I 6 Migliori Termometri Digitali del 2019

Ultimo aggiornamento: 16.12.19

 

Termometro Digitale – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Il termometro digitale si è affermato sul mercato nell’ultimo decennio a seguito della messa al bando del tradizionale modello di vetro a mercurio. Per quanto si tratti di oggetti molto precisi e in grado di rilevare la corretta temperatura corporea in pochi istanti, è difficile stabilire con esattezza quale sia il miglior termometro digitale in assoluto. Buona parte dell’errore nella misurazione è dovuto a un cattivo posizionamento del bulbo che rivela il dato. Per investire al meglio il proprio denaro e non perdere troppo tempo alla ricerca del modello più adatto alle proprie esigenze, vi sveliamo quali caratteristiche deve avere un dispositivo affidabile. In più vi suggeriamo l’acquisto dei modelli più interessanti in circolazione, come il Chicco – Termometro Digitale Pediatrico Digi Baby, sottile, con la sonda rigida e facile da far aderire perfettamente alla pelle per rilevare il dato corretto. Braun – ThermoScan 7 è un dispositivo a infrarossi che non richiede contatto e fornisce il dato desiderato in pochi istanti.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

I 6 Migliori Termometri Digitali – Classifica 2019

 

La classifica che segue vuole proporvi una carrellata dei migliori termometri digitali del 2019, perfetta per offrirvi gli strumenti per comprendere quale termometro digitale comprare.

 

 

Termometro digitale Chicco

 

1. Chicco Termometro Digitale Pediatrico Digi Baby

 

Un buon termometro per tutta la famiglia, estremamente economico e destinato a conquistare tutti per la sua semplicità d’uso. Infatti basta metterlo sotto l’ascella e aspettare sessanta secondi: il gioco è fatto.

Un segnale acustico avvisa quando è il momento di togliere il termometro, mentre uno speciale allarme si attiva se la temperatura è più alta di 37,8°C. Così è più facile sapere cosa aspettarsi quando si sospetta la febbre e questi dubbi sono confermati. Ha un solo tasto per accendere e spegnere il termometro e cambiare unità di misura. 

Si può scegliere tra Fahrenheit e Celsius in base alla propria comodità e semplicemente premendo a lungo il tasto di accensione fino a quando si resetta mostrando il dato nell’uno o nell’altro sistema metrico.

Non ha retroilluminazione e questo dettaglio potrebbe non essere il massimo se si cerca di misurare la febbre senza accendere la luce per non disturbare il piccolo.

 

Pro

Veloce e facile da posizionare: Si accende premendo un tasto e poi si mette sotto l’ascella con facilità perché il sondino è corto e rigido, quindi non si muove dalla sua posizione.

Con custodia per riporlo quando non serve: La scatoletta è piccola e discreta come lo stesso termometro quindi è facile trovarle un posticino nel cassetto quando stanno tutti bene in casa.

Allarme sonoro: Si attiva per segnalare la fine della misurazione o se la temperatura è più alta del normale, precisamente a 37,8°C.

 

Contro

Non si può scegliere il colore preferito: Il termometro è realizzato in tanti colori gradevoli e molto moderni, peccato non poter scegliere quello di proprio gradimento al momento dell’acquisto.

Acquista su Amazon.it (€2,5)

 

 

 

2. Chicco Termometro Pediatrico Rettale

 

Questa è un’altra tra le offerte che meritano di essere prese in considerazione in vista del possibile acquisto. Si tratta di un termometro specificamente pensato per la misurazione della temperatura rettale. Specie chi è genitore di un bimbo sotto l’anno di vita potrebbe preferire questo metodo di misurazione perché risulta il più efficace e veritiero secondo gli esperti.

Il termometro digitale Chicco per bebè presenta alcuni vantaggi che vanno considerati in vista della scelta dello strumento adeguato. Per esempio le dimensioni della sonda, che sono parecchio ridotte rispetto ai modelli tradizionali. Inoltre il fatto che sia corta consente una più facile impugnatura e controllo del dispositivo durante la misurazione.

Sono sufficienti 10 secondi, questo aspetto è determinante nella scelta. Normalmente gli altri dispositivi impiegano per questa misurazione mezzo minuto. Si tratta di evitare di esporre il piccolo al rischio che possa farsi male per via di un movimento improvviso mentre la sonda è in posizione.

 

Pro

Dimensioni compatte: Il dispositivo è disegnato appositamente per rendere più semplice e meno traumatica la misurazione della febbre ai bimbi piccolissimi. Quindi aiutano la dimensione molto ridotta e il rivestimento morbido dell’impugnatura.

Rilevazione rapida: La sonda è flessibile ed è facile inserirla all’interno del retto per la rilevazione del dato corretto, bastano 10 secondi e un segnale acustico avvisa dell’avvenuta rilevazione.

Dotato di coperchio: Perché la sonda funzioni correttamente è necessario che sia ben pulita e che non si graffi, per questo il tappo che la copre è molto utile ed efficace.

 

Contro

Non scala automaticamente la temperatura: Si può usare anche per rilevare la temperatura ascellare oppure orale, ma non prevede di cambiare impostazione in base all’uso. Quindi è necessario ricordarsi di scalare il valore in base a dove è rilevato.

Acquista su Amazon.it (€10,08)

 

 

 

Termometro digitale da orecchio

 

3. Braun IRT6520 ThermoScan 7 Age Precision

 

Nella comparazione tra modelli non può non rientrare anche un termometro digitale da orecchio che misuri tramite raggi infrarossi le variazioni di temperatura.

In questo caso a essere misurata è la temperatura del sangue in prossimità del timpano, una delle zone interne del corpo in cui il la circolazione è più facilmente individuabile.

Qui il dispositivo rileva la temperatura reale del timpano e per farlo è necessario prestare attenzione ad alcuni aspetti chiave. Come per esempio la corretta posizione del sondino che deve essere perfettamente aderente al canale uditivo e rilevare esclusivamente il dato relativo al timpano.

Non è proprio semplicissimo, viste le dimensioni ridotte di quest’area e la possibilità che il paziente non stia perfettamente immobile, specie se si tratta di un bimbo. Un segnale che compare sul display avvisa che è l’apparecchio è posizionato correttamente per eseguire la rilevazione.

Bastano pochi secondi per completare la rilevazione e ottenere l’esito che il dispositivo calibra in base all’età del bimbo segnalandolo con un codice di colori che varia a seconda dell’età del neonato.

 

Pro

Segnala il corretto posizionamento: Si tratta di un’ulteriore miglioria che ha permesso di porre rimedio a uno dei principali ostacoli nell’uso di questi dispositivi. Essere certi di aver posizionato correttamente il termometro migliora la precisione del dato rilevato.

Si può usare dal primo mese: Le dimensioni e la capacità di ponderare il dato in base all’età del paziente ne consente l’uso anche sui neonati. Il congegno non è invasivo e la rilevazione molto rapida.

Punta preriscaldata: Anche questo dettaglio concorre a facilitarne l’uso sui neonati e sui bambini molto piccoli che così non sentono il fastidio dell’oggetto freddo a contatto con una parte del corpo più calda.

 

Contro

Non è facile da usare: Malgrado i numerosi accorgimenti per migliorare la qualità delle prestazioni, il termometro a infrarossi rimane uno tra i più difficili da utilizzare con estrema precisione.

Acquista su Amazon.it (€41,5)

 

 

 

4. HYLOGY Termometro Infrarossi Digitale da Orecchio Multifunzione

 

Tra i modelli venduti online vogliamo segnalare anche questo particolarmente economico ma adatto a far prendere dimestichezza con il funzionamento del termometro digitale da orecchio. Metterlo in funzione è davvero semplice e consente di rilevare il dato in pochi secondi con un’applicazione rapida in prossimità del timpano.

Alcuni elementi ne rendono più facile e immediato l’uso e la comprensione del suo funzionamento, come per esempio le luci del display che cambiano colore a seconda della temperatura rilevata.

Buona anche la funzione di memoria che consente di tenere traccia delle ultime rilevazioni effettuate per fare una media e valutare il decorso della malattia.

Come segnala lo stesso produttore, è necessario fare alcune prove prima di riuscire a prendere bene la temperatura. La posizione del sondino nell’orecchio deve essere quella corretta, il rischio è che la misurazione avvenga in modo falsato e il dato rilevato non sia realmente quello giusto. Muovere l’orecchio è il sistema che viene consigliato per centrare correttamente il timpano e qui effettuare la misura. Ad alcuni può sembrare un po’ macchinoso.

 

Pro

Molto economico: Rispetto alla media dei dispositivi a infrarossi il prezzo di questo termometro è davvero invitante.

Segnala la temperatura anche col colore: Per indicare la temperatura corretta è d’aiuto anche il display che cambia colore a seconda del dato rilevato. Una soluzione perfetta per identificare subito se è necessario intervenire coi farmaci.

Facile da impugnare: La forma del termometro è tale da facilitarne l’impugnatura e per rendere più semplice la misurazione anche sui bimbi.

 

Contro

Poco preciso: Anche questo necessita di molta pratica fino a riuscire a centrare il timpano e non il canale uditivo che falsa la rilevazione del dato.

Acquista su Amazon.it (€19,9)

 

 

 

Termometro digitale per bambini

 

5. Pic Vedo Premium Termometro Digitale con Sonda Flessibile

 

Tra i termometri più venduti fa bella figura anche questo del marchio Pic. Una soluzione perfetta per chi cerca un termometro digitale per bambini facile da usare e con il minimo sfrido possibile rispetto al dato reale.

Si usa comodamente per via della forma ergonomica che è facile da impugnare e tenere ferma con la mano. Questo è un elemento cruciale quando si vuole rilevare la temperatura rettale del neonato e la presa deve essere ferma ma gentile, e con una sola mano.

La forma però non limita l’uso alla sola indagine rettale, le dimensioni sono comode abbastanza per usare il termometro per misurare la temperatura inguinale o sotto l’ascella, o quella della bocca.

Il display si accende dopo la misurazione e mostra ben leggibili e grandi i caratteri che vengono retroilluminati con un colore specifico a seconda della soglia della temperatura. Anche un segnale acustico specifico aiuta a definire se c’è o meno la febbre, oltre a richiamare l’attenzione sul fatto che la temperatura è stata rilevata.

 

Pro

Ergonomico: Il design del termometro è pensato soprattutto per rendere semplice rilevare la temperatura dell’ampolla rettale nei neonati. La presa è comoda e il sondino flessibile e morbido per non dare fastidio al piccolo in fase di misurazione.

Facile da leggere: Due tipi di segnale acustico avvisano dell’avvenuta rilevazione della temperatura e cambiano se c’è febbre oppure no. Anche il colore dello schermo cambia a seconda di quanto sia alta e i caratteri molto ampi sono comodi da leggere anche in penombra.

Batteria sostituibile: A differenza di molti di questi dispositivi, qui è possibile prolungare la vita utile del termometro perché non è negato l’accesso al vano della batteria per la sua sostituzione.

 

Contro

Un po’ caro: Tanti accorgimenti e migliorie di design e progettazione incidono sul costo finale che è mediamente un po’ più alto rispetto alla media.  

Acquista su Amazon.it (€10,89)

 

 

 

6. Pic Termometro Digitale Vedofamily

 

Un termometro da battaglia, semplice, affidabile e perfetto per essere sfoderato al bisogno dalla sua custodia. È quello da tenere in casa quando le influenze cominciano a diradarsi ed è il caso di non farsi trovare del tutto sprovvisti di fronte al dubbio se prendere o meno l’antipiretico.

Ha una forma semplice, la sonda è morbida e flessibile e il bulbo che effettua la misurazione è abbastanza ampio da garantire sempre una misurazione efficace. Non è difficile scoprire dove acquistare questo modello, è un campione di vendita anche in farmacia. Qui è proposto a un prezzo ancora più vantaggioso, per cui vale la pena approfittarne se si è in cerca di un termometro digitale per bambini o per adulti, indifferentemente.

Oltre ai prezzi bassi lo contraddistinguono la facilità e intuitività nell’uso. È sufficiente premere il tasto a portata di pollice per avviare la misurazione e ricevere un responso in una manciata di secondi.

 

Pro

Affidabile: L’uso è molto intuitivo e le funzioni non lasciano a desiderare, perché la dimensione del bulbo che effettua la misura è molto ampia.

Da usare come è più comodo: Non esiste una limitazione d’uso, va bene per rilevare la temperatura interna di bocca o ampolla rettale, oppure esterna sotto l’ascella o inguinale.

Molto economico: Il costo è davvero basso e anche per questo è uno tra i modelli più venduti in assoluto negli ultimi anni.

 

Contro

Fin troppo essenziale: Lo schermo è piccolo e non si retroillumina e non è previsto un sistema di taratura a seconda dell’area in cui effettuare la misurazione della temperatura, per esempio se ascellare o rettale.

Acquista su Amazon.it (€2,9)

 

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere un buon termometro digitale?

 

A seconda delle esigenze della famiglia potrete scegliere se il vostro nuovo termometro debba essere più economico o più tecnologico. Infatti la precisione della rilevazione cambia a seconda della capacità del paziente di stare fermo oppure del dispositivo di offrire maggiore stabilità durante la misurazione.

Quindi l’età del paziente e la frequenza con cui è necessario usarlo sono fondamentali al momento di di stabilire in che modo scegliere un buon termometro.

Dopo la scomparsa dei classici termometri a mercurio, il mercato è stato invaso da numerosi dispositivi elettronici e non tutti sono in grado di soddisfare l’acquirente allo stesso modo. I nuovi termometri digitali hanno un bulbo in grado di rilevare la variazione della temperatura rispetto a quella ambientale ed elaborare il dato in pochi istanti che si converte nell’informazione mostrata nel display. Più complessi nel funzionamento e anche più difficili da usare sono i termometri a infrarossi che richiedono particolare destrezza nell’uso e la quasi totale immobilità del paziente durante la manciata di secondi utile a rilevare il dato.

 

 

Termometri digitali con bulbo

Dopo la messa al bando del pericoloso mercurio sono stati introdotti nuovi dispositivi per misurare la febbre, in ospedale come in casa. Il metallo liquido non è stato del tutto abbandonato e oggi sono ancora disponibili e affidabili i termometri che nel bulbo contengono una lega di diversi metalli che reagiscono espandendosi grazie al calore.

Questa soluzione non è esente da difetti, però. A differenza del mercurio, quando il galinstano si raffredda è più difficile da riportare a zero per essere riutilizzato. I dispositivi digitali la spuntano anche sotto un altro aspetto fondamentale: la velocità di rilevazione della temperatura.

In una manciata di secondi il sensore presente nel bulbo del termometro digitale elabora le informazioni sulla variazione di temperatura tra quella ambientale e quella corporea. Il risultato viene mostrato sul display. Qui si può contare su diverse varianti e proposte che semplificano l’uso del termometro. Lo schermo può essere semplice, retroilluminato o cambiare colore a seconda della temperatura riscontrata. In questo modo è più intuitiva la lettura della temperatura.

 

Termometri a infrarossi con o senza contatto

I pareri su questi termometri sono molto discordanti. Di fatto richiedono particolare attenzione al momento di posizionare correttamente il sensore perché rilevi la temperatura corretta. Un errore di millesimi di millimetro comporta una drastica differenza tra il valore reale e quello rilevato.

Il funzionamento alla base del termometro a infrarossi è piuttosto semplice. Il dispositivo è in grado di rilevare la variazione di temperatura emessa dal corpo nelle aree in cui la circolazione del sangue è più superficiale. Proprio come avviene al centro della fronte o nel timpano dell’orecchio.

Il neo di questi dispositivi è che devono essere posizionati in modo estremamente accurato e usati con grande precisione. Non importa che il dispositivo funzioni a contatto, come nel caso del cavo auricolare, o non a contatto come quando si misura la temperatura della fronte. Quel che conta è seguire fedelmente le istruzioni del fabbricante e posizionare il dispositivo nel punto esatto. L’obiettivo è limitare il più possibile di rilevare anche la temperatura ambientale che altera il risultato.

C’è anche un altro problema che tanti rilevano e che genera scetticismo, le variazioni sostanziali di temperatura tra un incavo e un altro oppure le variazioni di alcuni decimi da un minuto all’altro. Il nostro corpo non ha sempre una temperatura costante e da un’ascella a un’altra la variazione può essere notevole. Allo stesso modo varia anche da un istante all’altro man mano che il corpo si assesta innalzando il proprio calore.

 

 

L’importanza della memoria del dispositivo

Quando si tratta di definire quale sia il dispositivo più adatto alla propria famiglia è bene valutare che la maggior parte della primissima infanzia è contrassegnata da episodi febbrili frequenti e intensi.

Il sistema immunitario del bambino reagisce all’attacco da parte di agenti patogeni innalzando la temperatura corporea. Questo fenomeno favorisce l’azione dei meccanismi di difesa corporei per riportare l’organismo allo stato normale e libero dalla malattia. Il più delle volte sarà questo semplice sistema di autodifesa a debellare l’attacco dei virus e il compito di chi si prende cura dei bambini sarà solo quello di vigilare affinché la temperatura non superi determinati limiti.

Un termometro che aiuta a tenere traccia del ciclo della febbre, dei picchi più alti o della sua persistenza, aiuta anche ad avere sotto controllo la terapia più adatta da somministrare al bisogno.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come funziona il termometro digitale?

Un bulbo contiene un sensore che rileva la temperatura e la elabora. Si usa direttamente a contatto con la pelle o in cavità, quindi si mette sotto l’ascella, nell’inguine oppure nel retto o in bocca. È importante tenere a mente che non tutti i termometri sono già tarati per scontare la differenza di calore delle cavità.  

 

Come funziona il termometro digitale Pic?

Esattamente come gli altri termometri digitali che hanno un bulbo da usare a contatto con la pelle. Ma a differenza di altri dispositivi più economici o generici, questi hanno un bulbo mediamente più grande per offrire maggiore superficie di misurazione. Anche il sondino è più flessibile e consente di effettuare la misurazione bene anche in zone difficili da raggiungere, come nel caso dei bambini.

 

Quali sono le istruzioni d’uso per il termometro digitale Chicco?

Ogni termometro ha un funzionamento a sé. Anche se tutti rispondono alle stesse caratteristiche che la tecnologia offre, queste vengono implementate in maniera specifica offrendo elementi specifici. Anche tra gli stesso modelli Chicco esistono differenze sostanziali di funzionamento, a seconda del tipo di tecnologia impiegato, la fascia di prezzo cui appartengono e altre variabili che permettono di differenziare l’offerta e rispondere a bisogni specifici.

 

Da cosa dipende il corretto funzionamento del termometro digitale?

Molto spesso l’errore dipende da un cattivo posizionamento del termometro. Anche il modello digitale con bulbo a contatto può riportare dati falsati da un uso scorretto. Se non aderisce bene alla pelle, il sensore rileva anche la temperatura ambientale alterando la reale misura. Per questo è indispensabile far aderire bene il sensore e permettergli di rilevare la temperatura da una sola fonte.

 

Dove si trovano le istruzioni per usare il termometro digitale Pic?

Le confezioni dei termometri contengono le necessarie istruzioni che servono per comprendere a pieno il funzionamento di un dispositivo. Quindi anche in questo caso è possibile trovare nella stessa scatola anche ciò che serve per iniziare l’uso corretto del termometro. Se vengono smarrite la soluzione più comune e vantaggiosa è di rivolgersi all’assistenza clienti dello stesso marchio.

 

Come si usa il termometro digitale?

Il termometro, non importa se quello con bulbo o a infrarossi, deve trovarsi all’interno della stessa stanza in cui si effettua la misurazione da almeno mezz’ora. Questo dettaglio è indispensabile per essere certi che il dispositivo possa rilevare con esattezza la differenza tra la temperatura ambientale e quella del corpo. È importante usare il termometro proprio quando segnala d’essere pronto all’uso, altrimenti potrebbe iniziare a misurare la temperatura circostante e falsare il risultato.

 

Quanti minuti servono al termometro digitale per dare il giusto risultato?

Non si parla mai di minuti, ma di secondi e la durata della rilevazione varia da modello a modello. Alcuni richiedono che si effettuino più misurazioni alla volta e altri riescono a fare una stima efficace anche con una sola esposizione alla fonte da misurare.  

 

Quanti gradi togliere o aggiungere alla misurazione del termometro digitale?

La risposta dipende dall’area in cui è stata effettuata la misurazione, si considera che la temperatura rettale sia almeno 0,5°C più alta rispetto a quella ascellare. Quindi è bene valutare dove misurare la temperatura e scontare il valore di conseguenza.

 

Il termometro digitale è affidabile?

Se ben usato è molto preciso e rapido. Quel che conta è riuscire a prendere dimestichezza con il dispositivo e usarlo in maniera corretta seguendo le indicazioni specifiche.

 

Dove si mette il termometro digitale?

Se dotato di bulbo si può usare indifferentemente dove è più comodo a seconda dell’età e delle caratteristiche fisiche del paziente. Se funziona con a raggi infrarossi allora è necessario posizionarlo esattamente dove indicato nelle istruzioni.

 

Quando emette un suono il termometro digitale?

Alcuni dispositivi informano dell’avvenuta rilevazione con un segnale acustico. Altri li modulano e differenziano a seconda della temperatura rilevata.

 

 

 

Come utilizzare un termometro digitale

 

Ci sono alcune accortezze da seguire quando si usa un termometro per misurare la febbre, non importa che si tratti di un modello digitale o di vetro. Quel che conta è rispettare le linee guida per avere un risultato affidabile e intervenire con la giusta terapia se necessaria.

L’igiene personale e la costituzione del paziente sono elementi da non sottovalutare per rendere tutto perfetto.

 

 

A cosa fare attenzione prima di misurare la febbre

Ci sono alcuni elementi che possono alterare la misurazione a parte l’imperizia dell’operatore. Nel caso della misurazione ascellare è bene che la pelle sia ben detersa e asciutta. Anche quando si usa il sensore a infrarossi è bene che non ci siano creme sulla pelle che possono limitare la capacità di rilevazione. Anche altre ostruzioni devono essere evitate come nel caso ci siano infezioni in corso nel canale uditivo. Per individuare un’otite nel neonato è possibile effettuare una semplice manovra. Basterà attendere un momento di calma del piccolo e verificare che il piccolo non abbia dolore alle orecchie. Basta una leggera pressione delle dita sulla parte cartilaginea che copre il condotto uditivo.

Altre accortezze da seguire quando si misura la temperatura orale riguardano l’assunzione di bevande calde o fredde fino a 15 minuti prima della misurazione. Anche i depositi di feci nell’ampolla rettale possono alterare il risultato della rilevazione.

 

Accortezze da seguire per evitare incidenti

Esistono alcuni rischi legati alla rilevazione della temperatura su cui gli operatori di pronto soccorso mettono in guardia. Il più eclatante riguarda la possibilità che il neonato o il bambino possa farsi male durante la misurazione della temperatura rettale per colpa di un movimento improvviso. Anche pazienti incoscienti o con capacità motorie o mentali limitate sono soggetti deboli che meritano la massima attenzione quando si tratta di scegliere come misurare la febbre.

Le raccomandazioni generiche per quanto riguarda la scelta dell’ampolla rettale è di inserire il bulbo per mezzo centimetro nei neonati sotto le quattro settimane e fino a 2 cm per i bimbi più grandi che però non dovrebbero mai essere in posizione supina durante la misura. Data l’invasività del metodo, è bene non ricorrere con maggiore frequenza a questa soluzione.

 

 

Con punta preriscaldata

A volte lo stesso produttore offre la possibilità di pre riscaldare leggermente la punta del sensore per evitare che il contatto con l’oggetto freddo insospettisca il bimbo. Già frastornato dalla febbre e dal malessere che porta, è normale che il piccolo paziente sia più insofferente e non sopporti il contatto con la superficie fredda direttamente sulla pelle molto calda.

Per questo motivo è possibile scegliere di acquistare dispositivi che limitano lo sbalzo di temperatura. Mentre non è consigliabile riscaldare manualmente il bulbo perché se ne potrebbe alterare la capacità di misurazione.

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Chicco – Pediatrico Ultrasmall

 

Quando si tratta di stabilire come scegliere un buon termometro digitale, il primo parametro da considerare è la facilità d’uso. Infatti, al contrario di quanto si pensi, non è il dispositivo in sé a leggere male il dato, ma il cattivo uso che determina risultati falsati.

Per aderire perfettamente alla pelle e rilevare il dato corretto, il termometro digitale Chicco offre un sondino ben allungato e sottile, flessibile al punto giusto in modo da incontrare il punto esatto da misurare.

Aderendo bene alla pelle non importa dove verrà effettuata la misurazione, perché sarà sempre precisa ed efficace.

Un segnale acustico avvisa che la temperatura è stata rilevata e la misurazione avviene in tempi molto brevi. Un altro aspetto interessante è la possibilità di preimpostare il tipo di misurazione da effettuare, quindi se ascellare, orale o rettale, per ottenere un dato il più possibile facile da interpretare.

 

Pro

Il più economico: Tra le tante proposte sul mercato, questo modello conquista i consumatori per via del buon rapporto tra qualità e prezzo, forse la migliore attualmente disponibile.

Facile da usare: Un segnale avvisa che il termometro è pronto per l’uso e un altro suono informa che la misurazione è stata eseguita. Le indicazioni sul display sono chiare e leggibili.

Disegnato per aderire con precisione alla pelle: La forma allungata e sottile rende più facile posizionare il termometro correttamente, specie nei punti più difficili come l’ascella dove potrebbe muoversi.

 

Contro

Istruzioni poco chiare: Il termometro non è corredato di istruzioni chiare e esaustive. Bisogna fare pratica provando le diverse funzioni.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...