Come funzionano gli scaldabiberon per l’auto e perché sono utili

Ultimo aggiornamento: 21.11.19

 

In auto è presente la presa dell’accendisigari che consente di collegare dispositivi di piccola portata ma che possono fare la differenza quando si è fuori casa

 

Uno scaldabiberon, lo dice il nome stesso, serve a portare alla giusta temperatura il latte da dare al bebè. Può servire per scaldare o scongelare il latte o la pappa. Quindi è utile per ottimizzare i tempi e giocare d’anticipo tirando il latte di mamma o preparando pappe con ingredienti scelti in quantità tali da fare scorta.

La soluzione per l’automobile consente di avere le stesse comodità che in casa anche in mobilità. È ideale per chi viaggia spesso, oppure per chi ha figli di età diverse e deve conciliare le esigenze di tutti. I modelli portatili, magari quelli a batteria, si possono usare al parco mentre il grande gioca e il piccolo deve fare la merenda.

Vediamo in dettaglio di cosa si tratta e perché è valutare le diverse soluzioni proposte in commercio per essere certi di acquistare un oggetto davvero utile.

 

Cos’è uno scaldabiberon

Dire cosa sia lo scaldabiberon è semplice, ma non lo è altrettanto definire in poche parole tutto quello che è in grado di fare. Esistono numerose versioni, tutte differiscono per alcuni particolari. Alcune permettono anche di scongelare, oppure di sterilizzare piccoli oggetti come il ciuccio o la tettarella. Altri sono progettati per cucinare e omogeneizzare la pappa.

Si può scegliere anche tenendo conto della loro velocità nel portare a temperatura il latte o la pappa semiliquida. Il contesto in cui si userà l’elettrodomestico determinerà la preferenza di una caratteristica o un’altra.

Se le pappe o il latte vanno scaldati in mobilità, la differenza si farà sentire anche per quanto riguarda il sistema di alimentazione. Ne esistono di analogici, come i thermos graduati, oppure altri dotati di batterie. Più di frequente si trovano modelli con doppio sistema di alimentazione, alla presa di casa o quella dell’auto.

 

 

Quali esigenze specifiche per l’auto

Chi si ritrova a dover scaldare il latte in viaggio deve pianificare con attenzione tutte le tappe che scandiscono lo spostamento. Durante il percorso sarà necessario fermarsi spesso per far mangiare il piccolo. Se non si vogliono prevedere troppe soste in Autogrill oppure se si preferisce essere autosufficienti, non sarà difficile fare da sé.

Quando si sceglie il modello da usare direttamente all’interno della vettura è bene tenere in considerazione un paio di caratteristiche progettuali.

La base dello scaldabiberon deve essere stabile e grande abbastanza da evitare che la precarietà e il poco spazio disponibile faccia versare il latte. Esistono molti modelli che riscaldano l’acqua al loro interno, dove immergere il biberon. In auto sono preferibili quelli che usano direttamente la resistenza incandescente per lo stesso scopo. Non si rischiano disastri ma si impiega più tempo per scaldare latte o pappa.

 

Diversi modelli da viaggio

Ci sono diverse soluzioni proposte per i genitori più intrepidi che non si fanno intimorire dalla prospettiva di viaggiare in auto con bebè per lunghi tratti. Li vediamo qui in breve per darvi una panoramica delle possibili soluzioni disponibili.

In linea di massima si deve essere consapevoli del fatto che alcuni modelli richiedono maggiore manualità, quindi sapersi destreggiare con acqua calda e misurini, anche tenendo in braccio il bebè. Oppure si possono preferire quei modelli più lenti ma anche più semplici da usare semplicemente dando loro il tempo di portare a termine il lavoro.

 

Thermos graduato

Si tratta di una tra le soluzioni più comode in assoluto. Non è indispensabile acquistare un thermos specificamente pensato per i biberon ma potrebbe essere una buona idea acquistarlo appositamente per poi usarlo durante le gite fuori porta negli anni a venire.

Le soluzioni specificamente pensate per i bebè, come quelle proposte da Tommee Teppee o Philips AVENT, hanno una scala graduata sovraimpressa. Permette di stabilire le corrette quantità di acqua calda da usare per scaldare una certa porzione di latte o di pappa.

Il riferimento è utile perché permette di ottimizzare i tempi, evitare sprechi e avere a disposizione acqua ancora calda per successivi usi. Prima di partire si carica il thermos con l’acqua bollente che manterrà la sua temperatura per circa 6/8 ore, in base alle condizioni ambientali. Il contenitore apposito permette di immergere il biberon o il barattolo di pappa fino a che si sarà scaldato.

 

Scaldabiberon alimentato con la presa dell’accendisigari

Questa soluzione è tra le più comuni. Di solito tutti gli scaldabiberon domestici hanno già in dotazione la doppia presa. Una soluzione comoda e versatile che permette di essere pronti anche per le evenienze improvvise senza panico da impreparazione.

Se però si sceglie di acquistare uno scaldabiberon specificamente per questo scopo è bene valutare alcuni aspetti prima.

In auto gli spazi sono molto ristretti, non ci sono molte superfici piane e stabili su cui poggiare quello che serve. Il rischio che si versi il latte per colpa di un movimento maldestro è proprio alto, ed è un peccato sprecare così il latte del bebè. Quindi è importante fare attenzione ad alcune caratteristiche progettuali che si possono facilmente trovare in tanti modelli.

Si dovrebbe poter verificare che lo scaldabiberon sia predisposto per scaldare a bagnomaria o solo grazie all’azione della resistenza. Evitare l’acqua all’interno premette di risparmiarsi scottature e altri guai. Ma l’altro lato della medaglia è una certa lentezza nel portare a termine il proprio lavoro.

 

 

Modelli alimentati a batterie

Nella maggior parte dei casi, questi modelli sono di dimensioni compatte e si possono usare un po’ ovunque. Il bello di queste soluzioni è che possono essere alimentate con pile ricaricabili liberando dall’incombenza di acquistare sempre nuove batterie. Alcuni modelli molto smart si possono anche collegare alla power bank tramite presa USB, il modo migliore per avere sempre con sé la carica per il loro funzionamento.

Si possono portare ovunque, dal parco ai mezzi pubblici, e non esiste una vera e propria limitazione del loro uso.

Su Amazon è possibile trovare un innovativo sistema di biberon autoriscaldante. Dal design innovativo e accattivante, si basa sul principio dell’innesco automatico di calore grazie alla reazione chimica del sale disidratato in combinazione con altri reagenti. Delle cartucce portatili rendono il modello di Iiamo facile da usare dove e come serve. E fa fare un bel figurone.

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...