Come scegliere un buon paraspigoli

Ultimo aggiornamento: 25.06.24

 

La scelta dei paraspigoli ideali dipende soprattutto dalle caratteristiche dei mobili che si desidera rendere inoffensivi.

Quindi bisogna valutare con attenzione il tipo di materiale con cui sono realizzati, altro aspetto al quale non si presta dovuta attenzione è anche l’esposizione a fonti di calore.

Infatti, se alcuni mobili non tengono bene l’adesivo può dipendere dalla loro porosità ma anche dalla possibilità di essere esposti a escursioni termiche, come il sole che batte direttamente o la vicinanza a una fonte di calore come il termosifone.

Quando si valuta la possibilità di rendere inoffensiva la casa e limitare le possibilità che il piccolo possa farsi male quando inizia a muovere i primi passi incerti, bisogna valutare con attenzione anche altri elementi.

L’altezza dei piccoli varia velocemente in questo periodo e nel giro di pochi mesi potrebbe essere utile cambiare la posizione delle protezioni. 

Per questo è bene trovare adesivi in grado di reggere fin tanto che sono utili, non per sempre.

Quindi potrà essere un buon compromesso accontentarsi di tenute precarie da controllare spesso, invece di restare vincolati a colle difficili da rimuovere all’occorrenza.


I paraspigoli angolari decorativi

Questi oggetti possono avere anche una funzione ornamentale. Infatti, di solito, uno dei punti di demerito sta proprio nella loro scarsa capacità di adattarsi al resto dell’ambiente.

Non sempre è facile trovare le colorazioni identiche a quelle dei mobili, anche quando si prendono in netto contrasto con i colori principali.

Allora una buona idea potrebbe essere quella di scegliere i paraspigoli in modo che svolgano una vera e propria funzione di arredo, così da risultare gradevoli alla vista.

È importante che non attirino troppo l’attenzione dei piccoli che altrimenti cercherebbero di staccarli dalla loro postazione.

Materiali

Di solito i paraspigoli sono di gomma oppure realizzati con materiali morbidi come la schiuma espansa.

È importante che il materiale di cui sono fatti sia ben compatibile con il proprio scopo, quindi non rappresenti un rischio per il piccolo se dovesse mordicchiarlo.

I migliori sono quelli che non si disfano e rompono se il piccolo li morde coi suoi primi dentini. Ma non sempre è facile trovare un materiale che sia allo stesso tempo morbido, soffice e in grado di resistere all’attacco dei piccoli dentini.

Se il piccolo ha particolare fastidio alle gengive e tende ad assaggiare di tutto, allora potrebbe essere una buona idea optare per i modelli in plastica.

Spesso realizzati in PVC o altri polimeri che hanno le stesse caratteristiche di resistenza ed elasticità, questi si possono apprezzare per la loro capacità di ammortizzare i colpi ma senza essere facili da rompere.

Anche le possibilità che siano rimossi dalla loro postazione diminuiscono, per via della loro forma che è difficile da afferrare da parte del piccolo.

Paraspigoli per il legno

Alcuni mobili in legno necessitano di interventi per limitare la loro pericolosità. Specie nei mobili di legno massello è difficile trovare un buon compromesso tra protezione ed estetica.

Specie i mobili in rovere possono essere difficili da proteggere senza che vada persa parte del loro fascino.

Alcune protezioni in schiuma espansa sono realizzate con colorazioni che vertono verso i toni del marrone caffè. Forse queste sono le tonalità che meglio di altre riescono ad adattarsi alle caratteristiche di alcuni legni.

È bene valutare, poi, che non tutti i legni sono in grado di assicurare la perfetta aderenza. Infatti, qui la superficie potrebbe essere più porosa rispetto ai mobili laccati o laminati.

Qui la colla potrebbe non aderire perfettamente e rendere meno facile mantenere la protezione sempre nella giusta posizione.

Bisognerà valutare la possibilità di usare dei collanti specifici da aggiungere a quelli in dotazione.

L’unica accortezza riguarda la possibilità di verificare se esistano dei solventi per la colla scelta e se questi possano corrodere le sostanze usate per proteggere il legno.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI