo di assecondare il passaggio al vasino, si basa cioè sull’importanza del fatto che il piccolo si senta un po’ bagnato per capire di dover andare in bagno e usare il vasino.

Non sono esattamente i più indicati per i bimbi che provengono dai classici pannolini usa e getta. Questa soluzione rappresenta il naturale proseguimento per quei bimbi che hanno usato solo pannolini lavabili. Non hanno aperture laterali, ma vanno tirati giù esattamente come si fa con le mutandine degli adulti.

In più però, contengono all’interno un sistema di assorbimento a sette strati che trattiene le prime perdite prima che il piccolo comprenda di doversi servire del vasino. Sono presenti anche due inserti per farcire le mutandine e renderle ancora più assorbenti. A contatto diretto con la pelle del bebè c’è uno strato di cotone.

 

Pro

Lavabili: Non le classiche soluzioni usa e getta, ma vere e proprie mutandine lavabili che si utilizzano come quelle degli adulti ma che in più sono dotate di uno strato assorbente.

Di transizione: Servono per far percepire l’umidità al piccolo e così offrire un segnale chiaro dell’urgenza di servirsi del vasino.

Assorbenti: Seppure non siano pensati per assorbire le perdite, specie quelle notturne, sono dotati di sette strati di imbottitura.

 

Contro

Non per chi proviene dagli usa e getta: I pannolini lavabili hanno una vestibilità e assorbenza diversa rispetto a quelli usa e getta e chi ha usato esclusivamente questi ultimi potrebbe non apprezzarne le caratteristiche.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere un buon pannolino a mutandina

 

Il modello a mutandina è lo strumento che si usa per facilitare il passaggio verso l’uso del vasino e l’emancipazione del bebè dal pannolino. Si tratta di un passaggio molto delicato nella primissima infanzia caratterizzato da progressi e improvvisi insuccessi che devono essere sempre accompagnati con serenità. Del resto, i nostri neonati sono stati per lo più tutti abituati a farla addosso sin dai primissimi giorni di vita.

Anche se i bambini dimostrano una spiccata capacità di adattamento alle novità proposte dai genitori, è sempre bene ricordare che il passaggio verso l’uso del gabinetto non è così automatico per un bimbo di pochi anni. Rispettare alcune esigenze fisiologiche e usare strumenti che ne facilitino la comprensione diventa utile per vivere con serenità questa fase segnata da grandi cambiamenti.

I modelli eco o biodegradabili

I pannolini mutandina non sono solo delle versioni intere dei modelli aperti che si usano dalla nascita. Hanno di solito una minore capacità assorbente e di contenimento perché il loro scopo è quello di favorire la comprensione del momento giusto per correre in bagno.

È importante assicurarsi che il materiale con cui sono realizzati sia di buona qualità, quindi è il caso di fare un ultimo sforzo economico e acquistarne modelli certificati. La ragione è evidente, per almeno due anni della vita di un bambino i genitali sono stati sempre chiusi dentro un pannolino. Per questo è necessario valutare l’effettiva traspirabilità dei materiali e la delicatezza dei materiali a diretto contatto con la pelle.

La scelta dei prodotti ecologici premia perché questo tipo di articoli è spesso meglio tollerato dalla pelle già irritata e sensibilizzata dal contatto continuo con il pannolino.

 

Come sono fatti i modelli lavabili

Una soluzione alternativa ai modelli usa e getta sono i pannolini lavabili. Questi prodotti di nuova concezione sono di certo più comodi e facili da usare rispetto a quelli che erano commercializzati fino a qualche decennio fa. Per coerenza e per rispetto delle scelte fatte in precedenza, le mamme che hanno già usato i lavabili continueranno a preferire soluzioni alternative a quelle usa e getta anche per liberarsi del pannolino.

In generale si tratta di prodotti dalle esigenze diametralmente diverse. Spesso il plus che viene venduto insieme agli usa e getta è di non gonfiarsi eccessivamente, o di garantire ore e ore di assorbenza senza trasferire l’umidità alla pelle del bambino. Al contrario, quelli di stoffa mirano a rispondere alle necessità diametralmente opposte. Un pannolino ingombrante, specie durante i primissimi mesi aiuta la divaricazione dell’anca e quindi la corretta postura del neonato. Infine, mantenere una certa umidità forza i genitori a cambiare spesso, almeno ogni due ore, il pannolino e d’altra parte insegna al piccolo che restare bagnati dopo aver fatto pipì non è una condizione ottimale. 

L’obiettivo dei lavabili è educare il piccolo a liberarsi al più presto di questo supporto. Al contrario, i gli usa e getta sempre più spesso propongono taglie corrispondenti a età in cui il pannolino dovrebbe essere stato abbandonato da un pezzo.

La giusta taglia

Le indicazioni delle ditte che producono i pannolini sono sempre di massima, significa che non possono considerare tutti i parametri fisiologici solo in un intervallo di peso. Invece è importante osservare alcuni elementi che aiutano a scegliere la taglia giusta. Primo tra tutti è bene osservare se la pelle del bambino risulta arrossata nei punti più sensibili. 

Di solito la vita, in particolare sui fianchi e le cosce sono i punti in cui è più evidente il segno di una taglia non corretta. È bene considerare anche che non dovrebbe stringere troppo la pancia, quindi bisogna osservare come il pannolino veste quando il bimbo è in piedi.

Se capita spesso di trovare i vestiti bagnati allora è bene valutare con attenzione due elementi. Il pannolino è stato tenuto troppo a lungo? In questo caso è bene ricordare che lo scopo della maggior parte dei modelli a mutandina è di aiutare a prevenire danni prima di arrivare al vasino. Tenerlo troppo a lungo significa oltrepassare la sua effettiva capacità di assorbimento.

La vestibilità è quella giusta? Se il piccolo si bagna appena fa un po’ di pipì allora è bene considerare la corretta aderenza delle bande elasticizzate e che non ci siano fessure dalle quali potrebbe uscire il liquido.

 

 

 

Come utilizzare un pannolino a mutandina

 

Lo scopo del pannolino a mutandina è quello di aiutare il piccolo a rendersi autonomo nella gestione dei propri sfinteri. È un processo lungo e richiede tanta pazienza e perseveranza. In questo momento il ruolo dei genitori è importante per supportare e dare il necessario incoraggiamento anche quando il piccolo sembra non farcela.

Se si ritiene che passare al vasino rappresenti uno sforzo grande per il piccolo, allora il pannolino a mutandina può facilitare il lavoro, limitando le volte in cui sarà necessario cambiare i vestiti perché si sono bagnati.

Utili per l’apprendimento

I pediatri consigliano di abbandonare il pannolino durante la seconda estate del piccolo. Cioè farlo quando il carico di vestiti è minimo e il piccolo può stare il più possibile nudo o vestito con indumenti leggeri e di cui è facile sbarazzarsi quando si sente il richiamo. Alcuni genitori potrebbero ritenere sconveniente lasciare il piccolo completamente nudo anche se all’interno dell’ambiente domestico, per lo più sicuro e igienizzato.

In questo caso è possibile cominciare a usare le mutandine vere e proprie, quelle che verranno indossate quotidianamente molto presto. Oppure ci si può servire delle soluzioni usa e getta, o lavabili con una buona assorbenza, che possono essere abbassate così come si fa con i comuni indumenti intimi.

In questa fase è utile tenere a portata di mano il vasino perché sia facilmente raggiungibile appena serve. Altri pediatri suggeriscono invece, di tenerlo in bagno e di usarlo tutti insieme, compresi mamma e papà, tutti insieme sul vasino. In questo modo il piccolo, che apprende per lo più per imitazione, potrebbe trovarsi a proprio agio compiendo gli stessi gesti che vede fare ai genitori.

 

Adatti ai bambini più grandi

In alcuni casi, i modelli a mutandina sono l’ideale per venire incontro alle esigenze dei più grandi che ancora non riescono a controllare gli sfinteri e la vescica. Gli episodi di enuresi notturna sono comuni tra i bambini, specie fino ai sette anni. In questo caso può essere utile dotarli di pannolini che contengano le perdite per non interrompere il sonno. Questo specie se l’incapacità di controllarli non dipende dalla volontà ma da una condizione fisiologica.

Esistono modelli che vestono fino a 30 chili, che per un bambino possono rappresentare un’età davvero avanzata. In questo caso è possibile che l’incapacità di controllare gli sfinteri dipenda da patologie specifiche che si saranno manifestate anche con altri sintomi. È bene valutare con attenzione se l’utilizzo protratto del pannolino risponda a esigenze, legittime, dei genitori o dei bambini.

L’ideale per il mare

Il pannolino a mutandina può anche rivelarsi utile durante le gite al mare. In questo contesto si rivela uno strumento utile per limitare incidenti ben più sgradevoli di una pipì che scappa all’improvviso. Inoltre, il modello a mutandina è più facile da gestire perché è facile da cambiare anche quando il bimbo rimane in piedi.

Si tratta di soluzioni da valutare caso per caso e in base alle reali necessità del piccolo. Per esempio, potrebbe apprezzare la possibilità di mostrare un nudo integrale ai bagnanti senza alcuna controindicazione.

Quel che conta è rispettare, ancora una volta, la fisiologia del piccolo e ricordare che anche quando i pannolini hanno una buona traspirabilità potrebbero far sudare molto e surriscaldare le parti intime.

 

 

 

Domande frequenti

 

Quando usare i pannolini a mutandina?

Si rivelano uno strumento prezioso quando il piccolo deve fare il passaggio verso il vasino perché si alzano e abbassano come le comuni mutandine. Con queste è più facile svestirsi quando il piccolo deve correre in bagno all’improvviso.

Quando iniziare lo spannolinamento?

L’inizio del processo è soggettivo e dipende da diversi fattori che includono lo sviluppo del bambino e la disponibilità dei genitori ad accompagnarlo durante il processo. Alcuni pediatri consigliano di aspettare la seconda estate, che potrebbe non coincidere esattamente con il secondo anno di vita del piccolo, ma è un tempo ragionevole per iniziare il percorso di emancipazione.

 

Come sono fatti i pannolini a mutandina?

Si tratta di soluzioni del tutto diverse rispetto ai classici pannolini con gancetti laterali. Questi imitano in tutto e per tutto le mutandine e si alzano e abbassano come fossero dei comuni indumenti intimi. Ma è possibile toglierli e buttarli semplicemente strappandoli di lato, dove è presente una cucitura proprio per questo scopo.

 

Conviene comprare pannolini economici?

La risposta è dipende: in linea di massima un prodotto economico è realizzato con materiali che potrebbero risultare dannosi per l’equilibrio delle parti intime. Del resto è bene valutare anche la spesa da sostenere per il loro acquisto e moltiplicarla per tutto il periodo in cui verranno usati. Bisogna saper fare delle valutazioni complessive che tengano in grande considerazione l’eventuale presenza di dermatite da pannolino.

 

Quando si può iniziare a usare i pannolini a mutandina?

In generale si consiglia di passare a questi presidi quando ci si appresta a iniziare lo spannolinamento. Magari si possono usare quando si è fuori casa e si vuole risparmiare al piccolo la possibilità che si bagni e si debba cambiare completamente.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI